(it) Alternativa Libertaria (FdCA) maggio 2015 - O Gorizia tu sei maledetta

a-infos-it a ainfos.ca a-infos-it a ainfos.ca
Sab 13 Giu 2015 16:36:34 CEST


Si stima che la battaglia di Gorizia (9-10 agosto 1916) sia costata la vita a 50.000 
soldati e 1.759 ufficiali italiani (862 ufficiali e 40.000 soldati quelli di parte 
austriaca). Nacquero per l'occasione alcune canzoni popolari; la più celebre "Gorizia tu 
sei maledetta" scritta da un anonimo militare. Questo canto - che faceva rischiare la 
fucilazione ai soldati sorpresi ad intonarlo ---- ha, verosimilmente, conosciuto nei 
decenni l'amputazione di una strofa - «Traditori signori ufficiali / che la guerra l'avete 
voluta, / scannatori di carne venduta / e rovina della gioventù» ---- che sottolineava, 
oltre al carattere pacifista, una netta connotazione di classe. Uno scandalo determinò, 
quindi, nel 1964 la presentazione della versione originale della canzone al "Festival dei 
due mondi" di Spoleto quando Michele L. Straniero e Fausto Amodei (subito denunciati per 
"Vilipendio delle Forze armate") osarono cantare la versione originale della canzone.
(http://www.centoannidiguerre.org)

La mattina del cinque d'agosto
si muovevan le truppe italiane
per Gorizia, le terre lontane
e dolente ognun si partì
Sotto l'acqua che cadeva a rovesci
grandinavan le palle nemiche
su quei monti, colline e gran valli
si moriva dicendo così:
O Gorizia tu sei maledetta
per ogni cuore che sente coscienza
dolorosa ci fu la partenza
e il ritorno per molti non fu
O vigliacchi che voi ve ne state
con le mogli sui letto di lana
schernitori di noi carne umana
questa guerra ci insegna a punir
Voi chiamate il campo d'onore
questa terra di là dei confini
Qui si muore gridando assassini
maledetti sarete un dì
Cara moglie che tu non mi senti
raccomando ai compagni vicini
di tenermi da conto i bambini
che io muoio col suo nome nel cuor
Traditori signori ufficiali
Che la guerra l'avete voluta
Scannatori di carne venduta
e rovina della gioventù
O Gorizia tu sei maledetta
per ogni cuore che sente coscienza
dolorosa ci fu la partenza
e il ritorno per molti non fu.

http://www.fdca.it/stampa/altlibert.htm


More information about the A-infos-it mailing list