(it) Catalunya: embat prima dello sciopero educativo del 29 novembre. [traduzione automatica]

a-infos-it at ainfos.ca a-infos-it at ainfos.ca
Tue Nov 27 07:14:50 CET 2018


La comunità educativa è esaurita. Le politiche neoliberali stanno raggiungendo il loro 
obiettivo. Aprire l'istruzione pubblica "canale" desangrar con migliaia di tagli, 
soffocare con la burocrazia, confrontarsi sulla base di competitività assurda, 
condividendo i bacini, schiacciare la dissidenza sempre utilizzando le direzioni 
addomesticati, che a sua volta disciplina Esemplare forma alcuni modelli scelti 
principalmente dal dito. Un processo consapevole, guidato da élite e supervisionato da uno 
stato complice che ha chiaramente il motto che "chi controlla il piccolo ramo dirige la 
via dell'albero". ---- Nel frattempo, il futuro dei nostri giovani, il nostro mondo è 
stato divorato dalle leggi rullo compressore capitalista mimetizzati (LOMCE, LEC), o 
dibattiti eterni e appiccicose sulle metodologie, competenze, numeri le lettere sono 
fatte, decreti esclusivi di inclusioni a budget zero ... Mentre ogni giorno un po 'più di 
istruzione pubblica viene distrutta, i progressi vengono fatti passo dopo passo verso 
l'irragionevolezza. Società e le sue complessità, che rendono gli studenti part, famiglie, 
insegnanti e professionisti, guarda lontano, fuggire dalla pioggia, come se qui non è 
successo niente, come se non con un anestetico che non sta andando Oltre il commento nel 
corridoio o l'urlo sui social network.

Ma c'è sempre una candela pronta ad accendere un fuoco. Ci sono sempre persone coraggiose 
disposte a mettere il corpo, il cuore e la mente per non dare la battaglia per la perdita. 
Ci sono per esempio i compagni della FAPAC di fronte al potere più e più volte, che 
chiedono il ritiro del "decreto mangiatori" con cui alcuni cercano di fare affari con il 
cibo del nostro piccolo e piccole; combattono senza complessi contro la privatizzazione 
delle scuole e lo chiamano forte e chiaro, né libera scelta del centro, né un altro euro 
per il concertato.

E ci sono anche gli studenti che fanno un passo in avanti con le loro mobilitazioni. Con 
legittimo, inalienabile assumable e di slogan come la riduzione tasse universitarie, 
chiedere a un soggetto di educazione sessuale valutabili ed eliminare le leggi che 
limitano croce vestire i loro libertà più elementari, alle spalle non so cosa onore e 
codici di correzione.

E, infine, i sindacati di classe come CGT Istruzione che, insieme ad altri sindacati del 
settore, ha lanciato l'invito a un attacco di istruzione, il 29 novembre. Con ragioni più 
che sufficienti: riduzione da 19 a 18 ore di lezione (cioè di classe, perché fanno molte 
altre cose) di altezza e 24 a 23 nel primario, ridurre il numero di bambini per classe 
(rapporto reale ) in tutte le aule pubbliche; la fine dei tagli all'istruzione e il 
miglioramento della qualità ...

29 coincidono anche scioperi nelle università pubbliche, sanitarie primarie, alcuni 
servizi di istruzione relativi formali ... Questo sciopero è diventato molto nervoso per i 
dirigenti sindacali di CCOO e UGT lanciato una mobilitazione improbabile (perché 
considerano sufficienti i suoi accordi con la Generalitat della Catalogna) durante il mese 
di dicembre, preoccupati per la perdita di credibilità in un anno di elezioni sindacali.

Da Embat chiamiamo quelli che combattono. Sappiamo che ci sono molte famiglie organizzate 
attorno a centri educativi disposti a non essere semplici spettatori. Sappiamo che le 
scuole e le università sono piene di insegnanti e altri professionisti della formazione 
che lotta quotidiana per la loro professione lasciando la pelle per raggiungere tale e gli 
alunni sono felici, completa, coerente e appassionato la gente, il cambiamento volendo che 
questo mondo ha bisogno . Sappiamo che molti e molti studenti stanno dando una lezione di 
dignità e di resistenza con i suoi dibattiti, forme di lotta e di nuove visioni della 
realtà, un mondo adulto che li giudica, mentre disprezza. Sappiamo che questa calma 
sociale in cui la precarizzazione ci ha affondato è numerata.

Lo sciopero di 29 mira a riunire l'intera comunità educativa; Tuttavia, è stato anche in 
grado di coordinarsi con settori strategici importanti quanto l'assistenza sanitaria. 
Forse questa è un'opportunità per fare un passo in avanti e scuotere la scacchiera in cui 
gli altri intendono giocare con le nostre vite. Insieme e organizzati abbiamo paura, 
perché insieme e organizzati siamo più forti.

Che le aule sono vuote!
Le strade sono piene di gente!

http://embat.info/embat-davant-la-vaga-educativa-del-29-de-novembre/


More information about the A-infos-it mailing list