(it) sicilia libertaria: Ritrovare la conflittualità

a-infos-it at ainfos.ca a-infos-it at ainfos.ca
Thu Nov 15 06:49:16 CET 2018


Chiedersi qual è oggi il livello di conflitto sociale in Italia, potrebbe apparire domanda 
retorica, tanto è evidente la quasi assenza di una conflittualità che possa dirsi tale. Lo 
si è visto anche in occasione dello sciopero generale proclamato il 26 ottobre scorso da 
una parte di quello che un tempo era chiamato sindacalismo di base. Il quale, con una 
certa generosità ma anche con una qualche forma di coazione a ripetere, prova a mantenere 
in vita il ricordo della lotta sociale che è sempre più imbrigliata dall'imperante 
burocratizzazione delle relazioni sindacali. Lo sciopero infatti è stato uno sciopero 
minoritario di testimonianza, pur essendo l'unico previsto in questo autunno flagellato 
dalle piogge  e dalle alluvioni.
Le ragioni del venir meno del conflitto, inteso come possibilità di scardinare le 
disuguaglianze sociali attraverso la mobilitazione di massa, sono tante e profonde. La 
frammentazione delle società contemporanee, l'individualismo trionfante e per contro la 
sfiducia nella capacità della lotta collettiva di cambiare le sorti proprie e di tutti, la 
precarizzazione del lavoro e delle vite, la crisi economica oramai strutturale e perenne 
rappresentano altrettante cause/conseguenze, in un viluppo che appare inestricabile, di 
una condizione di sostanziale quiete sociale. Se a tutto questo si aggiunge il fatto 
contingente di un governo che si presenta come difensore delle istanze popolari, non ci si 
può certo stupire della scarsa propensione alla mobilitazione. In realtà è oramai da 
parecchi anni che non si assiste a mobilitazioni capaci di coinvolgere masse rilevanti. 
Tuttavia, nonostante residuale o a volte latente, nonostante i postmodernisti fautori 
della fine della storia lo considerino una sopravvivenza culturale novecentesca, il 
conflitto non può certo essere del tutto cancellato in una società fondata sulle 
disuguaglianze. Ma al momento si manifesta in forme episodiche, settoriali o territoriali, 
che scontano appunto tale frammentarietà e non riescono a  tracimare in una dimensione più 
ampia e duratura.

Così ha buon gioco quella democrazia imbalsamata che ha dominato negli ultimi due decenni. 
Paradossalmente a ridarle credibilità è stato l'irrompere sulla scena politica del 
movimento Cinquestelle e, in parte, della nuova Lega. I quali, pur presentandosi come 
antisistema, ne sono diventati in  questo frangente gli autentici interpreti. Questo 
governo può infatti rivendicare a pieno titolo di essere portatore degli interessi 
popolari emersi dalle elezioni. Quindi, se con Berlusconi, Monti, Renzi e compagnia si è 
verificata la maggiore distanza tra rappresentati e rappresentanti, insinuando seri dubbi 
sul funzionamento dei meccanismi democratici, Lega e Cinquestelle infondono nuova fiducia 
sulla possibilità che si possa pervenire ad una maggiore giustizia sociale attraverso 
canali politico-istituzionali, senza bisogno di ricorrere alla conflittualità.

Ci troviamo, comunque la si voglia vedere, di fronte ad uno scenario aperto.

Le politiche liberiste estreme segnano il passo, non riescono a contenere il crescente 
disagio sociale. Le proposte populiste e sovraniste rappresentano agli occhi 
dell'elettorato medio le alternative più credibili: l'attuale governo italiano ne è un 
esempio.  Saranno sufficienti piccoli aggiustamenti quali un reddito finto di 
cittadinanza, una piccola rivalutazione delle pensioni minime, una flat tax concepita per 
le piccole e medie imprese, a mascherare un po' di disparità? C'è da dubitarne e per molti 
motivi. Di conseguenza diventerà imprescindibile ritrovare o inventare forme coerenti e 
diffuse di conflittualità. Certo il conflitto non si pianifica in astratto, tuttavia si 
può e si deve agire per ricreare le premesse che possono favorirlo. Ma per fare questo 
occorre un grande sforzo di chiarezza, in direzione della costituzione di una reale unità 
delle classi sfruttate, superando dogmatismi e settarismi. Un punto comunque sembra 
evidente: i tentativi in giro per il mondo di riequilibrare (non di cambiare) le società 
sul piano dell'uguaglianza e dei diritti per via istituzionale con governi, come si dice 
democraticamente eletti, si sono risolti in un fallimento o nell'attuazione di piccoli 
aggiustamenti che non modificano l'assetto attuale. Tali fallimenti o accomodamenti non 
sono purtroppo indolori perché come quasi sempre accade aprono la strada ad esperienze 
autoritarie, se non apertamente fasciste. Ecco questa consapevolezza dovrebbe cominciare 
ad indicarci la strada per incamminarci verso una società che non sia annichilimento e 
sfruttamento.

Angelo Barbieri

http://www.sicilialibertaria.it/2018/11/10/ritrovare-la-conflittualita/


More information about the A-infos-it mailing list