(it) France, Alternative Libertaire AL - Stato dei combattimenti n. 3 (en, fr, pt)[traduzione automatica]

a-infos-it at ainfos.ca a-infos-it at ainfos.ca
Sun Dec 23 07:18:26 CET 2018


La mobilitazione inter-sindacale del 14 dicembre si è mobilitata molto poco in termini di 
numero di attaccanti. L'atto V del movimento sembra un successo, nonostante un leggero 
calo della mobilitazione. L'ipotesi di un atto VI sembra allontanarsi a causa delle 
festività di fine anno. Questo movimento ha mostrato la necessità di una democrazia 
diretta. I movimenti sociali in corso hanno subito una repressione poliziesca molto forte. 
Finalmente il movimento è iniziato nelle scuole superiori e nei facs potrebbe rinascere a 
settembre. ---- 1. Maglie gialle ancora mobilitate ---- Il 14 e il 15 dicembre sono stati 
caratterizzati da diverse mobilitazioni: il 14, giorno d'azione indetto dalla CGT, 
Solidaires e la FSU hanno mobilitato poco, soprattutto in termini di sciopero. La 
mobilitazione non è stata trascurabile nell'istruzione, ma gli altri settori non sono o 
sono poco in strada. Questo segna un limite alla strategia sindacale nel periodo in cui si 
vuole creare una "porta accanto" alla mobilitazione dei Giubbotti Gialli, piuttosto che 
rafforzarla ? Poiché la fiducia nell'azione collettiva rinasce in tutto il paese, c'è un 
lavoro fondamentale da fare per ripristinare la fiducia nello sciopero come strumento di 
trasformazione sociale capace di destabilizzare l'economia abbastanza da raggiungere il 
progresso sociale.

Il 15 dicembre ha segnato l'atto V del movimento Yellow Vests. La mobilitazione sembra 
essere in calo ma viene mantenuta, e questo su tutto il territorio, 10 giorni di festività 
natalizie. Anche così, la repressione è feroce. Nelle scorse settimane è sembrato che in 
molti luoghi blocchi rotondi si siano trasformati in blocchi di aree di attività 
commerciali o industriali, che sarebbero più efficaci in termini di equilibrio di potere 
se questi blocchi fossero mantenuti.

I sindacati si sono generalmente mancato l'appuntamento con il movimento iniziato il mese 
scorso, almeno a livello nazionale, in modo che questa mobilitazione dimostra che c'è la 
rabbia e dei conflitti in gran parte della popolazione. Ciò indubbiamente indica la sfida 
per le organizzazioni sindacali di rinnovare le loro pratiche e riconnettersi con lo 
sviluppo militante locale.

2. Attuare VI dopo le vacanze ?
È improbabile un'enorme legge VI del 22 dicembre, 3 giorni di Natale. La conflittualità 
non è abbastanza forte da sabotare questo momento di ricongiungimento spesso familiare. 
Tuttavia, le vacanze possono dare il tempo di respirare e scambiarsi la prossima 
mobilitazione. Un atto VI all'inizio del 2019 è possibile, ma è in costruzione proprio 
ora. Ma soprattutto, al di fuori dei "Atti" settimanale essenzialmente accesi di Parigi, 
per la movimentazione di sé giacche gialle, il problema sta continuando nel campo, nelle 
rotonde, ai pedaggi, dove vive e movimento è stato costruito (con le sue contraddizioni) 
per un mese.

3. Un movimento orizzontale che ti permette di parlare di politica
Ciò che questo movimento mostra è indiscutibilmente un desiderio di più democrazia, più 
spazio per tutti nelle decisioni collettive. La popolarità del RIC è una prova, anche se 
ci si chiede se questo slogan non sia in grado di distogliere alcune delle giacche gialle 
dall'azione diretta per ottenere concreti progressi sociali.

La questione democratica si pone anche attraverso il rifiuto di qualsiasi rappresentante 
dei giubbotti gialli a livello nazionale. Questo è accompagnato da una rapida 
politicizzazione di attori e attrici del movimento, un desiderio di parlare di politica. 
Non la politica e le elezioni, ma l'organizzazione della società, il modo in cui prendiamo 
decisioni collettive, distribuiamo il denaro e così via. È necessario moltiplicare gli 
spazi di discussione, materiale come virtuale.

I comunisti libertari hanno cose da offrire ; nel periodo possono essere ascoltati da 
molti e devono essere indossati.

4. Contro la repressione
L'attuale movimento sociale, quello dei Yellow Vests, ma anche studenti, studenti e 
lavoratori delle scuole superiori, è severamente repressa.

Una donna è morta a Marsiglia. Diverse persone furono mutilate, ferite, percosse, 
insultate dalla polizia e dalla gendarmeria.

Ma la repressione non ha luogo solo per la strada. Si svolge anche nelle stazioni di 
polizia e nei tribunali. La polizia ha arrestato migliaia di persone per un mese. Sono 
state effettuate decine di migliaia di ore di fermo di polizia. Arresti preventivi prima 
di una protesta sono diventati comuni. Custodia a caso, un'abitudine.

Peggio ancora, i manifestanti contro questa cara vita che marcisce e ci violenta 
quotidianamente sono attualmente in prigione ! In carcere per aver espresso il suo 
disaccordo con una politica ingiusta, fonte di disuguaglianza e povertà !

Questa repressione serve solo a sedare la rivolta, serve a spaventare le persone che non 
sono mai ascoltate e che ora parlano invece di aspettare indefinitamente che le venga data.

Serve anche a umiliare, come abbiamo visto sulle immagini degli studenti delle superiori 
che Mantes-la-Jolie è atterrato dalla polizia in mancanza di autorità. Chiediamo 
l'amnistia per tutte le vittime della repressione del movimento sociale. La nostra 
solidarietà con loro è totale.

5. In gioventù, prospettive per l'autunno
Nelle scuole superiori, la mobilitazione sembra conoscere un indebolimento del avvicinarsi 
delle vacanze, ma sembra possibile riavviare dopo l'estate: il governo ancora non si è 
degnato di annunciare sui giovani, e la rabbia è lycéenn.es profonde . La repressione 
particolarmente brutale, sia da parte della polizia che le amministrazioni delle scuole, 
potrebbero indebolire temporaneamente il combattimento, ma una chiamata di organizzazioni 
giovanili dovrebbero contribuire a ristrutturare rapidamente.

Tra gli studenti, ci sono università bloccate illimitatamente (Nanterre) e, il più delle 
volte, occasionalmente (Lione 2 ...). Le tasse scolastiche in aumento fanno male agli 
studenti, con massicce riunioni generali su molti siti, ma il metodo di blocco sembra 
essere sempre più messo in discussione. A Rennes 2, una riunione di AG di 4000 persone ha 
rifiutato di rinnovarlo.

È all'incrocio tra studenti delle scuole superiori e studenti che funzionerà all'inizio 
dell'anno scolastico.

Scarica come pdf

http://www.alternativelibertaire.org/?Etat-des-luttes-no3


More information about the A-infos-it mailing list