(it) France, Alternative Libertaire AL #272 - Presidenziale: La vera alternativa è la lotta sociale (en, fr, pt) [traduzione automatica]

a-infos-it a ainfos.ca a-infos-it a ainfos.ca
Dom 21 Maggio 2017 07:36:47 CEST


primi risultati ---- In questo periodo tra i due turni, è anche il momento di fare una 
prima valutazione della campagna presidenziale: ammonta a fornire una panoramica 
dell'esposizione della politica e di un sistema senza fiato. Gli "  affari politici e 
finanziari  ", crisi morali, economici, sociali ed ecologici stanno minando il nostro 
paese. Il V ° Repubblica crolla e partiti politici che simboleggiano implodere. Solo 
Mélenchon sarà sapientemente navigato questo tsunami. Trasformare il suo "  dégagisme  " 
bonapartista in "  a contratto  " rivoluzionaria, questa è la nostra sfida. ---- Primaria 
ti prende l'aria ---- La rabbia di persone che lavorano non sono quelli dei borghesi. Ma 
la rabbia è ovunque e le prime vittime sono molteplici: Duflot a The Greens, Olanda e 
Valls PS, Sarkozy e Juppé destra. Tutti i favoriti si suppone spietatamente spazzati ! 
Tutto pagare per aver deluso i loro fan e hanno detrattori rabbiosi. In questo momento, il 
quadro è chiaro: la gente di destra e di sinistra aspirano a profondi cambiamenti. Ma dove ?

antisistema te

Lo shock del primario è tale che tutti i candidati avranno la cospirazione formula 
originale, fascista e confuso: il "  sistema  ", che è il mio nemico. Olanda nel 2012 ha 
proclamato che il suo nemico era la finanza. Ha mentito, ma almeno significava un altro 
avversario. Utilizzando il concetto di "  sistema  " consente nulla designato e appaiono " 
  radicale  " agganciato. Tutto il mix di rabbia e di odio tutti possono sentirsi 
riconosciuto. Mai la realtà della lotta delle classi sociali nel sistema capitalista sarà 
stato profondamente turbato.

Duello con i cittadini

Secondo un sondaggio Fillon e Macron raccolta tra di loro quasi il 70  % dei voti degli 
elettori, con un patrimonio superiore a 450 000. Dove Fillon rappresenta le aspirazioni e 
la rabbia della piccola e media borghesia, tradizionalista, reazionaria patriota gollista 
e Macron provinciale gli stili dei vincitori della globalizzazione e ultra-liberismo 
disinibita.

Quei due porterebbe molto vicino austéritaires politiche. Ma Fillon non può pienamente 
ammettere che porterebbe la stessa politica che ultraliberale Macron: i suoi elettori non 
hanno il desiderio del ubérisation generale della nostra società, ma la nostalgia del boom 
del dopoguerra che avevano entrambi beneficiato. In qualche modo, Fillon rappresenta la 
frazione perdente (ma la maggioranza) della classe media, quando Macron rappresenta la sua 
frazione (di minoranza), ma vincitore.

Combatti i riformisti

Il colpo di fortuna la vittoria al primario Benoît Hamon sottolinea ras-le-bol di persone 
a sinistra per ingannare sistematicamente. Hamon è stato costretto a presentare un 
programma a sinistra, a volte più di Mélenchon su alcuni punti, e, probabilmente, una 
minoranza in ciò che resta della PS stessa. Ma nessuno crede ancora nelle promesse di un 
socialista, soprattutto quando essa non pregiudica l'investitura di Valls o El Khomri per 
legislativa. Dopo aver usato e abusato del "  voto utile  ", il PS e 'colto nella sua 
stessa trappola, bloccato tra Macron e Mélenchon, e vide le persone hanno lasciato a 
prendere l'applicazione Mélenchon, più credibile, almeno in apparenza. La dinamica della 
campagna Mélenchon non possono essere visti semplicemente come una palla di 
media-sondagier. Inoltre, Mélenchon non è il candidato di tali ambienti. Su Internet e 
alle sue riunioni o in "  gruppi di sostegno  " di Francia ribelle, una vera e propria 
dinamica militante è al lavoro, con molti giovani che si trovano per la campagna per la 
prima volta tra i vecchi squali di tutto fazioni dei comunisti estrema sinistra ed ex.

fede fresca e semplice di mescolare insieme i calcoli cinici e opportunisti di altri. 
L'avventura della Francia ribelle e migliaia di giovani che hanno pensato che ci hanno 
bisogno di attenzione.

Il confronto tra i trotskisti

Sembra un duello, ma in realtà non è. Perché se LO ha condotto una campagna perfettamente 
adatto, il NPA ha usato personalità Poutou per condurre una campagna completamente 
spostato. Lontano dalla saggezza convenzionale o troppo astratta o troppo semplicistica 
che erano il segno distintivo delle due organizzazioni concorrenti, il lavoratore Poutou 
ha innescato una vera e propria simpatia nei laboratori, in particolare tra i meno 
politisé.es colleghi che reconnu.es nella postura scomoda e sincero candidato.

Nel insistendo sul fatto che non sarebbe stato eletto, si sarebbe astenuto probabilmente 
non era egli stesso un candidato, ha dato Poutou basistes accenti e il discorso libertario 
del NPA in totale contraddizione la realtà dei dibattiti interni e interventi pubblici 
correnti "  ortodosso  " e dogmatico NPA. Se continuiamo a ritrovarci regolarmente lotte 
con gli attivisti LO o codice postale, hanno chiaramente esaurito la loro capacità di 
generare slancio politico che li circonda.

La guerra tra i fascisti

Le Pen non può assumere una posizione di uscita frontalmente l'Europa è una minoranza 
nell'elettorato, Asselineau sequestrato tema per il Frexit suo identificatore univoco, 
contribuendo in questo modo, mettendo in evidenza la questione nazionale, per cancellare 
appena oltre il problema delle classi sociali.

Fortunatamente, Le Pen non è riuscito a utilizzare questa campagna per creare una dinamica 
permettendo così di superare la base consueta, purtroppo considerevole, il suo sostegno. 
La sua vittoria sarebbe uno shock, non solo a causa della sua politica annunciata, ma 
ancora di più la possibilità di collocare i suoi giovani fascisti amici in tutte le 
lavorazioni dell'apparato statale per cinque anni !

L'astensione e l'indecisione

La delusione e la confusione alla loro altezza era favorevole l'astensione come voto 
impulsivo all'ultimo minuto. Oltre al principio di non votanti (CGA, FA ...), ci riporterà 
l'Pardem che hanno sostenuto Mélenchon nel 2012, ma questa chiamata il momento di votare 
no con un'analisi assurda che mette tutti i candidati nella stessa borsa come se ci erano 
nella stessa posizione dopo una vittoria di le Pen e Mélenchon !

Il Comitato Invisibile è stato anche sentito alla vigilia delle elezioni, pubblicando un 
libro in extremis era previsto dallo scorso autunno, come dovrebbe lanciare una vasta 
campagna di destituent. Con un senso intatto della formula e il bordo delle analisi, il 
Comitato deve ammettere che, contrariamente alle promesse degli ultimi tag di primavera, " 
  le elezioni presidenziali avrà luogo  ". Un'altra profezia che non sarà autoavvera !

I militanti di Alternative Libertaire in questo periodo sottolineato da tutti i mezzi sul 
primato di lotta e di auto-organizzazione, prima, durante e dopo le elezioni. Le elezioni 
pongono ogni volta problemi tattici che al caso trattato dal caso senza dogmatismo. Ecco 
perché le dichiarazioni AL affermavano capire coloro che rifiutano per principio a 
partecipare al élecorale concorrenza di quelli che ancora scegliere quando a votare per " 
il meno peggio  ". Per la nostra prima preoccupazione, mentre le sequenze elettorali 
dividono artificialmente campo dei lavoratori è quello di mantenere l'unità nelle lotte. 
Di agire è meglio eleggere !

Jean-Yves Lesage (93 G Center)

http://www.alternativelibertaire.org/?Presidentielle-La-vraie-alternative-c-est-la-lutte-sociale


Maggiori informazioni sulla lista A-infos-it