(pt) France, Alternative Libertaire AL #283 - Grande distribuzione: Caddy Dams Against Restructuring (en, fr, it) [traduccion automatica]

a-infos-pt ainfos.ca a-infos-pt ainfos.ca
Sexta-Feira, 1 de Junho de 2018 - 07:52:15 CEST


Boss a Carrefour non è una panacea. Militare in alcuni negozi dove c'è un'atmosfera 
razzista, lo è ancora meno. Tuttavia, il settore è in fermento e gli impiegati pagheranno 
molto cara ! Storia dello sciopero del 31 marzo in un ipermercato di Herault. ---- Questa 
mattina, come sei mattine su sette, mi alzo alle 3 del mattino per andare al lavoro. Di 
solito non è la gioia, ma oggi non mi accelero. Mi chiedo come si svolgerà questa 
giornata. ---- Siamo davvero sabato 31 marzo 2018 e oggi è uno sciopero nazionale nei 
negozi Carrefour. Avrà, come nel 2005, il mio primo attacco a Carrefour, organizzato da 
FO, l'apparizione di una marcia funebre ? All'epoca FO aveva negoziato con la direzione 
per fermare lo sciopero alle 14 ore ... e avevamo appreso qualche minuto prima: fine dello 
sciopero, riprendere il taf altrimenti ci saranno sicuramente sanzioni ! In seguito a 
questo episodio, il CFDT è stato formato e FO è stato praticamente eliminato nelle 
seguenti elezioni.

Per lo sciopero di quest'anno, su invito del sindacato CGT-CFDT-FO, è stata pianificata 
una distribuzione di volantini - normale - ma, innovazione, abbiamo dovuto filtrare gli 
ingressi e le uscite nel negozio durante tutto il giorno. Quando giro alle 4:20, trovo una 
dozzina di colleghi. A poco a poco il nostro gruppo cresce. Verso le 7 scopriamo che la 
direzione fa ritornare il personale non-sorprendente per evitare di essere sotto pressione 
... e che il delegato del delegato del personale della CGT è tra questi ! Indignazione nei 
ranghi.

Come spesso, lo sciopero era al massimo in riserva e sulle bancarelle - fino al 90  % al 
negozio di pesce, al 100  % al panificio - e molto in basso sulle casse. La maggior parte 
dei dipendenti sono donne in situazioni precarie, con orari di apertura, che non possono 
permettersi di perdere un centesimo.

La politicizzazione degli spiriti
Alle tre entrate dell'ipermercato, le nostre dighe filtranti sono composte da cluster 
Caddy. Prendendo un volantino, lasciamo che i veicoli delle famiglie con bambini e coloro 
che vanno a guidare. Buona sorpresa: una delegazione dell'università di lettere di 
Montpellier ci fa visita. La sua proposta di convergenza della lotta è percepita 
positivamente, anche se le opposizioni vengono ascoltate.

Si noti che la maggior parte sono employé.es issu.es villaggi bagnate dalle idee di 
caccia, pesca, natura e tradizione, De Villiers e, più recentemente, la FN o la Francia 
Arise circostanti ... In un'epoca nel negozio c'erano anche due delegati della CGT che 
facevano propaganda per il FN - uno è stato escluso e l'altro si è unito al CFDT prima di 
essere escluso a sua volta. In breve, tutto ciò mantiene una mentalità né molto solidale 
né molto combattiva (eufemismo). Ad esempio, quando uso la parola lavoratore per 
definirci, spesso provoca proteste: "  Oh no ! Siamo dipendenti, non abbiamo nulla a che 
fare con questo ! E quando la rabbia brontola, è spesso sufficiente che la direzione 
organizzi una piccola serata o un piccolo barbecue a mezzogiorno per essere ben visto e 
calmare le recriminazioni.

Ma c'è di peggio. Quando la notizia è segnata da attacchi islamici, i colleghi di origine 
musulmana mordono gravemente. Dopo il massacro del Bataclan, per diversi giorni, sulle 
riserve, gli impiegati si sono divertiti a scrivere messaggi di odio sui prodotti halal - 
come "  vai a casa  ", "  valigia o bara  ", ecc. . E i delegati non volevano avvisare il 
management per fermarlo. Alcuni sono andati fino a defecare vicino ai bagni e registrando 
con il pennarello "  torna da dove vieni  " - messaggio al personale delle pulizie, 
principalmente di origine maghrebina o malgascia.

In altre parole, organizzare uno sciopero può essere una boccata d'aria fresca, una 
parentesi di solidarietà di classe che crea un'atmosfera diversa per un po '.

Tuttavia, ci sono motivi per protestare. La produttività aumenta costantemente, a volte al 
limite delle molestie, con una graduale riduzione dei numeri, in modo da non sentirci 
troppo e da attrezzature non specializzate che si rompono.

Il motto è "  risparmi, risparmi  ", non perché Carrefour è deficitario, tutt'altro. I 
suoi profitti sono enormi, ma considerati insufficienti dagli azionisti.

Attualmente ci sono grosse domande sul modello economico della grande distribuzione. I 
pesi massimi esagonali (Carrefour, Casino, Leclerc, Casino, Cora) temono l'arrivo di 
estranei come l'Amazzonia americana o la cinese Alibaba, drogati con robotica digitale e 
avanzata. Per mantenere i loro margini, fanno affidamento sull'aiuto dello Stato 
(infrangono il Codice del lavoro, l'esenzione dalla tassa di proprietà e altri doni 
fiscali come il CICE), fanno pressione sui dipendenti (aperture di sera e domenica ) e 
avviare piani di ristrutturazione con i carri di licenziamenti.

La corsa all'automazione
Ognuno ha il proprio piano di visionario, "  Vision 2025  " è giustamente chiamato uno dei 
Auchan, che ha annunciato un budget di 1,3 miliardi di euro da ristrutturare, con 800 
tagli di posti di lavoro nella chiave, ha negoziato con la CFTC e il GSC. I gruppi fondono 
i loro uffici acquisti centrali (Casino and Intermarché, Auchan e Système U). I 
distributori automatici di biglietti sono chiamati a crescere, i clienti stanno essendo 
sempre più "  educato  " e casinò vuole imitare il sistema robotico del Ocado britannico, 
che preparerebbe un paniere di 50 prodotti in meno di sei minuti.

Carrefour, come Casino, vuole ridurre le sue superfici o sfruttarle in collaborazione con 
altri marchi (la Fnac, ad esempio). Alcuni reparti potrebbero essere limitati al ritiro di 
prodotti ordinati online. La formula guida di Carrefour (noi scacciamo l'ordine effettuato 
su Internet) continua a crescere: ora ci sono più di 4.000, e anche di recente, "  guida 
pedonale  ".

Infine, c'è la soluzione per sbarazzarsi dei negozi considerati troppo non redditizi, sia 
chiudendoli che noleggiandoli. Questo è attualmente il caso per 273 negozi Carrefour City 
o Contact. Tuttavia, la gestione del leasing è la promessa di un declino delle condizioni 
sociali per i dipendenti trasferiti. In alcune aree sono state rilevate riduzioni del 
personale dal 10 al 30  % e fino al 20% delle riduzioni salariali.

In breve, la grande distribuzione è in subbuglio e i padroni stanno facendo di tutto 
perché gli azionisti ricevano i loro dividendi come se nulla fosse accaduto. Questi sono 
gli impiegati che soffrono nei loro libri paga, nelle loro spalle, nelle loro gambe, nello 
stress ...

Avremo bisogno di lotte collettive per fermare questo, e per innalzare il livello di 
coscienza contro questo spietato sistema capitalista.

Eric (AL Montpellier)

http://www.alternativelibertaire.org/?Grande-distribution-Barrages-de-Caddie-contre-les-restructurations


Mais informações acerca da lista A-infos-pt