(it) SAS Madrid - Assemblea sanitaria dell'Unione: La piattaforma di supporto per Nine e Palestina è nata (07/08/2019). (en, ca) [traduzione automatica]

a-infos-it a ainfos.ca a-infos-it a ainfos.ca
Sab 13 Lug 2019 08:22:41 CEST


Vari gruppi e individui si stanno organizzando contro la criminalizzazione di Nines 
Maestro e altre due donne per aver raccolto aiuti di solidarietà per la Palestina. ---- La 
piattaforma di supporto Nine and Palestine è istituita con l'obiettivo di coordinare e 
promuovere attività di supporto per Nines Maestro e altri due attivisti (che hanno 
preferito rimanere anonimi) accusati di finanziare il terrorismo per la raccolta di fondi 
per la ricostruzione di strutture servizi sanitari a Gaza dopo gli attentati del 2014 e 
2015. ---- Dopo gli attacchi di Israele su Gaza hanno tenuto una prima raccolta di 5.300 
euro nel 2014, canalizzato attraverso Leila Khaled, e un secondo di 3.085 euro nel 2015, 
che è stato raggiunto tramite un rappresentante ufficiale dell'Autorità nazionale 
palestinese .

Ora il tribunale nazionale ha ordinato l'apertura di un procedimento sommario per la 
collaborazione con un'organizzazione terroristica, un crimine che potrebbe portare a pene 
da due a dieci anni e multe per il triplo dell'importo inviato. Il pretesto utilizzato 
dalla corte - la canalizzazione degli aiuti di solidarietà attraverso il leader 
palestinese Leila Khaled, membro di un'organizzazione, il Fronte popolare per la 
liberazione della Palestina, che è considerato dall'UE un'organizzazione terroristica - è 
inaccettabile. Leila Khaled è un simbolo della resistenza del suo popolo ed è invitata con 
una certa frequenza - come nell'occasione menzionata - da comuni come Barcellona e Madrid 
e altre istituzioni accademiche e sociali.

La piattaforma di supporto per Nove e Palestina è creata per fornire informazioni e 
divulgazione del caso, cercare supporto a livello statale e internazionale e contribuire a 
sostenere le spese giudiziarie.

Tra i gruppi di piattaforme integrate comprendono anticapitalisti, BDS, CGT Corredor del 
Henares, Iniziativa Comunista, IU Madrid Città, La Commune, Madri contro la repressione, 
contro la repressione di Madrid, Nodo50, Pace con dignità, rosso, asambleario Union Health 
Movement -Madrid. È e sarà costantemente aperto all'incorporazione di nuove organizzazioni 
e persone interessate a diffondere un messaggio chiaro: la solidarietà internazionalista 
non è un crimine.

Prime azioni

E ha lanciato una raccolta di firme di sostegno in tutto il manifesto contro la 
criminalizzazione della solidarietà con il popolo palestinese, oltre ad avviare contatti 
con i vari comuni, giuristi e artisti provenienti da tutto lo stato.

La piattaforma ha già un sito web https://www.conninesporpalestina.org/, un profilo 
Twitter (@PNinesPalestina) e un'immagine identificativa che verrà diffusa nei prossimi giorni:

Durante l'estate l'obiettivo della piattaforma è quello di pubblicizzare il caso e andare 
cercare sostegno, al fine di avviare una seconda fase di diffusione in tutto lo stato e 
coordinato da attività di settembre, si conclude con un evento per sostenere più ampia 
prima del dicembre 2019.

Durante la settimana che segue, le azioni di disseminazione saranno realizzate durante le 
prossime festività La Karmela, a Vallecas, centralizzate in uno stand informativo permanente.

Un'accusa che cerca di reprimere la solidarietà internazionalista

Ángeles Il militante rosso di Red, ex deputato dell'UEM al Congresso dei Deputati (1989 e 
2000), militante comunista, medico, antifascista e contro la guerra che ha reso 
l'internazionalismo una causa permanente.

Il caso contro Nines Maestro e altre due compagne rappresenta una misura legale di 
criminalizzazione di un atto solidale. Se all'inizio dell'anno un'accusa di offesa per il 
finanziamento del terrorismo appariva senza precedenti, il 14 giugno è arrivata la notizia 
che il tribunale nazionale aveva negato il licenziamento richiesto dalla difesa.

Nelle dichiarazioni alla stampa, Nines Maestro ha chiarito che "l'unica cosa che abbiamo 
fatto è stato raccogliere fondi per gli aiuti umanitari in Palestina dopo gli attacchi di 
Israele in due occasioni: una a metà 2014 e un'altra alla fine del 2015. Niente di più. 
Abbiamo consegnato i soldi raccolti, in primo luogo, a Leila Khaled e, più tardi, a un 
rappresentante dell'Autorità Nazionale Palestinese, non abbiamo mai pensato che avremmo 
incontrato una richiesta per finanziare il terrorismo, non ha senso ".

https://www.sasmadrid.org/index.php/noticias/otros-sectores/1243-nace-la-plataforma-de-apoyo-a-nines-y-palestina-08-07-2019


Maggiori informazioni sulla lista A-infos-it