(it) Arquata Scrivia 26 maggio: contro il Terzo Valico

a-infos-it a ainfos.ca a-infos-it a ainfos.ca
Mer 30 Maggio 2012 16:54:42 CEST


Sabato 26 maggio è stata una giornata  importante per il movimento contro il Terzo
Valico perché ha visto una numerosa partecipazione (circa 2500 - 3000 persone) ed il
paese di Arquata ha accolto i manifestanti con apprezzamento e condivisione.

La manifestazione è stata pacifica ma determinata nel gridare con forza la
contrarietà al progetto  inutile e dannoso dell'alta velocità che, non ci
stancheremo mai di ribadirlo, è utile solamente agli interessi dei "potentati
economici" quali Impregilo, gruppo Gavio, CMC di Ravenna, COCIV, ecc.

Nel corteo erano presenti i comitati contro il Terzo Valico, gente comune, i
sindacati,  gli anarchici, le associazioni e diversi partiti di sinistra. Numerosa è
stata la presenza nello spezzone rosso/nero con il camion che distribuiva vino ai
partecipanti ed il sound system che alternava pezzi di musica rock, elettronica e
canti anarchici nonchè numerosi interventi al microfono. Questi ultimi molto
comunicativi e incazzati: si è ricordato come gli anarchici siano tra i più attivi
nella lotta contro l'alta velocità e come, anche per questo, vengano criminalizzati.
Di come il potere, attraverso i mass-media, compia una vera e propria campagna
(quella si!) terroristica contro di noi per poter poi emanare leggi repressive
contro ogni forma di dissenso che si sta manifestando in ogni angolo d'Italia. Si è
ribadito che terrorista è lo stato che risponde ad ogni minima protesta con
manganellate e denuncie e che terroriste siano imprese quali l'Impregilo che
all'Aquila ha costruito un ospedale di sabbia il quale, fin dalle prime scosse di
terremoto, è crollato sulle persone mietendo vittime. Ed ovviamente come lo stato
criminalizzi e agisca di conseguenza contro il movimento No Tav: movimento popolare
che gode di sempre maggiori consensi e per questo ostacolato in tutti i modi dagli
apparati repressivi. Insomma ancora una volta l'assioma è semplice: terrorista è lo
stato e gli sbirri sono gli esecutori violenti di questo terrorismo!

Quindi per noi Anarchici la risposta che si deve dare a questo clima di "caccia alle
streghe" è ancora una volta netta e precisa: azione diretta ed autogestione. Questi
sono gli unici strumenti validi per fermare le cosiddette "grandi opere" e per
giungere all'obbiettivo a cui tendiamo ossia un mondo di liberi ed uguali. Infine si
è ricordato il ruolo di una "certa sinistra" la quale spesso, troppo spesso, in
cambio di "alcuni favori" è pronta a svendere le lotte.

Il corteo si è quindi snodato in mezzo alle vie del paese e sono stati gridati
slogan contro il TAV, contro lo stato e per l'azone diretta per poi terminare nella
piazza principale. Qui il corteo si è sciolto senza alcun intervento finale ma con
la certezza che la lotta, quella vera, deve ancora iniziare e che noi, come sempre,
ci saremo.

CONTRO L'ALTA VELOCITÀ: AZIONE DIRETTA!!!


COMITATO AUTOGESTITO "NO TERZO VALICO"


[Da: <fai.monferrato -A- libero.it>]




More information about the A-infos-it mailing list