(it) USI-AIT, Milano: presidio alla Scala per il diritto all'abitare

a-infos-it a ainfos.ca a-infos-it a ainfos.ca
Lun 22 Dic 2014 10:39:50 CET


La contestazione del 7 dicembre e le lotte per il diritto alla casa a Milano
Dopo gli sgomberi di case occupate dell'Aler (case popolari) e di centri sociali occupanti 
si è sviluppata una risposta che ha visto momenti di unità fra i comitati dei vari 
quartieri che si battono per il diritto alla casa, anche se operano con modalità 
d'intervento diverse. ----  Giovedì 24 novembre sono stati organizzati cortei di protesta 
in contemporanea nei vari quartieri dove ci sono in piedi lotte per il diritto alla casa. 
Giovedì 4 dicembre si è svolto un corteo unitario partito alle 18 da piazza San Babila che 
ha attraversato le vie del centro con cartelli, striscioni, slogan ed interventi 
particolarmente centrati sul diritto alla casa e contro l'attacco repressivo in corso. 
Oltre alle associazione inquilini, dei comitati di quartieri e degli occupanti erano 
presenti anche spezzoni del sindacato di base ed alternativo tra i quali l'USI con le 
proprie bandiere.

Poi è arrivata la scadenza del 7 dicembre in cui tradizionalmente in occasione 
dell'inaugurazione della stagione teatrale alla Scala viene organizzata la contestazione 
nei confronti di quei partecipanti che fanno sfoggio del proprio potere, il gota della 
Finanza, Banchieri, Padroni e arricchiti delle varie specie, assieme alle principali 
cariche dello Stato e dei politici di grande livello (quest'anno hanno ritirato la loro 
partecipazione il Presidente della Repubblica e quello del Consiglio).

Il 7 dicembre si festeggia Sant' Ambrogio, patrono di Milano, che quest'anno ha coinciso 
con la festività della domenica. Nell'occasione si svolge una fiera tradizionale 
denominata “Obej o Obej” che si svolge nel centro e attira tantissima gente.
 Negli ultimi anni era la Cub particolarmente impegnata a tale manifestazione di 
dissenso. Quest'anno, sia per la situazione generale che stiamo subendo e in particolare 
per i fermenti che si stanno sviluppando nelle lotte di quartiere in questo momento, l'USI 
a Milano ha deciso di partecipare. La nostra presenza si è caratterizzata con la presenza 
dello striscione USI/AIT, con le nostre bandiere e la diffusione di un volantino a 
sostegno delle lotte per la casa (nel retro i punti programmatici con cui abbiamo indetto 
l'ultimo sciopero generale). C'era molta gente sotto il Palazzo Comunale nella parte 
transennata che delimitava il confine da non varcare. Molti curiosi, molti turisti oltre 
ai partecipanti alla manifestazione di protesta. Davanti all'entrata della Scala c'era un 
folto schieramento di polizia.

 I primo scontri sono avvenuti verso le 17, quando un corteo del comitato occupanti di 
San Siro, capitanati dal centro sociale “il Cantiere”, ha tentato di entrare nella via di 
accesso al lato della Scala. Sono state lanciate uova e ortaggi oltre al pressing ei 
poliziotti hanno risposto con cariche e manganellate. Alle 18 alcuni manifestanti hanno 
tolto le transenne nel lato dove eravamo posizionati noi, ma il tentativo di sfondamento è 
stato sospeso perché si rischiava lo schiacciamento tra polizia davanti e dietro nella 
stessa strada. Alle 18,30 un corteo dei comitati di quartiere ed occupanti è entrata nella 
Galleria che unisce piazza Duomo con piazza Scala, ma una volta entrati nella piazza 
transennata, sotto il Palazzo Comunale la polizia ha caricato pesantemente il corteo.

Dopo una mezz'ora circa il corteo si è ricomposto e ha attraversato la Galleria a ritroso 
(dove centinaia di persone assistevano, attraverso lo schermo gigante, alla proiezione in 
contemporanea dell'opera che stava andando in scena alla Scala) per entrare in piazza 
Duomo a manifestare, strapiena di gente per festività in corso.

Enrico Moroni

http://www.usi-ait.org/index.php/notizie/795-milano-presidio-alla-scala-per-il-diritto-allabitare


More information about the A-infos-it mailing list