(it) France, Alternative Libertaire AL Novembre - Violenza domestica: Vergogna dovrebbe passare dall'altra parte! (en, fr, pt) [traduzione automatica]

a-infos-it a ainfos.ca a-infos-it a ainfos.ca
Sab 24 Dic 2016 11:15:18 CET


In Francia, una donna muore ogni tre giorni per mano del marito. Se è così comune è che 
questo non è un incidente, è che non si tratta di persone, in particolare, è che non 
accade per gli altri. La violenza domestica è un insieme di violenza psicologica e fisica, 
abusi verbali, fisici e sessuali, finalizzata all'uccisione di una donna come una persona 
autonoma, rischia di portare ad uccidere reale . ---- Qu'Appelle fa una violenza 
domestica? ---- Contrariamente alla credenza popolare, la violenza coniugale non significa 
che i colpi. Rientrano nella categoria della violenza domestica: ---- verbali aggressione: 
insulti e abusi, ---- le pressioni psicologiche: osservazioni e vietato costante di 
controllo, umiliare, intimidire, isolare (monitor o evitare il contatto con altre 
persone), denigrare e svalutare. ..

  aggressione fisica,

  violenza sessuale e lo stupro coniugale.

Questa definizione di violenza domestica non è stato inventato dalle femministe radicali - 
che tuttavia condividono - ma è quella usata dalla prima grande inchiesta in Francia sulla 
questione, e controllato dal governo: l'indagine nazionale violenza contro le donne in 
Francia (Enveff), che risale al 2000.

abusi psicologici come obiettivo fisico per stabilire il dominio totale degli uomini sulle 
donne in una prospettiva tirannica, in cui tutto contribuisce a un clima di terrore. 
Questo clima di terrore permette la presentazione e l'isolamento emotivo e sociale delle 
donne, per un migliore controllo. L'oggetto della rabbia umana può essere importante o 
banale, non importa, è arbitraria, in quanto è soprattutto a vivere nella paura.

Come funziona?

La violenza domestica è ancora in gran parte invisibilisées nella nostra società, solo il 
16% delle donne maltrattate di file reclami. Altri astenersi dal farlo, spesso per 
proteggere i loro figli, la loro reputazione o paura. La violenza domestica è basata su un 
processo complesso in cui la tenuta psicologica l'abusante frustrato autostima e la 
capacità di agire in vittime. Si parla spesso del "ciclo della violenza domestica", che 
ripete in continuazione: in primo luogo la violenza sale a raggiungere un punto di crisi, 
in cui rimpianti successive, scuse e promesse, in una fase idilliaca chiamato "luna miele 
". Questo è ciò che ci permette di capire che molte donne mantengono la speranza invece di 
uscire da questa situazione. Eppure la violenza restituisce sempre ciclicamente.

Proprio come lo stupro è incoraggiata da una "cultura dello stupro", che la legittima, 
allo stesso modo, le rappresentazioni dominanti di amore giustificano e banalizzare la 
violenza domestica. Tra queste rappresentazioni, troviamo, in primo luogo, quelli che 
hanno l'amore come un sacrificio, un dono totale di sé e di abbandono verso l'altro; in 
secondo luogo, quelli che hanno amore come passione devastante che può portare alla 
distruzione dell'altro. Ma l'amore non è distrutta!

Contrariamente alla comune pregiudizio, indagini Enveff citata ha dimostrato che la 
violenza domestica attraverso tutte le classi sociali e tutte le categorie professionali 
allo stesso modo. In altre parole, crede che la violenza domestica riguarda solo i poveri 
è pura e semplice disprezzo di classe: essa non dipende dal livello di reddito o 
aggressori livello diploma e aggrediti. 40% dei casi di violenza domestica coinvolta nella 
coppia durante una prima gravidanza quando le donne sono più isolate (interruzione di 
lavoro con le assenze per malattia o maternità) o il più vulnerabili fisicamente.

La coppia diritta, uno sviluppatore di disuguaglianza?

Quando la violenza è diffusa come la violenza domestica non può continuare a credere che 
questi fatti isolati. La violenza domestica appare schiacciante nelle coppie eterosessuali 
tutte le classi sociali. coppie eterosessuali o la famiglia eterosessuale è un'istituzione 
sociale che riproduce il dominio presente nel resto della società. Le donne sono sollevate 
fin dall'infanzia l'idea che non possono vivere senza gli uomini. La loro formazione è 
interamente girato verso la coppia e la famiglia, sono progettati per prendersi cura di un 
uomo e di una famiglia. Questo è uno dei motivi per cui oltre l'80% del lavoro a tempo 
parziale per le donne di oggi. Al contrario, gli uomini sono spinti fin dall'infanzia a 
crescere indipendentemente dell'economia nazionale. Quando una donna e un uomo vengono 
installati insieme non sono già in una situazione di uguaglianza in quanto hanno 
incorporato una serie di stereotipi di genere.

Studi sulla condivisione dei compiti domestici mostrano le disuguaglianze che ancora 
persistono ampiamente nelle coppie eterosessuali: le donne lavorano più degli uomini a 
casa e fare i lavori di casa più invisibile e meno valorizzati. Il lavoro domestico è un 
lavoro fatto da donne rispetto agli uomini sono appropriati.

La violenza domestica sia parte fisica o psicologica di questo sistema di sfruttamento 
delle donne. Per usufruire di un individuo, l'operatore deve distruggere in questo 
individuo autostima e convincerlo che l'operazione è naturale. In alcuni casi l'operazione 
porta alla violenza. Fino a quando le donne sono considerate dipendenti e inferiori agli 
uomini, gli uomini continueranno ad usare il loro potere di governare contro di loro.

In breve, la violenza domestica non provenire da storie individuali. Non è perché è lui, è 
non è perché sia lei. Questo è perché è un uomo, è perché lei è una donna. Chiediamo alla 
domanda: a chi giova? In un sistema operativo donne da parte degli uomini. Questo sistema 
è patriarcato.

VIOLENZA IN COPPIA

* Nel 2014, 118 donne e 25 uomini sono stati uccisi es dal coniuge o l'ex coniuge. * In 
media, ogni anno, si stima che 223.000 donne di età compresa da 18 a 75 sono vittime di 
violenza domestica nelle sue forme più gravi (fisiche e / o di abuso sessuale da parte del 
partner o ex -conjoint). * 143.000 bambini vivono in una casa dove una donna ha riferito 
di essere vittima di abusi fisici e / o sessuale da un coniuge o l'ex -conjoint. * In un 
anno, dal novembre 2014 al ottobre 2015, 82,635 atti di violenza commessi da un coniuge o 
l'ex coniuge sono stati identificati dalle forze di sicurezza in Francia. Nel 88% dei casi 
la vittima è una donna (72.873 fatto).

La violenza sessuale

* In media, ogni anno, si stima che 84.000 donne di età compresa da 18 a 75 sono vittime 
di stupro o tentato stupro. Nel 90% dei casi, la vittima conosce il suo aggressore. Il 10% 
delle vittime ha dichiarato presentato una denuncia. * Nel 2014, 765 uomini e 6 donne sono 
stati condannati per stupro-ss a persone con più di 15 anni.

La lettera dell'Osservatorio Nazionale della violenza alle donne Make - Novembre 2015

Sei vittima di violenza coniugale?

Questo auto-test è stato effettuato dall'associazione Filactions . Ovviamente, ogni 
parametro preso da solo non può rivelare una situazione di violenza. Tuttavia, se si 
risponde sì 3 volte o più, si è vittima di una o più forme di violenza domestica: fisiche, 
morali, psicologiche e / o economiche. Così si può chiedere aiuto alle associazioni. Essa 
si basa sul questionario condotto un'indagine Enveff (vedi articolo).

Nel corso degli ultimi 12 mesi, hanno il coniuge o un amico:
1. vi hanno impedito di incontrare o parlare con gli amici o familiari?
2. impedito di parlare con altri uomini?
3. criticato, ha minimizzato quello che stavi facendo?
4. fare commenti spiacevoli circa il tuo aspetto?
5. si imposero modi di vestire, lo stile o ti comporti in pubblico?

http://www.alternativelibertaire.org/?Violences-conjugales-La-honte-doit


Maggiori informazioni sulla lista A-infos-it