A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019 | of 2020 | of 2021 | of 2022
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) Greece, APO, land & freedom - Collettiva - azioni informative e invito alla raccolta (ca, de, en, pt, tr)[traduzione automatica]

Date Tue, 28 Jun 2022 09:03:24 +0300


Azioni cumulative - informative contro la precisione e la richiesta di concentrazione centrale ---- Contro la precisione, il saccheggio della base sociale e la barbarie statale e capitalista, abbiamo recentemente tenuto manifestazioni e interventi microfonici nei seguenti punti. Il 14 maggio ci siamo incontrati con l'intervento e la condivisione di testi alla stazione della metropolitana Syggrou - Fix, seguito da un microfono - un raduno in Victoria Square il 19 maggio, il 26° raduno - un microfono nel parco di Cipro e Patissia e un intervento al Stazione ISAP Petralona il 28 dello stesso mese. Infine, il 4 giugno, è stato affisso un poster e sono stati distribuiti testi nella lingua popolare degli Esarcati. ---- CONTRO LA BARBARISMIA DI STATO E CAPITALISTICA ---- E L'ULTERIORE RAPINA DELLA BASE SOCIALE
Le successive crisi del sistema statale-capitalista non sono il risultato di eventi accidentali, ma scaturiscono dalle sue stesse contraddizioni causate dal conflitto insanabile imposto dal suo principio fondamentale, lo sfruttamento e l'oppressione dell'uomo da parte dell'uomo. Le élite politiche ed economiche sono determinanti nelle crisi in modo che il sistema possa perpetuare la sua esistenza, aumentare i suoi profitti, estendere il suo potere e approfondire il suo dominio sulle società e sulla natura.

Lo scoppio della guerra in Ucraina dopo l'invasione militare della Russia è l'ultimo evento attraverso il quale emerge il profondo decadimento del sistema statale-capitalista, che non ha nulla da promettere al popolo sottostante se non guerra, rifugiati, malattie, povertà, impoverimento, controllo e sottomissione. L'intensificarsi delle rivalità intraimperialistiche per il dominio delle risorse produttrici di ricchezza, per la loro gestione e l'ampliamento della "sfera di influenza" di ciascun blocco di potere, unita al costante desiderio di stati e padroni di massimizzare il proprio potere e i propri profitti, per un'altra volta, come risultato dell'instaurarsi di una realtà da incubo per le fasce sociali inferiori di tutto il mondo. In primo luogo per i popoli che vivono gli orrori della guerra e dei profughi e subito dopo per tutti gli altri che accettano sia le conseguenze del saccheggio di ogni provvista dei beni di prima necessità per la sopravvivenza dei beni sociali sia l'ulteriore intensificazione del controllo, della sorveglianza, della repressione e della condizioni di sfruttamento e oppressione.

Questa condizione, combinata con il paesaggio in rovina modellato dalla gestione omicida dello stato della pandemia - con la tragica conseguenza della morte di milioni di persone in tutto il mondo e 30.000 in Grecia fino ad oggi, dove lo stato greco ha offerto solo una selvaggia repressione del sociale e le resistenze di classe nel suo insieme e l'ulteriore scioglimento del NSS, con il suo completo abbandono, con fusioni di reparti ospedalieri e privatizzazioni e con la sua mancanza di personale con il personale necessario - portano ora l'intera base sociale a un impoverimento violento e la loro classe più debole trovare difficoltà a soddisfare i loro bisogni primari di sopravvivenza. Le bollette domestiche e i costi di produzione sono aumentati nel minor tempo che mai. La donazione di strutture pubbliche per la produzione di energia nelle mani di boss locali e sovranazionali, con il prezzo di un kilowattora in Grecia ai vertici d'Europa e il costo del carburante al livello più alto di sempre, rendendo la necessità di riscaldamento e trasporti un il lusso e l'aumento complessivo del costo dei beni di prima necessità stanno impoverendo sempre più la società. I beni di prima necessità come il pane e l'olio di girasole hanno raggiunto livelli inimmaginabili. Ciò riduce la capacità dei poveri di soddisfare i loro bisogni primari poiché non sono in grado di provvedere nemmeno ai beni di prima necessità.

Lo Stato fedele al modello neoliberista continua ad aumentare il costo della sopravvivenza a un ritmo ancora più intenso, mentre il lavoro non assicurato e precario, l'orario di lavoro flessibile, l'intensificazione del lavoro, le privatizzazioni e la gestione di tutti i nostri bisogni primari sono punti che rispondono al bisogno del capitalismo per l'acuirsi della disuguaglianza di classe e la completa svalutazione delle nostre vite. La questione abitativa con il continuo aumento degli affitti ha condannato gran parte della base sociale all'incapacità di farvi fronte e allo stesso tempo il nuovo codice fallimentare minaccia migliaia di famiglie di sfratto dalle proprie case. Di fronte all'esattezza, alla svalutazione delle nostre vite, all'impoverimento e all'oppressione, di fronte alle guerre e al nazionalismo, di fronte agli stati e ai padroni che opprimono le nostre vite per intensificare le lotte sociali e di classe. Stiamo tutti insieme sulla strada e nelle lotte di resistenza sociale e di solidarietà di classe. Combattere collettivamente e dal basso contro i nostri tiranni, rafforzare e custodire le resistenze sociali e di classe che sono nel mirino della repressione e organizzarne di nuove. Senza delusioni sul ruolo delle istituzioni, senza offrire alcun consenso nella gestione della nostra vita, senza fare un solo passo indietro rispetto a ciò che abbiamo conquistato e che è costantemente in gioco e rendendo i luoghi in cui lavoriamo, studiamo e viviamo focolai di resistenza e partita. Di fronte alla guerra, che è l'unica via di salvezza per lo Stato e il sistema capitalista, di fronte al progetto di sterminio degli sfruttati e degli oppressi, di fronte al nazionalismo, al fascismo e all'imperialismo, l'unica speranza è la solidarietà internazionale organizzato da sotto. La nostra unica guerra è la guerra sociale e di classe! Per rovesciare il mondo del potere e creare una società di uguaglianza, libertà e giustizia!

LA PRECISIONE È CLASSE VIOLENTA
TUTTO PER TUTTI!
SALUTE-EDUCAZIONE-CIBO-ABITAZIONE

SOLIDARIETÀ SOCIALE, DI CLASSE, INTERNAZIONALE L'ARMA DEL POPOLO
ORGANIZZAZIONE E LOTTA PER LA RIVOLUZIONE SOCIALE

Invitiamo ad un microfono centrale - raduno, giovedì 23 giugno, ore 18.30, piazza Korai,

contro la barbarie statale e capitalista, ulteriore saccheggio della base sociale e della precisione

Il prossimo iter dell'Assemblea degli Anarchici per l'Emancipazione Sociale e di Classe si svolgerà giovedì 23/6, alle ore 20.00. in ASOEE

Assemblea degli anarchici per l'emancipazione sociale e di classe

Contro il totalitarismo moderno, è tempo ancora una volta di promuovere dignità, resistenza, solidarietà.

https://landandfreedom.gr/el/agones/849-s-a-k-t-x-sygkentrotiko-enimerotiko-draseon-kai-kalesma-se-sygkentrosi
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe https://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it