(it) USI-AIT Educazione: No alla delega RSU! Nessun tavolo di trattativa difenderà i lavoratori.

a-infos-it a ainfos.ca a-infos-it a ainfos.ca
Dom 8 Feb 2015 11:49:10 CET


Le prossime elezioni delle RSU nella scuola impongono alcune riflessioni che, come 
sindacato anarcolibertario di settore, intendiamo condividere con i lavoratori e le 
lavoratrici posto che, la nostra natura etica e sociale, avversa agli autoritarismi e ai 
verticismi, non ci fa imporre alcuna linea ai territori, nessun dettame che da un 
sedicente centro si irradia alle presunte periferie, ma intendiamo qui porre solo 
riflessioni, a nostro avviso, utili alla lotta e alla presa di coscienza individuale. ---- 
I numerosi sindacati italiani, che siano essi confederati o meno, si vedono impegnati in 
questa campagna elettorale con un grande dispiego di denaro e di energie che, forse, 
sarebbe auspicabile dedicare altrove. La nostra unione ritiene, invece, inutili queste 
elezioni. Riteniamo che la delega RSU sia solo un mezzo, fra i tanti, per creare e 
spartire potere e privilegi, al fine di sedere ai tavoli delle trattative con le dirigenze 
per contrattare le poche briciole finanziarie destinate alle scuole (FIS) e assegnate, 
quasi tutte, alla nutrita "consorteria" che affianca le dirigenze scolastiche o - quando 
va bene - agli "amici" ... votanti. Senza che la cosa modifichi di una virgola le pessime 
condizioni in cui versa la scuola pubblica italiana sempre più proiettata verso una 
visione "aziendale" tanto cara a Confindustria ed il cui, inesorabile, processo di 
decadenza (sociale, culturale ed economico) è iniziato con l'avvento di Luigi Berlinguer 
al dicastero di V.le Trastevere.

Cosa rimane, infatti, di tutta questa "lotta" condotta, spesso, senza esclusione di colpi 
ai lavoratori? Crediamo un bel nulla o forse solo l'illusione di essere tutelati e 
rappresentati da un soggetto sindacale il quale - come ci insegna l'esperienza pregressa - 
finita "l'ubriacatura" della campagna elettorale - dimentica totalmente gli impegni 
assunti e gestisce la contrattazione di istituto come fosse "cosa sua" ignorando persino 
le più elementari regole della democrazia rappresentativa: ovvero il diritto degli 
elettori ad essere informati sulle proposte padronali e sullo stato della trattativa. 
Sappiamo bene, infatti, che concentrare potere nelle mani di pochi rende questi soggetti 
ancora più influenzabili e ancora più propensi a svendere le lotte.

In altri termini queste elezioni sono, per noi, comparabili a qualsiasi altra elezione di 
natura politica in cui gli eletti - una volta raggiunto lo scopo prefissato - rivendicano 
per sé una sorta di libertà decisionale senza vincolo di mandato che si traduce, quasi 
sempre, nel peggiorare le condizioni dei lavoratori e delle lavoratrici che, a parole, 
pretendono di rappresentare.

Noi non possiamo permettere che mentre a Roma si discute Sagunto venga espugnata.
Noi siamo convinti assertori dell'assemblearismo e dell'autogoverno ovvero l'esatto 
contrario del principio della "delega in bianco" insito nelle elezioni RSU che ha 
provocato un enorme danno nel mondo del lavoro e nella società in generale.

Auspichiamo quindi che non si sprechi tempo ed energie in simili battaglie ma invitiamo 
tutti i lavoratori e le lavoratrici che ne hanno voglia e intenzione, a sottrarsi a questo 
gioco creato dal potere per calmierare i lavoratori e illuderli di "contare qualcosa", 
scegliendone solo alcuni, magari più propensi al mantenimento dello status quo, coi quali 
contrattare attraverso il filtro sindacale e rendere, pertanto, inoffensive le voci fuori 
dal coro coloro che non si riconoscono più nei sindacati tradizionali, coloro che hanno 
disvelato il velo di maia che mostra i lavoratori e le lavoratrici in balia dei poteri 
dirigenziali.

Noi crediamo che la sola via d'uscita sia l'autogestione che non passa certo attraverso 
una elezione ovvero una delega in bianco non revocabile.

Auspichiamo - laddove possibile - la nascita di sezioni sindacali per cercare di opporsi 
(e di contare) nel momento in cui la rsu e la "controparte" dirigenziale si siederanno al 
tavolo della trattativa per stipulare un contratto di istituto che - in base alle norme 
giuridiche/contrattuali vigenti - ha valore di norma cogente erga omnes: ovvero è 
equivalente ad una legge dello stato che si applica a tutto il personale. Che lo condivida 
o no.

http://www.usi-ait.org/index.php/usi-educazione/834-no-alla-delega-rsu-nessun-tavolo-di-trattativa-difendera-i-lavoratori


More information about the A-infos-it mailing list