(it) Alternative Libertaire AL #246 - A destra: La motivazione del licenziamento - Jean Luc Dupriez, unione CGT defender (en, fr, pt) [traduzione automatica]

a-infos-it a ainfos.ca a-infos-it a ainfos.ca
Gio 5 Feb 2015 16:10:16 CET


Eveline[1] è stato assunto a tempo parziale - 28 ore settimanali - alle famiglie in un 
centro ippico. Non è stato firmato un contratto di lavoro e il lavoratore è stato pagato 
da occupazione servizio check. Mentre nulla è stato mai accusato, cinque mesi dopo, il 22 
febbraio a 16 ore, il datore di lavoro ha richiesto che lascia il lavoro "sul campo", non 
tornare mai più. Tre giorni dopo, il dipendente invia una lettera raccomandata al datore 
di lavoro si impegna "la procedura deve essere il più breve tempo possibile" . In 
risposta, quest'ultimo ha scritto: "Con la presente confermo il licenziamento a causa di 
incompatibilità e la fine della missione. Il contratto di lavoro si è conclusa il 22 
febbraio.» ---- Il codice del lavoro prevede che i motivi di licenziamento sono definiti 
per iscritto in una lettera raccomandata con avviso di ricevimento. La dichiarazione di 
default per iscritto dei motivi supera la mancanza di un reale e serio motivo di 
licenziamento. In particolare il licenziamento verbale è ingiusto. Per Eveline, inoltre è 
possibile regolare il licenziamento dopo la breccia è stata trovata - che è il caso qui - 
le ragioni esposte, ovviamente illegale, solo mostrare che c'è non aveva alcun motivo di 
licenziamento, se non il potere di "diritto divino" del datore di lavoro.

Pierre Gattaz, presidente del MEDEF, ha dichiarato in una conferenza stampa il 14 ottobre 
2014, scompare l'obbligo di giustificare il licenziamento. La posta in gioco è alta: una 
tale mancanza di obbligo di indicare una ragione che può essere successivamente verificata 
sarebbe poi ripristinare il potere assoluto delle grandi imprese nel mondo degli affari. 
La lotta di classe è ora condotta senza falsa modestia MEDEF.

Ma noi non siamo lì. In seguito al suo licenziamento, Eveline afferrò il Tribunale del 
lavoro. Counsel per il datore di lavoro, di fronte a questa situazione, nemmeno cercato di 
escludere la sussistenza di licenziamento senza giusta causa. Egli ha cercato di 
minimizzare il danno subito dalla Eveline nel disordinato e accusando senza evidenza di 
avere alcol sul posto di lavoro ei partecipanti insultare in competizioni equestri.

Il Tribunale del lavoro ha ordinato il datore di lavoro di pagare lo stipendio di tre mesi 
sotto il licenziamento senza giusta causa e la mancanza di un giusto processo, oltre a 
pagare una settimana di preavviso.

Alla fine, di fronte alla constatazione della sentenza da parte del consiglio come "la 
risoluzione del contratto di lavoro non ha alcuna caratteristica di un licenziamento per 
giusta causa reale e grave" e "che il datore di lavoro ha fallito in tutti i suoi obblighi 
legali " Eveline perso il suo lavoro e ha ricevuto un compenso molto limitato. Ma anche 
questo, la gestione vuole vedere scomparire!

[1] Il nome fu cambiato

http://www.alternativelibertaire.org/?Droits-devant-La-motivation-du


More information about the A-infos-it mailing list