(it) France, Alternative Libertaire AL #293 - manutenzione, Fred Sochard (fumettista): " Cerco di essere divertente, ma il mio lavoro è anche molto partigiano " (en, fr, pt)[traduzione automatica]

a-infos-it a ainfos.ca a-infos-it a ainfos.ca
Lun 29 Apr 2019 07:40:52 CEST


Sui social network o sui manifesti, i disegni di Fred Sochard diventano inevitabili. Dallo 
sciopero ferroviario ai giubbotti gialli al giovane represso di Mantes-la-Jolie, Fred 
Sochard è su tutti i fronti. Incontra un illustratore molto di classe ... contro la 
classe! ---- Alternativa libertaria: puoi presentarci in poche parole il tuo lavoro e la 
tua carriera ? ---- Fred Sochard: Dopo il diploma di maturità, ho frequentato una 
preparazione artistica a Parigi, dove ho preso il naso a quale classe appartenevo: " 
cattivo gusto, incultura " aveva notato il regista al mio primo colloquio ... Non avevo 
mai visto vicino alla borghesia, lì mi sono trovato nel bel mezzo dei bambini ricchi ! Poi 
ad Arts Déco, non mi sentivo ancora al mio posto, nel mezzo di persone nate meglio, ma me 
ne andai stavolta (ride).

Per seguire Fred Sochard o decorare il tuo salotto con un ritratto di Bakounine: 
fredsochard.com e Fred Sochard sui social network.
In breve, è un periodo in cui ho vissuto il dominio sociale e culturale, ben prima di 
mettere le parole su di esso, in particolare con Bourdieu, Annie Ernaux, che scoprirò più 
tardi. Ho fatto comunicazione d'affari per alcuni anni ma sì, ho fermato tutto per fare 
qualche illustrazione. In primo luogo ho fatto molta stampa, soprattutto per i saluti 
mensili , con i quali ho finalmente collaborato per 20 anni. Nei primi anni 2000, ho 
iniziato l'illustrazione della gioventù. Oggi è un po 'il mio " core business ", ma 
continuo a produrre disegni politici, immagini militanti. Il mondo dell'immagine può 
essere abbastanza compartimentato: fai la notizia o la gioventù o il poster. Mi piace 
tutto e penso che ci sia unità nel mio lavoro, dalla parte di Persone ": mi piacciono i 
combattimenti e mi piace storie !

Hai prodotto molte immagini a sostegno dello sciopero ferroviario della primavera 2018. 
Questo scontro conta per te ?

(clicca per ingrandire)
Molti sì ! Sono figlio di un ferroviere, ho vissuto i miei primi anni in una piccola città 
dove mio padre era il " capostazione ". Dopo, vivemmo in un cheminot HLM vicino al triage 
di Nantes. Ho giocato a Red Wagon (come uno dei miei " cordels ferroviario "), SNCF nota 
squadra di calcio e barbecue a Ferrovia da giardino! Per me, la ferrovia è davvero un 
mondo intero, quello in cui sono cresciuto. Un mezzo popolare che ha la sua storia, 
ancorato al lotte operaie, la resistenza al comunismo ... e sono in buona posizione per 
sapere come la ferrovia non sono privilegiati. E poi le utilità cosa ! Oltre al mio 
personale collegamento con la ferrovia, sono uno di quelli che considerano fondamentale la 
difesa dei servizi pubblici. In breve, era evidente per me sostenere questo sciopero.

Fin dall'inizio del movimento dei giubbotti gialli, hai costantemente denunciato dai tuoi 
disegni il disprezzo e la violenza che subiscono. Anche questo supporto era ovvio per te ?

Sì, è stato subito ovvio sostenere lo sciopero delle ferrovie, nel senso o nei giubbotti 
gialli, anche a me ha parlato fin dall'inizio. Riconobbi immediatamente il mio passato, la 
mia classe, la mia famiglia ... gli amici di mio padre, i miei nonni operai, ecc. Quindi 
ho avuto una simpatia e un'immediata benevolenza per questo movimento, prima di qualsiasi 
elaborazione. Ovviamente tra le migliaia di giubbotti gialli ci sono persone razziste, 
sessiste, omofobiche ... La denuncia dei migranti nel nord, ad esempio, era insostenibile. 
Ma questa è la realtà, tocca a noi migliorarla. Non è perché siamo sotto il dominio che 
non lo esercitiamo sugli altri.

(clicca per ingrandire)
Come disegnatore, ho un semplice principio, non mi interessa il volto dei dominati o 
coloro che stanno combattendo contro una o più oppressioni. Nel mio lavoro, cerco di 
essere divertente, ma il mio lavoro è anche molto di parte. Ho scelto il mio lato della 
barricata e lo presumo ! Dominazione di classe, so come ci si sente ad essere sentiti 
giovani, quando mi sono sentito i capelli rossi a percorrere le notizie parigine con il 
mio libro. D'altra parte, ciò che subisce una donna o una persona razzista, non posso 
provarlo, ma, con la mia storia, sono sensibile a queste domande di dominio. Tuttavia, non 
spetta a me dire a quelli che stanno lottando su come combattere, è importante non parlare 
al posto del primo interessato.

In ogni caso, questo movimento di giubbotti gialli è terribilmente scolpibile, lascia 
cadere le maschere e cancella le linee. Il disprezzo di classe è terribile, dalle persone 
a destra e a sinistra. Ancora una volta, ci rendiamo conto che c'è sempre questa paura: " 
classe lavoratrice, classe pericolosa ".

Possiamo dire che sei un illustratore attivista ?

(clicca per ingrandire)
Non sono un attivista di base, non sono un membro di un'organizzazione, tranne 
l'Associazione France Palestine Solidarity 1, ma la diffusione di volantini non è il mio 
genere ... Sono solo nel mio studio, ma alcuni Sì, è il mio contributo militante. A volte 
mi viene chiesto un poster per una causa, come hanno fatto gli studenti di Parigi-VIII, ad 
esempio, contro l'aumento delle tasse universitarie per gli studenti stranieri.

E poi per fare queste foto o questi disegni, in effetti è più forte di me, non posso 
rimanere indifferente quando sento le dichiarazioni di Macron o che vedo i poliziotti 
umiliare gli studenti delle scuole superiori e delle scuole superiori. Quindi a volte mi 
metto in ritardo sui miei altri progetti, un po 'troppo preso dalle notizie. E sono sempre 
felice quando vedo i miei disegni sui cartelloni o sui muri di un college in difficoltà.

Intervistato da Benjamin (AL Angers)

http://www.alternativelibertaire.org/?Entretien-avec-Fred-Sochard-dessinateur-J-essaie-d-etre-drole-mais-mon-travail


Maggiori informazioni sulla lista A-infos-it