A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019 | of 2020 | of 2021 | of 2022
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) Spaine: CNT nº 430: Il progetto educativo gratuito di Paideia di Josefa Martín Luengo - DOSIER Repressione | Collettivo Paideia, Merida (ca, de, en, pt, tr)[traduzione automatica]

Date Sat, 18 Jun 2022 09:11:07 +0300


L'obiettivo principale della Paideia Free School è stabilire le basi non dogmatiche per la realizzazione di una società libera e responsabile, nonché eliminare i dogmi e consentire il maggior numero di opzioni di cui una persona ha bisogno per diventare e realizzare il proprio progetto personale. ---- Di fronte a una società con una struttura autoritaria, un'economia capitalista consumistica, altamente individualizzata, competitiva e non solidale, dove la perdita dei valori umani è ogni giorno più allarmante, cercando di incoraggiare un luogo di vita libero e tollerante, non autoritario, solidale ed egualitario, presuppone un grande sforzo da parte di tutte le persone che si sentono coinvolte in questo progetto, per poter vivere e convivere nel rispetto dei valori naturali di uguaglianza, solidarietà, libertà, responsabilità e tolleranza.

Le persone che difendono questo progetto, come quelle altre persone che, essendo madri e padri, lo vogliono per i propri figli, devono considerare che è una scelta difficile e impegnata, perché significa lottare contro l'inerzia quotidiana che un mediatore e comportamentista la società ci impone dalle nostre strutture mentali, dai nostri stessi processi vitali, e dalla pressione dei gruppi che ci circondano, perché cercheranno di contrastare questa opzione facendoci sparire nello sforzo, in un desiderio eccessivo di renderci simili a quella grande maggioranza, che assume senza grandi approcci la tirannia di un'ingannevole uguaglianza, che non è altro che un condizionamento subliminale e subdolo, affinché smettiamo di desiderare un mondo migliore e accettiamo senza protestare, quello che ci offrono come "il migliore".

Il concetto di libertà è attualmente deteriorato dalle influenze subdole di una società che non vuole persone libere, cercando di farci considerare la libertà come nient'altro che opzioni facili e intransigenti, che di solito rimangono in belle parole, ma che raramente si trovano. avallato dalla vita che manifestiamo, dal pensiero che possediamo e dagli obiettivi verso i quali ci stiamo dirigendo.

Le persone che continuano ad appartenere al Collettivo Paideia e che oggi, come 43 anni fa, vogliono questa alternativa globale alla società, sono disposte a continuare a difendere questa ricerca di una vita migliore, contro coloro che, nemici della libertà, cercano di imporre con tutti i mezzi possibili, le loro arie di conservatorismo, involuzione, adattamento subdolo o desiderio di potere.

Per Paideia la pressione e il potere sono atteggiamenti disumanizzati che portano solo alla perpetuazione di un mondo intollerante che è sempre più infelice, isolato e schiavo di queste ansie.
Assumere questa alternativa, quindi, presuppone, da parte di tutti e tutti, un impegno e una responsabilità liberamente accettati. Il concetto di libertà, che è l'asse generatore del nostro progetto, è attualmente deteriorato dalle influenze subdole di una società che non vuole persone libere e cerca di confonderci, cercando di farci considerare la libertà, che non è altro che facile e opzioni intransigenti, che di solito restano in belle parole, ma che sono scarsamente supportate dalla vita che manifestiamo, dai pensieri che abbiamo e dagli obiettivi verso cui ci stiamo dirigendo.

Perché non c'è educazione neutra, perché ogni educazione implica un'antropologia, così come non ci sono paradisi di felicità, perché non esistono paradisi.

Pensiamo che la libertà debba essere un processo di vita, dove in ogni momento di essa, possiamo raggiungere la massima libertà possibile e per questo, dobbiamo coltivare la nostra maturazione, la nostra evoluzione, i nostri limiti e la nostra accettazione.

Forse è solo un atteggiamento mentale, che desideriamo appassionatamente, e che cerchiamo di mostrare quotidianamente, non con belle parole, ma con lavoro, perseveranza e solidarietà.
Per poterci avvicinare a questo difficile concetto, dobbiamo sforzarci di maturare, di lottare contro la nostra stessa eredità, eredità, purtroppo molto condizionante, per essere stata introiettata fin dalla nostra infanzia, dai meccanismi quasi perfetti del fascismo che ci hanno circondato.

E per poter educare, in questo senso, e consideriamo educare "aiutando gli immaturi a maturare", per poter accedere alla loro identità e alla loro massima felicità, dobbiamo considerare che l'essere umano nelle fasi dell'infanzia, l'infanzia e l'adolescenza, è un essere in transito verso l'età matura, fortemente condizionato dai limiti dei propri processi evolutivi, e per questo l'esperienza della libertà va da meno a più libertà, attraverso le esperienze individuali e collettive che quella persona vive nel corso questi periodi, tentando che presuppone uno sforzo di immediatezza più accessibile della credenza illusoria che sia possibile raggiungere un
libertà totale, perché quell'atteggiamento, oltre ad essere irreale, può fermare il processo a causa della frustrazione dell'impossibilità.

Aiutare la persona immatura a maturare e quella maturità presuppone un'etica naturale e umanistica, che è l'etica dell'anarchia, dobbiamo farlo attraverso l'arte dell'educazione, la scienza pedagogica e un concetto concreto di persona che risponda a una certa ideologia. Perché non c'è educazione neutra, perché ogni educazione implica un'antropologia, così come non ci sono paradisi di felicità, perché non esistono paradisi.

La libertà non può essere imposta, la libertà può essere solo amata, e questa società ha progressivamente spianato la sensibilità dell'amore e quindi perde il suo desiderio di libertà.

L'educazione alla e per la libertà non ha nulla a che vedere con il "lasciar andare", perché se lasciamo la persona, ragazzo o ragazza, sola senza intervenire, poiché nella società ci sono infiniti fattori educativi indiretti, lasciamo la porta aperta per rispondere senza alcun disagio allo schema antropologico che questa società promuove e trasmette, con il quale non siamo affatto d'accordo, poiché perpetua una convivenza disumanizzata costantemente minacciata dalla guerra, dalla violenza, dalla discriminazione, dall'oppressione, dalla repressione e dall'infelicità.

Ma non dobbiamo dimenticare, in questo sforzo che ci assiste, che la paura della libertà è una costante umana che evidenziiamo giorno per giorno, perché la sicurezza - dipendenza dall'autorità - si basa sulla maggioranza, e il prezzo della libertà è quasi sempre solitudine. E l'essere umano fugge dalla solitudine, anche se il prezzo che paga per essa è l'incatenamento della sua qualità più preziosa: LA LIBERTÀ.

Ma, ovviamente, la libertà non si può imporre, la libertà si può solo amare, e questa società ha progressivamente spianato la sensibilità dell'amore e quindi perde il suo desiderio di libertà.

Le persone che amano la libertà si riuniscono attorno a questo progetto per adempiere alla nostra responsabilità sociale di migliorare il mondo e offrire alle generazioni future opportunità a cui altre generazioni hanno subito il veto.

Il Progetto Paideia vuole solo poter vivere intorno a relazioni umane che siano basate su: uguaglianza, solidarietà, giustizia, libertà, responsabilità, affetto, aiuto reciproco, tolleranza e felicità. E per ottenere questo deve avere coloro che vogliono vivere e far vivere in questi valori umani.

Pertanto, ancora una volta Paideia fa una dichiarazione di principi, principi che sono stati, sono e saranno gli stessi nel corso della sua storia e questa storia dipenderà da chi liberamente assume questa alternativa.

https://www.cnt.es/noticias/el-proyecto-educativo-libre-de-paideia/
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe https://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it