(pt) LA NOSTRA CONCEZIONE DEL FEMINISMO DALLA PROSPETTIVA DELL'ANARCHISMO ORGANIZZATO -- Pubblicato dal Coordinamento anarchico brasiliano

a-infos-pt ainfos.ca a-infos-pt ainfos.ca
Terça-Feira, 14 de Abril de 2020 - 08:17:24 CEST


Noi donne che costituiscono le organizzazioni del coordinamento anarchico brasiliano, ci comprendiamo come parte di una lunga tradizione di 
donne anarchiche che hanno denunciato e combattuto radicalmente l'oppressione di genere; inoltre, quindi, lo sfruttamento del lavoro 
acquisisce una specificità per noi. Siamo inseriti nella tradizione di molte, molte donne anarchiche che, sebbene cancellate dalla storia di 
quelle sopra, si sono scontrate con la violenza che subiamo perché siamo donne; donne che guidavano nuovi modi di amare e problematizzare il 
modello familiare borghese che è alla base del sistema; donne che hanno risposto alla violenza del machismo, spesso dai propri partner; 
donne autodidatta, che promuovevano l'alfabetizzazione e pensavano a un'educazione liberatrice, che ha lavorato nella stampa creando e 
scrivendo su riviste libertarie; donne che si sono alzate in piedi tra le braccia! Queste donne impavide e insostenibili hanno combattuto 
contro un sistema oppressivo per una vita dignitosa e libera e hanno seminato semi libertari in tutto il mondo. Ci sono molti combattenti 
anonimi cancellati nella storia degli uomini. Ce ne sono molti che ci hanno preceduto, molti che non lo sono. Portiamo con noi la tua eredità.

Questa storia non è iniziata con noi, né finisce domani. Le violenze abbondano e c'è molto da fare.

Nello spirito di Mujeres Libres, pubblichiamo le accumulazioni e gli accordi che abbiamo finora sviluppato a livello nazionale, nonché la 
sintesi della prospettiva del femminismo che abbiamo costruito nelle nostre organizzazioni e negli spazi di lotta in cui operiamo.

Come anarchiche, crediamo che la lotta e il femminismo anti-patriarcali, così come la lotta anti-razzista e anti-coloniale, siano strategie 
fondamentali per distruggere questo sistema. Comprendiamo che le relazioni di potere sono strutturate in modi specifici e dobbiamo 
comprenderle se vogliamo distruggere il sistema di oppressione nel suo insieme. Crediamo nella costruzione di una militanza che partecipa 
attivamente alle organizzazioni popolari; che sviluppa le prestazioni attraverso l'azione diretta e la democrazia diretta. In questo senso, 
difendiamo un femminismo di classe e di base. Il nostro femminismo è una lotta sociale e collettiva. Non crediamo in una specializzazione 
della lotta femminista, ma che il femminismo deve attraversare tutte le nostre organizzazioni; che le formulazioni e le metodologie 
femministe potrebbero non indicare la libertà individuale,

Questa è la nostra concezione.

Quali sono le nostre linee guida?

Storicamente, l'anarchismo ha combattuto le varie oppressioni subite contro quelle sottostanti; perciò capì che gli oppressi erano al di là 
di una categoria ristretta di classe. Guidando ampiamente la classe, l'anarchismo ha sottolineato l'idea che le oppressioni a cui siamo 
sottoposti sono strutturate nei modi più diversi. Pertanto, il femminismo che noi anarchici chiediamo non potrebbe essere centrato solo 
sull'idea di classe, per esempio. Tale taglio ci porterebbe ad un'analisi superficiale, in cui genere e razza non avrebbero rilevanza e, 
quindi, non saremmo vicini alla realtà sociale che sperimentiamo. Alla fine, un tale taglio non sarebbe neppure in linea con la nostra 
concezione di anarchismo.

È a causa di analisi limitate al ritaglio di classe che ci sono, ad esempio, spazi del movimento nero in cui il problema del genere è in 
background e le donne nere sono messe a tacere. O, d'altra parte, non rivolgendosi alla classe, c'è il rischio di sviluppare un'analisi 
distaccata della realtà materiale del problema del nero periferico, per esempio. Allo stesso modo, ci sono anche spazi per le donne in cui 
la questione della classe e della razza non viene discussa, e le donne che lavorano e le donne di colore non possono incontrarsi, tanto meno 
identificarsi con i discorsi e le discussioni fatte lì. O, tuttavia, ci sono alcuni spazi in cui una centralità viene applicata solo al 
taglio di classe, i problemi di razza e genere sono in secondo piano e le donne bianche e non bianche non si sentono a proprio agio o 
identificate.

Comprendiamo che l'oppressione di genere è correlata al problema della razza e della classe, e questo è qualcosa che cambia in base ai 
contesti sociali e materiali in cui sono inseriti i soggetti. In questo senso, l'idea di "intersezionalità" funge da strumento per l'analisi 
delle dominazioni, aiutandoci a comprendere alcune questioni. In tale misura, comprendiamo che le oppressioni sono trasversali (attraversano 
e sono attraversate da altre oppressioni), essendo presenti in tutte le aree della nostra vita e nella società. Tuttavia, non si può partire 
da questo e confondere questo carattere trasversale con una lettura secondo cui le oppressioni sarebbero come qualcosa di totalmente 
omogeneo o che fossero semplicemente una somma di vari tipi di oppressione. Inoltre, dobbiamo considerare la realtà sociale come un 
costruttore di oppressione e non una conseguenza.

Pertanto, per noi di CAB, il nostro femminismo può essere solo il "femminismo di quelli inferiori", che considera le condizioni di genere, 
razza, classe e diversità sessuale, comprendendo che questi elementi e le loro relazioni di potere si uniscono per strutturare le relazioni 
di dominio che ci attraversa.

Per riassumere, crediamo che il nostro femminismo come anarchiche specifiche debba essere un femminismo classista, antirazzista, 
anticapitalista, non esclusivo (e trans-inclusivo) con una prospettiva rivoluzionaria e una rottura con lo Stato.

Critica al femminismo liberale eurocentrico

Come donne che credono nella lotta al fianco di quelle sotto, noi anarchiche abbiamo disaccordi e critiche al femminismo liberale 
eurocentrico. Nel corso del suo sviluppo, il femminismo liberale ha guidato le libertà individuali, manifestando e difendendo l'idea che 
"siamo tutti uguali". In questa traiettoria, si cercava di equiparare la donna all'uomo bianco e borghese, rivendicando per lei gli stessi 
diritti di lui. Come le concezioni del liberalismo, questo femminismo finisce per fare tagli che sono limitati al livello dell'individualismo.

Pertanto, la nostra critica al femminismo liberale si riferisce solo alla sua difesa della liberazione individuale, senza riflessione di 
classe. Quindi, riproduce la logica capitalista quando pensa all'emancipazione delle donne solo come riconoscimento e mobilità sociale, ad 
esempio, all'interno di una società che rimane ineguale. In questa concezione, le donne avrebbero il diritto di svolgere gli stessi lavori 
degli uomini, ma quando lì, la logica della disuguaglianza continua a riprodursi. Questo femminismo liberale ha appropriato i concetti e le 
linee guida che sono storici nella lotta popolare e femminile. Distorsione di molti concetti in modo che siano conformi ai precetti liberali 
e neoliberali. Questa appropriazione serve il capitalismo in molti modi. Un esempio è l'uso dell'idea stessa di uguaglianza da parte del 
mercato, con la sua pubblicità di massa, che contribuisce a naturalizzare una presunta "uguaglianza" che già esiste, naturalizzando anche la 
logica del capitalismo e dello Stato, che rimangono intatti. Pertanto, il mercato alimenta la falsa illusione dell'uguaglianza, predicando 
come "empowerment" che le donne possono avere "successo nelle grandi aziende", nelle cariche dello Stato, ecc., Ottenendo alte posizioni o 
leadership, in una logica meritocratica. Tuttavia, quando ricoprono questi incarichi, continuano a lavorare per il sistema e all'interno del 
sistema, senza mettere in discussione il motivo per cui altre donne non "hanno avuto successo", senza attribuire questa disuguaglianza al 
sistema capitalista. predicando come "empowerment" che le donne possono avere "successo nelle grandi aziende", nelle cariche dello Stato, 
ecc., raggiungendo posizioni elevate o leadership, in una logica meritocratica. Tuttavia, quando ricoprono questi incarichi, continuano a 
lavorare per il sistema e all'interno del sistema, senza mettere in discussione il motivo per cui altre donne non "hanno avuto successo", 
senza attribuire questa disuguaglianza al sistema capitalista. predicando come "empowerment" che le donne possono avere "successo nelle 
grandi aziende", nelle cariche dello Stato, ecc., raggiungendo posizioni elevate o leadership, in una logica meritocratica. Tuttavia, quando 
ricoprono questi incarichi, continuano a lavorare per il sistema e all'interno del sistema, senza mettere in discussione il motivo per cui 
altre donne non sono "riuscite", senza attribuire questa disuguaglianza al sistema capitalista.

Questo processo di distorsione si è verificato anche con il concetto di "Empowerment", i cui contorni sono stati dati dalle opere di 
pedagogia critica, in particolare Freire. È importante ricordare che questo concetto è nato radicato nei movimenti popolari, essendo 
opportunamente distorto dal femminismo liberale. Pertanto, quando parliamo di Empowerment, dobbiamo riportarlo alla sua radice collettiva. 
Solo l'empowerment collettivo farà la differenza nella lotta delle donne.

Per il femminismo liberale è sufficiente una "uguaglianza" simulata all'interno del sistema capitalista stesso. Per noi è necessario 
rovesciare il capitalismo e lo stato. E questa è una condizione per costruire vera libertà e uguaglianza per le donne. In questo senso, 
notiamo anche che dobbiamo andare oltre il carattere eurocentrico di questo femminismo. Per questo, prendiamo come riferimento la lettura di 
ciò che le donne curde stanno costruendo e le loro critiche al carattere eurocentrico che ha influenzato la costruzione femminista nel 
mondo. È necessario per noi costruire un femminismo con i suoi piedi sul terreno della nostra stessa realtà, latinoamericana. E questo passa 
attraverso la comprensione della nostra storia e della nostra costruzione come donne latine, usando le nostre esperienze e le nostre 
accumulazioni,

Per un femminismo trans

  Per noi, specifiche donne anarchiche, è estremamente importante far avanzare la concezione del femminismo che vogliamo costruire a livello 
nazionale. Pertanto, è necessario chiarire che il nostro femminismo comprende le persone trans (uomini e donne). Pertanto, non ci 
identifichiamo con il "femminismo radicale" (o con un femminismo trans-escluso) perché, come anarchici, difendiamo la fine di ogni dominio 
nella società. Per noi non ha senso pensare a un femminismo che esclude le persone oppresse, le persone che vengono violentate e massacrate 
dalla transfobia che permea la nostra società ogni giorno. Dobbiamo preservare e difendere la dignità, il rispetto e il diritto di tutte le 
persone, assolutamente di tutti gli esseri umani. Certo, non possiamo non mettere in relazione l'eteronormatività con il machismo. Questo è 
un fattore che si ripercuote nella discussione sulla costruzione della famiglia e del lavoro. Pertanto, è importante considerare il problema 
della mascolinità anche come una discussione di genere, dal momento che tutti ne siamo interessati e dal modo in cui le persone lo vedono.

Rifiuto di un femminismo esclusivo per le donne

  Riteniamo inoltre che gli spazi esclusivi siano importanti per rafforzare le persone di un determinato gruppo sociale e che dobbiamo 
capire e rispettare i loro bisogni. Pertanto, non vediamo problemi nell'avere spazi esclusivi (incluso, comprendiamo la loro forza, 
importanza e necessità) quando sorgono richieste negli spazi che costruiamo, ma comprendiamo che il movimento non dovrebbe avvenire solo in 
questo modo. Pertanto, crediamo che dobbiamo anche avere spazi misti, poiché la questione del genere è qualcosa che attraversa la realtà di 
uomini e donne, e non solo delle donne. Gli uomini avvertono anche varie pressioni da parte della società per esercitare la propria 
mascolinità nel modo che il buon senso ha determinato per loro centinaia di anni fa. Pertanto, comprendiamo l'importanza di avere anche i 
loro spazi di formazione, discussioni e dibattiti esclusivi per poter pensare a nuovi modi di agire a livello politico e sociale; rivedere 
gli atteggiamenti e le dipendenze che il machismo strutturale della società li fa riprodurre quotidianamente, sia nella sua vita personale, 
professionale o politica. Dobbiamo anche capire che l'inclusione delle persone maschi cis è diversa dall'inclusione delle persone trans. 
Comprendiamo quindi che una donna trans, ad esempio, deve essere inserita in uno spazio esclusivo per le donne e che un uomo trans deve 
essere inserito in uno spazio per gli uomini ed entrambi devono essere accettati in tali spazi. Dobbiamo anche capire che l'inclusione delle 
persone maschi cis è diversa dall'inclusione delle persone trans. Comprendiamo quindi che una donna trans, ad esempio, deve essere inserita 
in uno spazio esclusivo per le donne e che un uomo trans deve essere inserito in uno spazio per gli uomini ed entrambi devono essere 
accettati in tali spazi. Dobbiamo anche capire che l'inclusione delle persone maschi cis è diversa dall'inclusione delle persone trans. 
Comprendiamo, quindi, che una donna trans, per esempio, deve essere inserita in uno spazio esclusivo per le donne e che un uomo trans deve 
essere inserito in uno spazio per gli uomini ed entrambi devono essere accettati in tali spazi.

Difendere l'espansione dei diritti sociali attraverso la lotta popolare e l'azione diretta

  Valutando che la lotta delle donne, molte volte, deve passare attraverso la conquista di agende molto basilari e che sarebbe 
responsabilità dello Stato, riflettiamo che non dobbiamo abbandonare queste agende, poiché non possiamo aspettare che la rivoluzione si 
limiti a conquistare i diritti fondamentali. In altre parole, non possiamo lavorare solo con il programma massimo. La rivoluzione sociale 
sarà costruita sui processi quotidiani di lotta e potere popolare, nonché sui progressi e le conquiste di più politiche e diritti, nonché 
sul mantenimento di questi.

Le donne sono le prime ad essere trascurate, sono le prime ad essere licenziate in una crisi, sono quelle che soffrono di più con l'aumento 
del valore del cibo e del costo della vita. Per quanto riguarda la maternità, gli stessi spazi di replicazione della maternità finiscono per 
essere stanziati dallo Stato (assistenza prenatale, asili nido, ecc.). Ci stiamo impegnando nella lotta per queste linee guida di base entro 
i limiti dello Stato perché deve essere richiesto per garantire tali diritti e, nel caso in cui lo Stato non li fornisca, dobbiamo uscirne, 
con le nostre mani e la nostra lotta. È così che difendiamo la lotta per l'edilizia abitativa, l'assistenza all'infanzia, il parto 
umanizzato e una migliore assistenza negli ospedali, nell'istruzione e nella salute, che incidono direttamente sulla vita delle donne delle 
persone.

Siamo consapevoli di rivendicare lo Stato, anche se miriamo alla sua fine. D'altra parte, la nostra posizione si basa su una relazione 
conflittuale e non su una richiesta dello Stato. Ci confrontiamo con lo Stato in modo che fornisca oggi ciò che è urgente per la vita delle 
donne sottostanti. In questo senso, abbiamo scelto di usare il termine "politiche pubbliche" anziché le riforme. Ciò che chiediamo nel 
confronto con lo Stato è la fattibilità delle politiche pubbliche che fanno la differenza per le donne. Ed è sempre una domanda di diritti 
che proviene dalla lotta e dall'organizzazione popolare. Inoltre, crediamo e cerchiamo di seminare esperienze autonome per le donne 
all'interno delle loro comunità. Sebbene lo Stato non garantisca politiche in grado di fornire il minimo, dobbiamo costruire, sostenere, 
difendere, con le comunità, esperienze autogestite e autonome che hanno lo scopo di organizzare punti vendita collettivi per la vita delle 
donne. Per questo motivo, dobbiamo costruire e mostrare solidarietà con esperienze di auto-organizzazione collettiva di assistenza ai 
bambini, possibilità di costruire "cooperative" o lavoro cooperativo, che può essere usato per mantenere le donne nelle comunità. Queste 
esperienze sono processi che contribuiscono alla costruzione di potere popolare, autogestione, autonomia e responsabilizzazione delle donne 
dal basso e delle donne che lavorano. Principi che difendiamo; e, quindi, sono anche i nostri compiti e responsabilità. possibilità di 
costruire "cooperative" o opere cooperative, che sono disponibili per il mantenimento delle donne nelle comunità. Queste esperienze sono 
processi che contribuiscono alla costruzione di potere popolare, autogestione, autonomia e responsabilizzazione delle donne dal basso e 
delle donne che lavorano. Principi che difendiamo; e, quindi, sono anche i nostri compiti e responsabilità. possibilità di costruire 
"cooperative" o opere cooperative, che sono disponibili per il mantenimento delle donne nelle comunità. Queste esperienze sono processi che 
contribuiscono alla costruzione di potere popolare, autogestione, autonomia e responsabilizzazione delle donne dal basso e delle donne che 
lavorano. Principi che difendiamo; e, quindi, sono anche i nostri compiti e responsabilità.

Pertanto, stiamo al fianco delle donne in questa lotta che coinvolge diritti fondamentali, ma che deve raggiungere trasformazioni 
rivoluzionarie. In questa costruzione, difendiamo la lotta popolare e l'azione diretta nella conquista dei diritti e nella promozione del 
potere popolare, oltre a difendere la strategia di autodifesa non solo in senso corporeo, ma anche una posizione collettiva, pensata, 
elaborata e lavorata insieme i nostri compagni e compagni. In questo processo, costruiamo quotidianamente, nella lotta, la rottura con lo 
Stato, il capitalismo e il patriarcato e il progresso verso la costruzione di auto-organizzazione e autonomia.

Armati di questi principi generali e costruendo un femminismo dal rapporto tra pratica e teoria, ci posizioniamo nelle file delle lotte 
delle donne, come anarchiche e femministe! Possa il femminismo essere una realtà per le donne al di sotto e possa la lotta delle donne 
crescere e diffondersi con combattività, sostegno reciproco e sorority in tutto il mondo!

Con il potere popolare!

Per una vita dignitosa, libera e ribelle!

Prendili quel luchan!

https://anarquismo.noblogs.org/?p=1345


Mais informações acerca da lista A-infos-pt