(it) France, Alternative Libertaire AL #272 - Ungheria: Un movimento sta contro Orbán (en, fr, pt) [traduzione automatica]

a-infos-it a ainfos.ca a-infos-it a ainfos.ca
Mer 24 Maggio 2017 06:53:43 CEST


Lo schema ungherese sta affrontando un'ondata di manifestazioni dell'opposizione che 
rivelano scissione nella società ungherese - fra una parte delle classi popolari e la 
provincia e l'altra la classe media urbana è laureato - e Orbán tentativi di manipolazione 
a scopo di lucro. ---- Per diverse settimane, la mobilitazione si sviluppa in Ungheria 
contro il regime. Buone notizie: la costruzione di un regime autoritario in Ungheria deve 
affrontare una crescente opposizione. Cattive notizie: queste opposizioni sono strutturate 
intorno aspirazioni liberali e una sociologia budapestoises classe media, composta invece 
di beneficiari della globalizzazione che pretende di combattere il regime. Questo non 
dovrebbe permettere la costruzione di un massiccio movimento popolare contro il regime.

Il governo Orbán, al potere dal 2010, sta lottando per mostrare il suo elettorato che è 
come lui afferma: anti-europea, anti-globalizzazione, anti-liberale. Per superare le sue 
contraddizioni, prende regolarmente iniziative a buon mercato, ma a grandi rinforzi di 
comunicazione. Così nel mese di ottobre 2016, ha organizzato un referendum sostenuto una 
campagna di affissioni mostruosa contro la decisione dell'Unione europea di stabilirsi in 
Ungheria. 250 migranti maschi e femmine [1]. Oggi, il governo ha approvato una legge in 
Parlamento sulla ristrutturazione dell'istruzione superiore, in cui egli prende un 
obiettivo ben scelto, CEU, Central European University, finanziato dal miliardario 
americano di origine ungherese Georges Soros.

La messa in scena è così ben messo insieme: Orbán contro Soros, l'Università ungherese 
contro il finanziamento degli Stati Uniti, la patria contro la globalizzazione. E dietro 
quella, la classe operaia e della provincia, sospetti sostenitori del regime, contro le 
classi medie e superiori budapestoises, presumibilmente pro-europeo e il supporto liberale 
CEU Soros. Orbán alimenta la sua crociata contro l'immaginario Soros da attacchi regolari 
contro le ONG finanziate dalla Fondazione Soros, l'Open Society Foundation.

La provocazione prese: dal 9 aprile una manifestazione chiamata personale, studente CEU 
riuniti a Budapest per quasi 80 000 persone. L'11 aprile, una manifestazione spontanea si 
è tenuta a 22 ore al di fuori del palazzo presidenziale, e ha portato a 01:00 presso la 
sede della Radio House, simbolo della rivolta del 1956 contro l'occupazione sovietica.

Il 12 aprile, un raduno di diecimila persone in sostegno alle ONG sotto la minaccia si 
trasformò in un'occupazione notte dell'intersezione Oktogon, riferendosi ai piedi notti 
parigine. Diecimila persone si sono riunite di nuovo il 16 aprile in Piazza della Libertà. 
Nel momento in cui scriviamo queste righe, un nuovo evento è organizzato dal partito 
satirico "  il cane con due code  " [2]Sabato, 22 aprile. Le parole d'ordine sono " 
democrazia  ", "  Europa  ", "  Fidesz di fuori  ."

Che dire di questa mobilitazione ? In primo luogo, si rivela una vera e propria spaccatura 
nella società ungherese, tra una parte delle classi popolari nei dintorni di Budapest e 
della provincia, in generale, e dall'altro la classe media urbana graduata. Questa 
struttura di scissione tra vinti e vincitori di transizione capitalistica (reale o sperato 
tale) della globalizzazione e l'integrazione nell'Unione europea. Orbán gestisce queste 
spaccature in posa come il difensore della prima contro la seconda.

La logica fascista è al lavoro in background e la strategia nel discorso: il governo 
tratta i manifestanti di "  devianti  " utilizza un repertorio diffuso anti-intellettuale 
e anti-semita, e la stampa di destra minaccia di liberare i cani . Zsolt Bayer, un 
giornalista popolare nei circoli nazionalisti minaccia manifestanti e manifestanti con 
queste parole: "  Possiamo confermare che tra non molto, saremo anche in piazza per 
difendere ciò che è importante e sacro per noi. (...) Allora si capirà cosa vuol dire 
essere perseguitati e minacciati. Come ho detto, siamo molto arrabbiati. Si entra ?  " In 
effetti, come in precedenti mobilitazioni, la repressione è relativamente bassa, e la 
mobilitazione delle milizie di estrema destra, molto forti tra il 2006 e gli inizi del 
2010s, è l'inesistente ora.

Le prospettive non sono chiare. Ci sono certamente in queste manifestazioni un segno di 
esasperazione contro il regime che va oltre i diretti interessati. Ma nel complesso, 
possiamo vedere la volontà di giovane grad Budapest per trattenere ciò che sentono i 
propri interessi di classe: l'integrazione con l'Unione Europea, Budapest collegamento 
alle reti di città alla moda, possibilità studi riconosciuti a livello internazionale. 
Figura arco mobilitazione Màrton Gulyas, famoso per le sue 72 ore di incarcerazione è la 
figura tipica: drammaturgo, famoso youtubeur ha ora chiesto la creazione di un Fidesz 
anti-partito intorno a questa "  primavera ungherese  ". Inoltre, questo giovane si 
mobilita in maniera massiccia a qualsiasi problema di recente (migranti maschi e femmine, 
Roma, i diritti sociali, disuguaglianze), fatta eccezione per l'imposta sull'uso di Internet.

La sfida per questa mobilitazione, come quelle degli ultimi anni in Ungheria, è quello di 
mettere in avanti, piuttosto che le illusioni liberali e pro-europei, gli interessi 
convergenti delle classi lavoratrici, contro il regime autoritario che deve illiberali 
come immagine e contro i capitalisti che schiacciano. Le mobilitazioni degli ultimi anni, 
circa l'educazione, contro la distruzione di un parco a Budapest, ma anche scioperi operai 
nel cortile dell'industria automobilistica tedesca quanto l'Ungheria può dare una speranza.

Gyula (G 93 centro)

[1] Vedi U nel mese di ottobre, 2016.

[2] Vedi U di settembre 2015.

http://www.alternativelibertaire.org/?Hongrie-Un-mouvement-se-dresse-contre-Orban


Maggiori informazioni sulla lista A-infos-it