(it) France, Alternative Libertaire AL #250 - Dopo 9 aprile: Riprendi e trattenere (en, fr, pt) [traduzione automatica]

a-infos-it a ainfos.ca a-infos-it a ainfos.ca
Sab 6 Giu 2015 09:44:55 CEST


Con circa 300.000 manifestanti in tutta la Francia, il 9 aprile è stata una data che ha 
espresso il rifiuto dei padroni di legge e PS, che serve loro zuppa. Tuttavia, una domanda 
sorge spontanea: come procedere? ---- Chiamato da un inter-CGT nazionale, FO, FSU e 
Solidaires, la giornata di scioperi e manifestazioni, il 9 aprile è stata la prima fase di 
ri-mobilitazione del campo di lavoro. Con più di ottanta eventi in dipartimenti e una 
manifestazione nazionale a Parigi, che ha riunito 120.000 persone, non c'è nulla di cui 
vergognarsi di questa giornata di azione. Le ragioni di mobilitare? Macron legge, diritto 
sanitario, legge sul dialogo sociale in preparazione, ma anche tante lotte per 
l'occupazione, i salari, le condizioni di lavoro si possono trovare nelle giornate 
nazionali di sciopero una cassa di risonanza utile. Lo sciopero in corso a Radio France, 
poi a piena potenza, era emblematico di questa giunzione come possibili lotte e l'apertura 
del corteo parigino dagli scioperanti combattimenti aggiunto al clima della giornata. 
Eppure molti sindacalisti avevano legittimi sudori freddi nei giorni precedenti al 9 aprile.

La manifestazione o sciopero?

Con la sua decisione unilaterale di chiamare una manifestazione nazionale a Parigi, la 
leadership CGT affondò un angolo del telaio unità. Se questa strategia potrebbe 
raccogliere i risultati in termini di visibilità per il centro di Montreuil, probabilmente 
anche per motivare attivisti squadre CGT, resta il fatto che il rapporto di trasmissione 
sulla manifestazione nazionale è stata ostacolata dinamiche locali: ha visto in diversi 
dipartimenti istituito dirigenti inter-sindacali a geometria variabile concorrenti veri e 
propri. Disunione lontano per servire l'azione.

Un altro trabocchetto: puntare tutto su una manifestazione nazionale potrebbe portare ad 
alcune incongruenze, come ad esempio il rifiuto della CGT-Ferrovieri di indire uno 
sciopero non ostacolare il trasporto di manifestanti. Priorità evento anche contribuito 
alla modestia del bomber azione... anche se è sempre necessario analizzare più finemente, 
località per località e settore per settore della realtà che giorno. Ad esempio, con tassi 
di attaccanti del primo grado di importo nazionale di istruzione al 50% a Parigi e in 93, 
da 40 a 50% nella Creuse, Cantal e del Puy-de-Dôme, quel giorno non era non senza 
sorprese. Perché era così urgente di rioccupare il marciapiede non possiamo trascurare gli 
eventi locali che sono stati in grado di raccogliere diverse migliaia di manifestanti, 
come a Bordeaux (10000), Tolosa (8000), Lione (7000) Caen (3000)...

Ma come procedere? Alcune strutture sindacali (come la UD CGT Seine-Maritime) hanno 
chiesto una nuova data per la mobilitazione a metà maggio. Uno scenario che non era 
probabile che sarebbe accaduto a concordare diverse organizzazioni a livello nazionale. 
Mentre 1 maggio sembrava "naturalmente" indicata come all'indomani del 9 aprile, non c'era 
una unione di due. Sappiamo poco FO affezionato tradizionalmente l'unità 1 maggio... Due 
dirigenti inter-sindacali sono stati poi istituito: uno per preparare il 1 maggio con CGT, 
FSU e Solidaires, Unsa esteso a (CFDT avere finalmente rifiutato di farne parte); l'altro 
dedicato alle suite del 9 aprile, che non è ancora noto al momento della scrittura, se FO 
sarà o meno.

1 maggio... e oltre

La chiamata nazionale al 1 ° maggio ha quindi trovato amputato che era ancora mobilitato 9 
aprile: tra cui la negazione del diritto Macron e il patto di responsabilità. Al 
contrario, in diversi dipartimenti o regioni, in particolare in Île-de-France, è il quadro 
unitario e le rivendicazioni del 9 aprile che sono serviti come base per le chiamate del 1 
° maggio

Naturalmente, è necessaria una partecipazione attiva e massiccia alle manifestazioni del 1 
° maggio. Resta da vedere se sarà offerto un nuovo giornata nazionale di scioperi e 
manifestazioni (se questo è il caso, probabilmente nel mese di giugno). Sperando che 
questa prospettiva non inciampa, in caso di ritiro di FP, sulla riluttanza di gestione di 
impegnarsi in mobilitazioni CGT fianco l'unico sindacato Solidaires unione (ancora 
impegnati a costruire lo sciopero) e FSU (regolarmente soggetto, nel frattempo, 
procrastinazione).

In ogni caso, questo è il percorso che dobbiamo riconquistare la lotta per imporre il 
nostro calendario: le lotte! Oltre le interrelazioni chiamate, numerosi scioperi scatole, 
si può anche contare su mobilitazioni settoriali nazionali, come lo sciopero nei college 
chiamato il 19 maggio (chiamato da un ampio inter-FSU, FO, CGT, Sud, SNALC ) o di una 
manifestazione nazionale il prossimo (ancora in discussione) dei salariati in lotta centri 
finanziari del Post.

In tutte queste lotte e mobilitazioni, quindi l'importanza di costruire responsabili di 
unità per commettere l'azione è ben definito, è di vitale importanza per sostenere 
un'azione campo, più vicini ai nostri colleghi. Con gli strumenti per questa unione che 
stiamo costruendo ogni giorno la mobilitazione - sezioni, sindacati, federazioni, 
sindacati locali e dipartimentali - a sviluppare la discussione dei sinistri unificanti e 
convincerlo della necessità di combattere. Concentrarsi il dibattito sui metodi più 
efficaci di intervento (prolungati scioperi, blocchi, occupazioni) è tanto una parte di 
questo lavoro rimobilizzazione. E 'a questo che dobbiamo attivamente noi affrontare nelle 
prossime settimane: per mettere finalmente un buon schiaffo all'offensiva dei datori di 
lavoro!

Théo Rival (AL Orléans)

http://www.alternativelibertaire.org/?Apres-le-9-avril-Reprendre-et


More information about the A-infos-it mailing list