(it) France, Alternative Libertaire AL - Kurdistan, Giustizia per Fidan, Sakine e Leyla, il 12 gennaio a Parigi

a-infos-it at ainfos.ca a-infos-it at ainfos.ca
Thu Dec 20 07:10:08 CET 2018


Alternative Libertaire chiede dimostrazioni il 12 gennaio a Parigi a fianco del curdo a 
sinistra per chiedere che il governo francese per rendere tutta la luce sul triplice 
omicidio a Parigi di attivisti Fidan (Rojbin) Dogan e Leyla Sakine Cansiz Saylemez. ---- 
Mercoledì, 9 gennaio 2013, attivisti curdi Sakine Cansiz, Fidan Dogan (Rojbin) e Leyla 
Saylemez sono stati freddamente eseguiti con un proiettile alla testa, negli uffici del 
Kurdistan Information Center, che si trova a 147 Rue La Fayette, Paris . ---- L'inchiesta 
in Francia ha rivelato numerose indicazioni che il presunto assassino, Ömer Güney, 
arrestato pochi giorni dopo il crimine, aveva agito per conto del servizio segreto turco 
(MIT), come confermato dall'accusa del Pubblico Ministero. la Repubblica in questo caso: " 
molti elementi della procedura permettono di sospettare le implicazioni del MIT 
nell'istigazione e nella preparazione degli omicidi. "

Tuttavia, la morte di Ömer Güney, il 17 dicembre 2016, ad un mese del suo processo che 
doveva iniziare a Parigi, il 23 gennaio 2017, ci priva di un processo pubblico che avrebbe 
permesso di giudicare non solo l'esecutore, ma inoltre, e soprattutto, lo sponsor, lo 
stato turco !

Sei anni dopo, la giustizia è terribilmente carente !
EVENTO

Sabato 12 gennaio 2018, 10:30

da Parigi Gare du Nord, a Place de la République

Mentre l'inchiesta era terminata nel maggio 2015 e quando i gravi problemi di salute di 
Güney erano noti, non appena fu arrestato, perché il processo era stato programmato per 
così tanto tempo ? Nel differire lo svolgimento di questo processo, la Francia ha perso 
un'occasione cruciale per giudicare, infine, un crimine politico commesso sul suo 
territorio ! Dagli anni '60, non meno di 43 omicidi politici sono stati commessi in 
territorio francese. Sono rimasti tutti impuniti !

Nonostante le promesse fatte dal ministro dell'Interno dell'epoca, Manuel Valls, 
all'indomani dell'assassinio, le autorità politiche francesi non hanno mai cercato di far 
luce su questo triplice omicidio. Sempre ansiosi di preservare i loro rapporti con la 
Turchia, non si sono nemmeno presi la briga di accogliere le famiglie delle vittime, né i 
rappresentanti della comunità kurda.

E che dire del rifiuto del governo francese di sollevare il segreto della difesa su 
informazioni che avrebbero potuto consentire il progresso delle indagini giudiziarie ? 
Privati di queste informazioni, i giudici incaricati dell'indagine hanno finalmente chiuso 
il file senza poter salire agli sponsor noti.

Così, quando la Francia si farà trascurare la deriva del regime turco che viola non solo 
costantemente le regole dello stato di diritto e quelli della democrazia locale, ma anche 
difficile ottenere in Europa dove schiera i suoi agenti incaricati di spiare ed eliminare 
i suoi avversari ?

La morte del presunto assassino non mina in alcun modo la nostra determinazione a lottare 
per la verità e la giustizia ! Uno o più artisti sono morti, ma gli sponsor sono ancora 
vivi e gratuiti ! Cinque anni dopo, il silenzio delle autorità francesi è più assordante 
che mai. Esigiamo da loro tutta la luce su questi omicidi e, infine, sulla giustizia !

http://www.alternativelibertaire.org/?Justice-pour-Fidan-Sakine-et-Leyla-le-12-janvier-a-Paris


More information about the A-infos-it mailing list