(it) anarkismo.net: I soviet liberi dell'Ucraina nella storiografia sovietica di Jesús Aller (ca, en) [traduzione automatica]

a-infos-it a ainfos.ca a-infos-it a ainfos.ca
Gio 25 Lug 2019 06:18:25 CEST


Documenti del rivoluzionario Majnovista (1917-1921) ---- Per svelare i fatti della 
rivoluzione machnovista, abbiamo le cronache di alcuni dei suoi protagonisti nei diversi 
campi avversari, e altre, più rare testimonianze di persone che non hanno militarizzato in 
nessuna di esse. Se aggiungiamo a questo il gran numero di documenti come: periodici, 
verbali di conferenze e riunioni, manifesti e proclami, la base fondamentale per la 
conoscenza storica di quel processo è completa. Da queste fonti primarie, numerosi autori 
hanno intrapreso il compito di elaborare un resoconto di ciò che è accaduto e di 
raggiungere un'interpretazione dei fattori che lo hanno condizionato, così come la sua 
influenza nel contesto, enormemente complessa, in cui è stata inquadrata.

Tra queste opere, un gruppo essenziale è costituito dagli scritti degli storici sovietici. 
La vittoria dei bolscevichi in quella che fu chiamata "piccola guerra civile" generò 
tentativi di escogitare una spiegazione per il fatto misterioso che una rivolta in un'area 
relativamente piccola sarebbe stata in grado di tenere a bada l'esercito rosso per così 
tanto tempo. Le conclusioni di questi autori sono caratterizzate, come vedremo, da una 
grossolana deturpazione del movimento, attribuendo caratteristiche prive di basi 
documentarie, ma che servivano a giustificare ciò che accadeva, squalificando i nemici e 
scagliando la repressione scatenata contro di loro.

La cattiva notizia quando proviamo ad avvicinarci a questa storiografia sovietica sulla 
Makhnovschina è che sono testi difficili da trovare e che sono stati difficilmente 
tradotti. La buona notizia è che diversi autori, e principalmente Alexander Skirda, 
presentano riassunti di queste fonti in alcune opere che sono citate alla fine di questo 
articolo. La mia intenzione era solo quella di sintetizzare i dati forniti con l'obiettivo 
di risvegliare l'interesse dei lettori verso le pagine che espongono la questione in modo 
più dettagliato.

Un problema per avvicinarsi a questa sintesi è che l'immagine della Rivoluzione Majnovista 
proposta dagli autori sovietici sta cambiando con le vicissitudini della storia dell'URSS, 
e ciò rende necessario trattare separatamente le pubblicazioni che corrispondono ai 
diversi momenti di essa. Ci troveremo così, se mi è concessa la similitudine musicale, con 
una sinfonia in quattro movimenti, in cui alcuni temi principali sono ripetuti e 
intrecciati, mentre i cambiamenti osservati nell'orchestrazione, il ritmo e il trattamento 
dei motivi ci illustrano il evoluzione del regime.

Primo movimento: 20 secondi

In Russia e in Ucraina, al tempo della rivolta, diversi gruppi di contadini si sono 
distinti: ricchi (Kulaki), che hanno sfruttato il lavoro di altri; mezzi (seredniakí); 
poveri (bedniakí) e lavoratori salariati (batrakí). Le fonti primarie disponibili indicano 
chiaramente che i machnovisti difendevano gli interessi dei più poveri attraverso 
l'espropriazione di proprietari terrieri e kulak o kulak e la formazione di comuni rurali 
autogestiti. Tuttavia, un'accusa ricorrente contro di loro sarà un presunto personaggio 
del "movimento kulak". Questo infuelo appare per la prima volta il 2 giugno 1919 in un 
articolo di Trotsky, ma avrà enorme successo nella successiva storiografia sovietica.

Le opere di questo primo periodo sono valide, in ogni caso, perché forniscono una grande 
quantità di dati emerografici e documentari di grande interesse. L'opera più rigorosa e 
ben fondata di questo periodo è quella pubblicata nel 1927 da Mikhail I. Kubanin, un 
membro dell'opposizione di sinistra che morirà nelle purghe staliniste, nel 1941. Egli 
sostiene che il movimento ha agito correttamente e difeso gli interessi del contadini più 
poveri durante il 1918 (lotta contro l'occupazione austro-tedesca) e 1919 (lotta contro i 
bianchi), e andarono fuori strada solo alla fine di quell'anno, quando l'influenza dei 
kulaki dentro di lui portò alla rottura con lo stato sovietico. D'altro canto, ammette che 
fino al 1920 non ci sono prove di banditismo o saccheggio dei machnovisti, ma, al contrario,

È Kubanin che scopre e pubblica anche un presunto diario della moglie di Néstor Majnó, che 
contiene serie accuse di esecuzioni sommarie da parte degli insorti. Questi sono stati 
confutati dallo stesso Batko. Successivamente, VN Litvínov in uno studio su questo 
documento fatto nel 1990 conclude che è probabilmente una falsificazione inventata dal Cheká.

Secondo movimento: l'era di Stalin

Dobbiamo aspettare abbastanza a lungo affinché un nuovo lavoro possa apparire in qualche 
misura sull'URSS per affrontare la rivoluzione machnovista. Ye. M. Yaroslavsky nel suo 
libro del 1937 sull'anarchismo in Russia, tradotto in diverse lingue, riconosce che il 
movimento ha favorito la lotta contro la reazione, a volte, ma raccoglie le accuse più 
gravi e infondate su di lui a delineare l'immagine di banditi -kulaks ostili al "potere 
sovietico" che non c'era altra scelta che sterminare. Tuttavia, Yaroslavsky raggiungere 
non è più fuori di certe correnti dell'anarchismo, anarco soprattutto, che non hanno 
esitato a collaborare con il "potere sovietico" o, come ha scritto, è stata sollevata in 
Spagna ad assumere responsabilità di governo.

Sulla scia di questo libro, la prima edizione (1938) della Grande Enciclopedia Sovietica 
definisce il Majnóvschina come un "movimento di kulak, anarchici e guardie bianco (...), 
che praticava pogrom antisemiti, saccheggio selvaggio e uccisioni di comunisti." Sono 
quegli anni anche in cui Trotsky rivisita l'argomento in alcuni dei suoi ultimi testi. Il 
fondatore dell'Armata Rossa non è in grado di rendersi conto che lui stesso ha servito in 
quel momento la macchina brutale che ora lo sta perseguendo e sta per distruggerlo. Contro 
la lastra suonano solo le solite monete false: kulak, reazionari, banditi, antisemiti ...

Terzo movimento: postestalinismo

Certamente, non possiamo parlare di disgelo dopo la morte di Stalin per l'argomento in 
questione. Nel suo lavoro del 1964, I. Ya. Trífonov riproduce tutti i cliché denigratori 
menzionati, anche se coglie lo spirito del suo tempo, proponendo per la prima volta che la 
rivoluzione machnovista sia stata ispirata e organizzata dall'imperialismo internazionale. 
Completa il suo lavoro con una spietata critica degli aspetti più positivi dell'analisi 
del già assassinato Kubanin. Gli scritti di SN Semánov (1968) e SN Kanev (1974) insistono 
senza uno scopo di emendamento sulle solite calunnie. È difficile comprendere l'incapacità 
del sistema di eseguire una revisione del passato che in quel momento sarebbe stato 
sicuramente possibile senza mettere a repentaglio la vita del cronista.

Quarto movimento: riabilitazione

Era necessario attendere la Perestroika in modo che la riabilitazione di Néstor Majnó 
nell'URSS avvenisse. L'8 febbraio del 1989, Vasili Y. Golovanov pubblicata nella sezione 
storica della influente Gazette letterario, pubblicato a Mosca da parte dell'Unione degli 
Scrittori, un articolo che rompe in modo aggressivo con la triste tradizione che abbiamo 
riferendo. Attraverso un ritorno rinfrescante per fonti primarie, contumaciously 
invenzioni fatte circa il movimento sono riconosciuti come tali e la responsabilità di 
rompere due volte negli accordi firmati tra majnovistas e bolscevichi è imputata molto 
chiaramente quest'ultimo. Questo singolo debito cade su Trotsky per la repressione del 
1919 e nel 1920 è condiviso da tutti i leader del Cremlino.

È emozionante pensare che questa riabilitazione abbia avuto luogo pochi mesi dopo il 
centenario della nascita di Néstor Majnó, e nulla ci impedisce di immaginare che sarebbe 
potuto sopravvivere fino a quel momento, e di essere tra quelli chiamati alla nuova lotta 
in cui la Russia stava giocando tutti gli altri tempo. Molto potrebbe aver contribuito lì 
la sua assoluta fiducia nella capacità dell'essere umano di organizzarsi liberamente e 
democraticamente in tutte le riduzioni della vita e di costruire una società basata sulla 
solidarietà, il dialogo e la federazione. Tuttavia, altri hanno imposto le loro bugie a 
questo bivio e alla fine la libertà era solo quella dei mafiosi di dominare e sfruttare i 
loro pari.

Va detto che nella nuova Russia, scrittori e storici tornano ogni piccolo agli eventi 
decisivi di quegli anni di vertigini sulle rive del Dnepr. Sono opere come Tachankas del 
Sud (1997) dello stesso Golovanov, che da una ricerca approfondita negli archivi militari, 
dispiega potenti risorse letterarie per trasmettere al lettore l'essenza del movimento 
majnovista. Lo storico Aleksandr Shubin nel 1998 contribuisce anche a nuove fonti che lo 
servono per elaborare una meticolosa biografia di Néstor Majnó e per illuminare il 
significato della sua lotta e il suo carattere costruttivo e umanistico.

Documentazione utilizzata:

storia dell'anarchismo russo in Ye. M. Yaroslavski (1937).

La riabilitazione di Makhno di A. Skirda (1989).

Un mistero irrisolto - Il diario della moglie di Makhno di VN Litvínov (1990).

Il cosacco di Nestor Makhno-Anarchy. La lotta per i soviet liberi in Ucraina (1917-1921) 
di A. Skirda (2004).

https://www.anarkismo.net/article/31485


Maggiori informazioni sulla lista A-infos-it