(it) France, Alternative Libertaire AL #250 - NCF: Un chibanis contro la discriminazione (en, fr, pt) [traduzione automatica]

a-infos-it a ainfos.ca a-infos-it a ainfos.ca
Gio 4 Giu 2015 12:30:33 CEST


Lavoratori marocchini ex discriminati da SNCF per anni hanno protestato contro la 
direzione della società, che, incapace di negare i fatti, è tutto la prescrizione del 
presunto crimine. La prova di cinismo che merita la mobilitazione per la parità di diritti 
tra i dipendenti francesi e stranieri. ---- Da Lunedi 23 marzo al Venerdì 27 marzo si sono 
svolte le udienze tie-break davanti al consiglio di Parigi tribunale del lavoro che 
coinvolge oltre 800 chibanis di origine marocchina e vedove dei lavoratori contro la 
gestione SNCF. ---- Discriminazione a lungo termine ---- Questi lavoratori immigrati 
assunti in maniera massiccia nel 1970 in Marocco, in condizioni postcoloniali hanno 
sofferto la discriminazione per molti anni, a causa della clausola di nazionalità in 
vigore alla SNCF[1].

Tali interessi discriminazione sono anni di lavoro supplementari in posti di lavoro 
gravose in termini di condizioni di lavoro, ma non solo l'accesso al "SNCF stato" non 
hanno permesso loro di accedere sia studi medici della società per esempio, o che hanno 
uno sviluppo di carriera equivalente come la loro struttura salariale non ha permesso una 
carriera simile a quella di altri lavoratori delle ferrovie e dei lavoratori delle ferrovie.

Nel corso di questa settimana udienza, il difensore della SNCF ha poco negare i fatti: si 
limita a ricordare che la questione della discriminazione è stata datata a partire dalla 
data della firma del contratto e dei fatti sono state pertanto prescritto...

Pochi sostegno dell'Unione

Ma per la SNCF, che vieta ancora lo stato di accesso per i dipendenti non avendo una 
cittadinanza dell'Unione europea, difficile negare che la discriminazione continua da 
questi dipendenti tutta la loro carriera: poca o nessuna formazione professionale per 
consentire loro l'accesso a posti di lavoro più leggeri e migliori, senza evoluzione del 
sistema retributivo per consentire uno sviluppo di carriera equivalente a "status".

Sebbene chibanis hanno scelto di organizzare creare autonomamente la propria associazione, 
si può rimpiangere l'evidente mancanza di sostegno dei sindacati, tranne che della 
federazione SUD-Rail.

Tuttavia alcune organizzazioni visto questo come un affare, al fine di garantire la 
copertura dei media a un costo inferiore (diritto alla differenza, Casa di amici, ecc.); 
La sentenza sarà consegnato il 21 settembre, ma già possiamo già prevedere che la SNCF fa 
chiamare una possibile condanna, anche facendo durare un procedimento avviato da oltre 
dieci anni. Un atteggiamento tanto più cinico come decine di chibanis sono già morti da 
quando le prime azioni legali.

Mathieu (AL Saint-Denis)

[1] La RATP ha rimosso una clausola simile al suo stato dal 2002.

http://www.alternativelibertaire.org/?SNCF-Des-chibanis-contre-la


More information about the A-infos-it mailing list