A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019 | of 2020 | of 2021
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) ponte: Cuba: intervista a Octavio Alberola

Date Thu, 22 Jul 2021 10:35:13 +0300


Intervista al militante libertario spagnolo e veterano della lotta antifranchista Octavio Alberola sull'angolazione anarchica su Cuba, pubblicata originariamente sul mensile venezuelano El Libertario nel 2004. ---- Tra l'altro Octavio Alberola è attualmente la forza trainante del GALSIC (Gruppo di supporto per i libertari e i sindacalisti indipendenti a Cuba), una rete di supporto e informazione che, di concerto con il Movimento Libertario Cubano in Esilio (MLCE), denuncia gli eccessi di La multiforme dittatura di Fidel Castro dal punto di vista anarchico. ---- El Libertario: Qual è il problema dell'anarchismo con la cosiddetta rivoluzione cubana?

Octavio Alberola: In sostanza, che non è affatto una rivoluzione sociale, ma uno stratagemma semantico per mascherare la sua vera essenza e la realtà di una dittatura populista. Certo, c'è la questione della mancanza di diritti umani fondamentali (diritti di opinione, espressione e assemblea), negata ai cubani da una dittatura totalitaria. Gli anarchici vedono tali diritti come inalienabili.

Ma la nostra critica al castrismo - perché la cosiddetta "rivoluzione cubana" è semplicemente un potere totalitario messo a punto al servizio di Fidel Castro - va ben oltre la semplice rivendicazione di quei diritti. Noi anarchici abbiamo sempre combattuto, e sempre lotteremo, per la liberazione umana, per porre fine allo sfruttamento e al dominio. Non solo di una classe per un'altra, ma anche dell'uomo per il suo prossimo. L'ideale comunista prevedeva una società senza sfruttati né sfruttatori, né governati né governanti.

Di conseguenza, la rivoluzione avrebbe dovuto abbattere le strutture che consentono al Capitale e allo Stato di sfruttare e governare. Un cambiamento politico che non riesce a distruggere quelle strutture e le mette semplicemente al servizio di un nuovo gruppo sociale, partito o leader, non fa nulla per alterare lo status di sfruttato del lavoratore o per liberare il cittadino dal suo status di governato. Un tale cambiamento non è quindi rivoluzione sociale, a meno che il termine non sia inteso come un semplice cambiamento di governanti attraverso un colpo di stato o una rivolta armata.

Ed è quello che è successo a Cuba. Il posto di Batista al potere fu preso da Castro. Solo che, per consolidare la sua egemonia e aggrapparsi al potere, Castro si avvalse di un travestimento ideologico, di "rivoluzione" marxista, rappresentandolo come sinonimo di se stesso e viceversa. Non fu il primo a ricorrere a questo stratagemma. Stalin, Mao e molti dei leader delle lotte di decolonizzazione in Asia e in Africa prima di lui lo avevano fatto per prendere il potere e aggrapparsi ad esso. Così, come in molti di questi casi, anche a Cuba una rivoluzione di quel genere significava solo l'imposizione di una dittatura totalitaria e del capitalismo di stato. Cioè, la sorte dei lavoratori è quella di essere e lavorare. Il potere ei privilegi riservati ai burocrati, la nuova nomenklatura. Ecco perché nessuno dei suddetti "esperimenti" ha riguardato la schiavitù salariale, agenzie repressive, esercito, ecc. Al contrario: si è imposto un sistema di sorveglianza poliziesca e un sistema di partito unico, sindacato unico, stampa unica, ecc., per tenere sotto controllo il popolo e impedirgli di pensare da solo. Critichiamo e denunciamo la cosiddetta "rivoluzione cubana" perché la sua vendita demagogica come quella - come ogni altro caso della stessa cosa - non solo aiuta a pervertire l'idea di rivoluzione, ma aiuta a ottenere milioni di sfruttati a Cuba e in tutto il mondo a rinunciare alla lotta per l'emancipazione. Tutte queste presunte rivoluzioni sono servite solo a distruggere l'anelito all'emancipazione della classe operaia ea consolidare il capitalismo; come sistema e come forma generalizzata di individualismo. Tanto che il dollaro è ormai diventata la valuta standard,

È vero, a Cuba - come in altri paesi formalmente comunisti - praticamente tutta la proprietà privata è stata abolita e tutto - almeno ufficialmente - è diventato proprietà dello Stato. Ma ciò non mise fine alla disuguaglianza, poiché coloro che si univano allo Stato erano in grado di gestire a proprio vantaggio la distribuzione dell'usufrutto della ricchezza nazionale, la ricchezza che produceva e produce. Questo fu il culmine del processo di concentrazione e monopolio capitalista da parte di un'unica impresa - lo stato - e (a Cuba) del castrismo e di Fidel. È come se negli USA la Coca-Cola avesse conquistato il monopolio su ogni impresa, sull'intera economia, e come se lo stato fosse gestito da dirigenti della Coca-Cola e come se il suo direttore dovesse aggrapparsi al potere per sempre come Fidel ha. I cittadini statunitensi sarebbero stati lasciati completamente dipendenti dai capricci dell'azienda e dei suoi direttori esecutivi; il modo in cui i cubani dipendono da Castro & Co. e dal suo amministratore delegato, il comandante in capo. Tale dipendenza economica implica un'assoluta dipendenza politica e sociale, con il dissenso che non ha altra scelta che nascondersi o andare in prigione. Il capitalismo di Stato trasforma il lavoratore in una vittima dello sfruttamento che è tenuto ad accettare lo sfruttamento in modo rassegnato, per non essere considerato un traditore della Rivoluzione.. Tale sistema è il paradigma del capitalismo, è il capitalismo all'ingrosso. con il dissenso non ha lasciato altra scelta che andare in clandestinità o andare in prigione. Il capitalismo di Stato trasforma il lavoratore in una vittima dello sfruttamento che è tenuto ad accettare lo sfruttamento in modo rassegnato, per non essere considerato un traditore della Rivoluzione.. Tale sistema è il paradigma del capitalismo, è il capitalismo all'ingrosso. con il dissenso non ha lasciato altra scelta che andare in clandestinità o andare in prigione. Il capitalismo di Stato trasforma il lavoratore in una vittima dello sfruttamento che è tenuto ad accettare lo sfruttamento in modo rassegnato, per non essere considerato un traditore della Rivoluzione.. Tale sistema è il paradigma del capitalismo, è il capitalismo all'ingrosso.

El Libertario: È corretto pensare che il popolo cubano sia intrappolato tra due campi: il suo stesso governo da una parte e l'"imperialismo statunitense" dall'altra? Data la strategia del "nemico minore", non potremmo essere obbligati a sostenere Fidel Castro in quel contesto?

Octavio Alberola: Questo è ciò che sia il governo degli Stati Uniti che il governo di Castro vorrebbero farci credere. Il fatto è che il popolo cubano non è al centro delle preoccupazioni di nessuno dei due governi. Tutto ciò di cui si preoccupano sono i loro interessi. Vale a dire: i loro privilegi e la loro sopravvivenza.

Lo hanno dimostrato le ultime misure "anticastriste" del governo Bush. In sostanza, Bush afferma di aver preso queste misure per indebolire Castro e facilitare la "transizione alla democrazia per il popolo cubano". Anche se sappiamo tutti che in fondo alla sua mente sta guadagnando voti a sostegno della sua rielezione tra gli esuli cubani a Miami. Con il pretesto di difendere Cuba e il popolo cubano dall'aggressione imperialista, Castro ha risposto aumentando i prezzi e tagliando le razioni. Quando sappiamo tutti che le vittime principali più colpite dalle misure di Castro sono i cubani più poveri.

Per oltre quarant'anni, il popolo cubano è stato schiacciato da entrambe le parti e per tutto questo tempo gli unici a subirne le conseguenze sono stati i cubani. La tragedia del popolo della zattera dimostra la disumanità di entrambi i governi: il governo di Castro perché è responsabile dell'esodo e il governo degli Stati Uniti perché ha restituito un sacco di gente della zattera alle autorità cubane. In effetti, conviene al governo degli Stati Uniti molto bene che Castro reprimesse coloro che cercavano di fuggire dall'isola e che tenesse sotto controllo il popolo cubano. Questo è ciò che gli yankee chiedono agli altri governi latinoamericani. Quindi, per quanto riguarda ae, il "male minore" o il "nemico minore" non si laveranno. In entrambi i casi si tratta di governi che vogliono popoli sottomessi e che li sfruttano e li opprimono per quanto possono. Anche Bush vorrebbe poter imporre un unico partito, un solo sindacato, un'unica stampa.. Ma, in ogni caso, sono i cubani che devono essere in grado di determinare quale di loro è il "nemico minore". E dovrebbe essere completamente libero di prendere questa decisione.

El Libertario: Come vede il ruolo del movimento anarchico a Cuba nella lotta contro Batista, di fronte alla "rivoluzione cubana" e all'ascesa al potere di Fidel Castro? Abbiamo persino letto che lei stesso ha avuto una sorta di coinvolgimento negli sviluppi in quel momento. È vero?

Octavio Alberola: In realtà, ero in Messico quando Castro ha iniziato a prepararsi per la guerriglia e la spedizione del Granma e fino al rovesciamento di Batista ho lavorato con gli esuli cubani che combattevano contro di lui. Soprattutto con quelli del Movimento 26 luglio e del Direttorio studentesco rivoluzionario. Sono stato anche coinvolto nel lancio del Fronte Latinoamericano Anti-Dittatura, un ombrello per varie organizzazioni giovanili latinoamericane in esilio in Messico. Come risultato di queste attività sono stato in contatto con alcuni esuli libertari cubani che avevano dovuto lasciare Cuba a causa della loro attività clandestina contro la dittatura di Batista.

Quindi ero au fait con la posizione del movimento anarchico a Cuba. Quello che accadde fu che c'erano molti dubbi sulle reali ambizioni di Fidel. I suoi sostenitori in quel momento stavano cercando di trasformarlo, anche allora, in un caudillo. Ho dovuto intervenire personalmente per evitare scontri tra i sostenitori del Movimento del 26 luglio e altri gruppi di opposizione anti-Batista che si sono rifiutati di farsi imporre la leadership di Castro. Ho sempre cercato di persuadere entrambe le fazioni che la lotta alla dittatura doveva essere la priorità, che l'ambizione personale e l'ambizione di partito dovevano passare in secondo piano.

Quindi, anche se alla fine Fidel ha finito per imporre la sua egemonia e la sua dittatura ha resistito per tanti anni, io insisto con la convinzione che il nostro dovere in quel momento fosse quello di combattere - come abbiamo fatto noi - contro la dittatura di Batista. Il fatto che ci siamo dimostrati incapaci di fermare il marciume autoritario-totalitario dall'instaurarsi in quel movimento anti-dittatore non sfida in alcun modo le nostre priorità in quel momento. L'effervescenza libertaria e rivoluzionaria innescata dal crollo della dittatura lo giustificava e, mi sembra, lo giustifichi ancora. Il fatto ora è che quell'esperimento ispiratore nei primi momenti della "Rivoluzione Cubana" - che, per certi versi, fu genuinamente rivoluzionario, essendo questo ciò che attirò così tante persone ad esso - non è stato cancellato dalla memoria storica dal successivo realtà dittatoriale.

El Libertario: Nel suo libro Storia dell'anarchismo cubano, Frank Fernandez fa riferimento allo scarso sostegno che il movimento anarchico a livello internazionale ha dato alle denunce dei libertari cubani sulla direzione presa dal regime di Castro in quei primi anni. Perché era così? E adesso le cose sono diverse?

Octavio Alberola: E' vero che per alcuni anni alcuni settori e personalità del movimento anarchico internazionale era persistente l'illusione che i "barbudos" (barbuti) fossero rivoluzionari dal volto umano. Ma il movimento anarchico, in quanto tale, iniziò ben presto a prendere le distanze e man mano che la frattura di Fidel verso il caudillismo diventava sempre più evidente, il movimento la denunciava in modo esauriente.

Nel 1961, insieme a Victor Garcia (Germinal Gracia), ho preso parte a un giro di conferenze dei circoli anarchici in esilio spagnolo in Francia e Gran Bretagna per esporre la deriva totalitaria nella "Rivoluzione cubana". Il punto era che all'epoca c'era ancora una certa fiducia nella capacità del movimento popolare di reagire e di impedire al castrismo di dirottare completamente la rivoluzione. Ma divenne subito evidente che Castro si era allineato con il comunismo totalitario sovietico e abbiamo appreso della persecuzione inflitta agli anarcosindacalisti cubani.

Al momento non credo che ci sia un solo anarchico che sia in qualche modo morbido nei confronti della dittatura castrista. Le campagne contro la paranoia repressiva mostrata dallo Stalin caraibico sono state riprese da tutta la stampa anarchica di tutto il mondo. La demagogia di Castro ora inganna solo i suoi fan incondizionati o coloro che si aggrappano al mito per giustificare le proprie ritirate dalla rivoluzione.

El Libertario: Lei è coinvolto nel cosiddetto GALSIC. In cosa consiste l'impresa e quali sono i suoi obiettivi?

Octavio Alberola: Sì, sono uno degli sponsor dell'impresa e faccio parte del team dietro il GALSIC in Francia. In realtà, il Gruppo di Sostegno per Libertari e Sindacalisti Indipendenti a Cuba (GALSIC) è un gruppo informale. Il che significa: che non ha una struttura organizzativa fissa, ma opera come una sorta di organo di coordinamento occasionale per la condivisione di informazioni e la promozione di iniziative a sostegno dei libertari e sindacalisti cubani nella loro lotta contro la dittatura castrista. L'attività del GALSIC è quindi essenzialmente incentrata sulla pubblicazione e distribuzione del bollettino CUBA libertaria (soprattutto via Internet).

L'idea iniziale era quella di creare un organismo ombrello internazionale che rappresentasse tutte le organizzazioni libertarie in modo da offrire una solidarietà concreta ai libertari cubani e ai sindacalisti indipendenti. Ma sebbene ci fosse un sostegno universale per quell'idea, si rivelò impossibile da implementare. Anche così, tutti aiutano a distribuire il bollettino CUBA libertaria. Per il momento, l'essenziale è che questo impulso di solidarietà venga rafforzato e che gli anarchici si mettano in collegamento a tal fine. Cioè: per far sentire la loro presenza e per dimostrare a tutti che noi anarchici non ci arrendiamo nella lotta per la libertà e l'emancipazione umana, a Cuba o altrove.

El Libertario: Ci sono centri di resistenza sull'isola che non sono legati all'influenza degli Stati Uniti? Ci sono motivi per credere che ci siano gruppi anarchici attivi all'interno di Cuba?

Octavio Alberola: Naturalmente ci sono centri di resistenza e dissenso a Cuba che non hanno legami con l'influenza e gli interessi del governo degli Stati Uniti. Per di più, si può affermare senza ombra di dubbio che questa marca di dissenso è la maggioranza, anche se può avere la minima visibilità mediatica. Comprensibilmente: né i castristi né il governo degli Stati Uniti hanno motivo di volere che questi dissidenti prosperino e ottengano una presenza sui media. Ad entrambi fa comodo spacciare la convinzione che l'unica opposizione al castrismo provenga dagli esuli di destra a Miami e non risparmiano sforzi o risorse per sostenere tale convinzione.

I soldi che Bush ha promesso "per aiutare la transizione verso la democrazia a Cuba" saranno convogliati esclusivamente a quella fazione reazionaria a cui non frega niente del destino del popolo cubano. E il governo castrista ovviamente parlerà solo di questo tipo di dissenso.. Sull'isola così come in esilio ci sono gruppi dissidenti che ripudiano sia la dittatura castrista che l'imperialismo USA. Gruppi che si oppongono al capitalismo di Stato castrista così come al capitalismo in tutte le sue forme, siano esse neoliberali o arcaiche.

Molti dei sindacalisti indipendenti sanno che la loro missione principale sarà quella di ricostruire i sindacati per combattere in futuro contro l'altra faccia dello sfruttamento: il capitalismo privato. Il che sarà altrettanto selvaggio quanto si è dimostrato in quei paesi che sono passati dal totalitarismo comunista alla democrazia capitalista. E tanto più perché questo nuovo capitalismo sarà il prodotto di un'alleanza tra il capitale straniero e le cricche burocratiche che attualmente detengono il potere a Cuba.

La presenza di gruppi anarchici sull'isola è qualcosa che attualmente non abbiamo modo di verificare.. La brutalità della repressione e la mancanza di risorse mediatiche dei libertari cubani fanno sì che possano guardare oltre il mantenimento di pochi contatti personali. Tuttavia, come è accaduto altrove quando le dittature comuniste sono state scrollate di dosso, possiamo prevedere che si possa prevedere l'emergere di gruppi libertari e sindacati e questo sarà molto probabilmente il caso anche con forme più attuali di antiautoritarismo.

El Libertario: Dalla piattaforma GALSIC hai promosso una campagna "Porta un libro a Cuba". Di che si trattava? Quali sono le strade aperte agli anarchici per dimostrare la loro solidarietà al popolo cubano?

Octavio Alberola: La campagna "Porta un libro a Cuba" era inizialmente una proposta delle cosiddette Biblioteche Indipendenti e abbiamo usato la piattaforma GALSIC per sollecitare i compagni libertari che andavano a Cuba a portare i libri in quelle biblioteche; libri sulla storia delle lotte sociali, sulle esperienze di autogestione, sui collettivi durante la guerra civile spagnola.

Il punto è fare in modo che i cubani leggano ciò che le autorità esistenti nascondono loro. Esiste la possibilità che tra i promotori delle Biblioteche Indipendenti vi siano atti di natura religiosa o politica e che anche nelle loro biblioteche si applichi un certo grado di censura ideologica; ma siamo convinti che questi non siano gli interessi della maggior parte di loro. Si tratta senza dubbio di una forma di resistenza passiva (anche se molto attiva) alla censura imposta dalla dittatura castrista. Il solo fatto che essi offrano gratuitamente ai cubani interessati la possibilità di leggere libri che non si trovano nelle riviste ufficiali sistemi bibliotecari o a cui la maggior parte dei cubani non può accedere è di per sé un'impresa lodevole e dovremmo continuare a contribuire con la letteratura che tutti i (politici,

Chiaramente, questo non è l'unico mezzo per mostrare solidarietà al popolo cubano nelle difficili circostanze attuali. Per quanto possiamo, sollecitiamo la condanna di tutte le misure che influiscono sulla sua esistenza quotidiana, siano esse emanate dal governo Castro o dal governo degli Stati Uniti. E naturalmente sosteniamo l'invio di aiuti direttamente ai cubani bisognosi, rinunciando, ovviamente, ai canali ufficiali che confiscano tali aiuti o li trafugano per scopi politici di partito. Anche se siamo ancora convinti che il modo migliore per dimostrare solidarietà sia mostrarla in ogni occasione disponibile denunciando la repressione castrista di ogni forma di dissenso.

El Libertario: Ci sono molte speculazioni su cosa accadrà dopo la morte di Fidel. Come vedi il futuro di Cuba?

Octavio Alberola: Purtroppo, e contrariamente a quanto vorrei per il popolo cubano, la prospettiva che si può oggettivamente prevedere al momento non è affatto promettente. Castro morirà un giorno, come tutti dobbiamo fare, come ha fatto Franco - e ha resistito più a lungo di Franco al potere. È probabile che il regime castrista completi più o meno saltuariamente la sua "transizione" al capitalismo e che il ritorno alla democrazia non avvenga dall'oggi al domani. ovviamente gli interessi del governo degli Stati Uniti e quelli di moltissime multinazionali, compresi gli interessi della Comunità Europea, e così via.

Naturalmente, nessuno di questi attori vuole vedere la dittatura castrista giungere a una fine violenta e radicale, tanto meno che il popolo cubano sia in grado di tentare di attuare la vera rivoluzione sociale che Castro è stato in grado di castrare. L'unica cosa che viene negoziata ora e che sarà finalmente negoziata quando sarà il momento è come condividere il potere e la ricchezza dell'isola insieme alla proprietà attualmente nelle mani dello stato - e su cui litigano la nomenklatura castrista e quella di Miami o arriverà a qualche accomodamento: proprio come è successo in altri paesi con regimi simili. Gli attuali rapporti di forza non suggeriscono altre prospettive.

Sfortunatamente, quarant'anni dispari di dittatura e demagogia comunista hanno spazzato via ciò che era rimasto del movimento operaio e della sua tradizione di rivendicazioni pressanti e di rassegnazione e disunione imposte tra i lavoratori. Tuttavia, i lavoratori cubani dovranno unirsi e combattere ancora una volta contro il capitalismo privato. Ecco perché dobbiamo urgentemente aiutarli a recuperare il primato storico del movimento operaio a Cuba, che il castrismo ha così sfacciatamente travisato. E non appena possiamo dobbiamo aiutarli a ricostruire veri sindacati indipendenti di classe, indipendenti dallo Stato e da qualsiasi forza politica che cerchi di farli tornare cinghie di trasmissione.. come li usano le autorità castriste oggi.

Da: "El Libertario" (Venezuela), 2004

Cuba libertaria

https://ponte.noblogs.org/2021/2922/cuba-intervista-a-octavio-alberola/
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it