(it) usi-ait: In memoria di Franco -- REPORT SULLA MANIFESTAZIONE IN RICORDO DI FRANCO SERANTINI

a-infos-it a ainfos.ca a-infos-it a ainfos.ca
Dom 28 Maggio 2017 07:50:19 CEST


Oggi 7 maggio dell'anno 2017, in una Pisa distratta e affollata di turisti, ma che 
tuttavia non riesce a nascondere più le tante povertà che ormai affliggono molti dei suoi 
abitanti, convocata dalle compagne e dai compagni dell'AULA R, di Scienze Politiche si è 
svolta la manifestazione,  in ricordo di Franco Serantini. ---- Eravamo in pochi, appena 
una quarantina di uomini e di donne. Aperta da uno striscione di colore nero, con la 
scritta; 'PER L'ANARCHIA. CON FRANCO PER UN MONDO DI LIBERI E DI EGUALI' in caratteri 
bianchi. Alle quattro e mezza di una calda giornata, siamo partiti dei banchi vicino al 
palazzo comunale. Per fortuna i più tra di noi erano ragazze e ragazzi di poco più di 
venti anni. Poche due, le bandiere e in fondo lo striscione della Federazione Anarchica 
Empolese, quello che accompagna i compagni da tanti anni. Un bimbo se la dormiva 
placidamente sul passeggino spinto dai suoi giovani genitori.

La manifestazione è arrivata in pochi minuti di cammino, in Piazza Franco Serantini e una 
compagna ha deposto ai piedi del monumento che lo ricorda , un mazzo di fiori rossi. Un 
gruppo di compagne, tutte intonate, ha cantato le tante canzoni cominciando con quella che 
tutti abbiamo tante volte sentita: 'Era il sette di maggio...'

C'eravamo anche noi con una bandiera dell'Unione Sindacale Italiana  e abbiamo letto 
questo intervento.

'Non ho conosciuto di persona Franco Serantini. L'immagine più nitida che ho di lui è 
quella di un ragazzo dai capelli lunghi e che aveva un'inquietante rassomiglianza con 
Lucio Battisti. Quando fu ammazzato venne ricordato con un manifesto dolce e crudele a un 
tempo. 'Franco Serantini, vent'anni, figlio di NN, rivoluzionario anarchico , ucciso dalla 
polizia italiana mentre si opponeva a un comizio fascista'.
Franco è uno dei tanti compagni che non ci sono più. Compagni come Pino Pinelli, come 
Giovanni Marini e soprattutto compagni come i  tanti che se ne sono andati e che hanno 
scelto per farlo spesso i modi più  crudeli che si possa immaginare.
Erano  quasi sempre i migliori tra di noi, anche quelli che sono andati alla malora con 
l'eroina e  la lotta armata. Tanti di loro uscirono piegati e spezzati per sempre dalle 
carceri speciali, dove vennero rinchiusi per anni.
Ci hanno lasciati da soli ad invecchiare e per questo a volte li malediciamo. Abbiamo 
cresciuto figli, abbiamo visto scorrere questi anni di abiure , di successi per alcuni, di 
disperazioni per quasi tutti'.
A volte ci assale un senso di colpa perché noi siamo ancora qui, mentre essi non ci sono 
più. E il fatto è che non riusciamo ad invecchiare e non so se questa sia una cosa 
meravigliosa o una condanna , è merito di tutti  loro.
  Però se andiamo avanti, se non ce l'hanno fatta ad inaridirci è anche grazie a questi 
compagni che ci hanno lasciati dsa soli a diventare vecchi
In tanti in quegli anni diedero per davvero l'assalto al cielo, misero per davvero fuoco 
alla prateria  e questo grazie a tutti quelli che come  Franco  avevano per davvero il 
'sole nel cuore' , la frase non è mia ma di una persona che tanto mi è cara , ed è anche 
per questo che ce li teniamo stretti.
Siamo venuti via mentre la DIGOS ci riprendeva e ormai non sai se le loro paranoie 
securitarie facciano più rabbia o ci accendano per loro soltanto un sentimento di ridicolo.

L'incaricato

http://www.usi-ait.org/index.php/notizie/1376-in-memoria-di-franco


Maggiori informazioni sulla lista A-infos-it