(it) France, Alternative Libertaire AL #246 - Leggi: Alain Brossat, "Possiamo parlare con il nemico?» (en, fr, pt) [traduzione automatica]

a-infos-it a ainfos.ca a-infos-it a ainfos.ca
Sab 7 Feb 2015 15:49:22 CET


"Questo libro mette in discussione lo stato di inimicizia politica nelle società 
contemporanee. Il gioco di ciò che è auto-designato oggi come " la democrazia " è quello 
di mantenere la negazione del conflitto e della divisione per stabilire un regime di 
flusso generale in cui tutti i dossi sono solubili in una comunicazione ben regolata. E 'a 
convincerci che ci sia solo "parti sociali" semplicemente separati da malintesi o 
differenze di rendimento di condividere il senso di interesse comune. (...) Nel proporre 
un incrocio di diverse figure in cui la questione è stata sollevata del rapporto con il 
nemico, le pratiche di inimicizia (...), questo libro cerca di tornare al pensiero 
politico contemporaneo che fastidioso domanda: a quali condizioni e per quale scopo si può 
parlare con i nostri nemici - o dovremmo astenersi dal farlo? " (ndr)

Con Possiamo parlare con il nemico? Alain Brossat continua la sua riflessione salutare, 
filosofiche e politiche, i concetti intorno all'infinito rehashed (per novlang diventare 
la quintessenza delle nostre società contemporanee capitaliste neoliberale) che sono 
"democrazia", "umani uomo "e" cultura "e di fare in fretta: tutto ciò che si suppone più o 
meno" ovvio "e il consenso, da destra a sinistra (" (... diffidare, sempre)! a sinistra 
della sinistra "incluso). E 'un eufemismo per dire che Alain Brossat è un filosofo di 
dissenso. Sostenere il suo lavoro in un dialogo costante con Michel Foucault (tra gli 
altri), e, per usare le sue stesse parole, "al di là", lui, è tra coloro che non 
risparmierà niente e nessuno nella ricerca pensiero e un'azione critica aprendo possibili 
future-rivoluzionari. Basti dire che in questi tempi di negazione del pensiero e di 
regressioni Brossat leggere, parlare con la sua ricerca è una necessità assoluta. Nel 
momento in cui sguazza ultramédiatique politici di tutto lo spettro politico, e non solo 
in tempo di elezioni (che Deleuze ha detto che "noi[sarà] hanno da tempo" ), dobbiamo 
concludere con lui per le nostre lotte di oggi ' hui e il futuro: "Noi non comunicano con 
il nemico si combatte.»

Marco C.

Alain Brossat, Possiamo parlare con il nemico? , nero e rosso edizioni, 92 pagine, 7 euro.

Leggi il blog silenzio che parla un lungo passaggio, e sul libro, un testo Joachim Dupuis, 
silenzio delle Sirene.

http://www.alternativelibertaire.org/?Alain-Brossat-Peut-on-parler-avec


More information about the A-infos-it mailing list