(it) Palestina-Israele, la lotta unitaria nella settimana della Nakba [en]

a-infos-it a ainfos.ca a-infos-it a ainfos.ca
Gio 26 Maggio 2011 17:58:40 CEST


 Palestina-Israele, la lotta unitaria nella settimana della Nakba [en]
18.05.11 - La giornata della Nakba non è stata solo la commemorazione
di quel giorno del 1948 in cui le organizzazioni sioniste
conquistarono la maggior parte della Palestina e deportarono la
maggior parte dei residenti palestinesi. E' stata anche una settimana
di espansione delle lotte contro l'occupazione del 1967, contro il
sacco della Palestina del 1948 e contro le continue deportazioni dei
suoi abitanti. Le forze di stato hanno aumentato l'intensità della
repressione contro le programmate manifestazioni nelle località della
lotta unitaria in cui gli anarchici contro il muro si uniscono agli
attivisti palestinesi - Bil'in, Beit Ummar, Ni'lin, Nabi Salih,
Al-Ma'sara e a livello regionale a Qalandiya. La settimana di lotta
unitaria contro la Nakba ha coinvolto anche Al-Walaje e
Tel-Aviv/Giaffa: sia nel quartiere palestinese di Giaffa che nel
centro di Tel-Aviv.
Beit Omar
Bil'in
Ai manifestanti palestinesi ed internazionali si sono uniti almeno 40
israeliani, i quali hanno dovuto aggirare i blocchi stradali e
proseguire a piedi per le colline per commemorare la Nakba e per
protestare contro la violenza di Israele, contro gli arresti casuali e
contro il furto della terra. Il corteo era guidato da un carretto
tirato da un somaro con i palestinesi in abito tradizionale come nel
1948 a simbolizzare il ritorno in patria dopo il 1948. La strada per
il muro della separazione era ostruita da blocchi di cemento e dalla
presenza del famigerato cannone di acqua fetida. I giovani, che
aspettavano la prima mossa dell'esercito, hanno preso a sassate il
cannone, ma i soldati hanno reagito velocemente sparando bombe
assordanti e lacrimogeni direttamente contro i manifestanti. Un
giornalista di Fox News che era in onda è stato ripetutamente corretto
dai manifestanti preoccupati per la sua inappropriata interpretazione
della situazione,
 facendogli notare che il lacrimogeno che gli avevano tirato addosso
era fabbricato in USA.

Video di Haithm Katib:
http://www.youtube.com/watch?v=mCKyxrPqQFg
http://www.bilin-ffj.org/index.php?option=com_content & task=view &
id=359Itemid=1 (togliere prima i 4 vuoti nell'URL)


Gerusalemme/Al-Quds

Silwan:

Sheikh Jarrah:
13.05.11 - http://www.facebook.com/media/set/?set=a.1666645677013.119581.1563442697


Lod

Manifestazione settimanale contro la demolizione di case, guidata dai
bambini e dalle donne della famiglia Abu-Eyd, la cui casa è stata
demolita e sono costretti a vivere per strada da dicembre 2010.

http://www.facebook.com/media/set/?set=a.1675108728584.120067.1563442697


Qalandiya

Gli attivisti che in genere partecipano alle manifestazioni del
venerdì contro il muro a contro l'occupazione a Bil'in, Ni'lin, e Nabi
Salih - residenti palestinesi ed israeliani, questa volta si sono
uniti alle masse a Qalandiya.

Oltre 1.000 uomini, donne e bambini hanno marciato a Qalandiya
domenica per ricordare la Nakba. I militari israeliani hanno fermato
il corteo usando pesantemente i mezzi di controllo delle folle che
hanno portato ad oltre 100 feriti tra cui 20 abbastanza gravi. La
manifestazione è durata dal mattino alla notte con un assalto alla
barriera alta 8 metri di Qalandiya.

Il movimento giovanile 15 Marzo insieme con vari comitati popolari
della Cisgiordania hanno organizzato una manifestazione di massa per
ricordare la Nakba al checkpoint di Qalandiya che separa Gerusalemme
da Ramallah. Oltre 1.000 manifestanti compresi sostenitori
internazionali hanno marciato da Ramallah verso Gerusalemme, ma sono
stati fermati dai soldati israeliani. I manifestanti hanno portato
delle chiavi, il simbolo dell'esproprio della terra dei palestinesi,
indossavano magliette che dicevano "elezione diretta del Consiglio
Nazionale Palestinese, un voto per ogni palestinese ovunque". Il
corteo a Qalandiya si è svolto dopo una breve manifestazione di
protesta in piazza Manara indetta dalla Autorità Palestinese.

Appena i manifestanti si sono avvicinati al checkpoint, l'esercito
israeliano ha aperto il fuoco lanciando lacrimogeni dai tetti e dal
posto di blocco. Tanti sono rimasti feriti o hanno sofferto per le
inalazioni. Nonostante gli attacchi, i manifestanti si sono
raggruppati e, per oltre 5 ore, hanno cercato di giungere
pacificamente a Gerusalemme.

Dopo un'ora di proteste, sono scoppiati gli scontri tra i lanciatori
di pietre ed i soldati israeliani. Durante gli scontri ci sono state
parecchie cariche dei soldati israeliani che hanno portato all'arresto
di 4 minorenni. Gli arresti sono stati effettuati dai soldati con
l'assistenza di poliziotti travestiti da attiviti. I manifestanti
hanno anche tentato di asportare senza successo una sezione del muro
alto 8 metri che protegge il checkpoint di Qalandiya.

Secondo lo staff medico sul posto, oltre 100 persone sono state ferite
o hanno sofferto di soffocamento per l'alto potenziale di gas che
l'esercito ha usato. 20 persone sono state ricoverate nell'ospedale di
Ramallah con ferite medio-gravi, tra cui un minorenne colpito al viso
da un proiettile di gomma. Secondo l'esercito non ci sono stati
feriti.

Racconta L. R.:

"Ho perso la voce al campo profughi di Qalandiya, tra le sirene
incessanti che portavano via i feriti da munizioni vere, ma sono
tornato tutto intero, più o meno".

Video di Haithm Katib:
http://www.youtube.com/watch?v=6y43IqA7B4I

Video di Israel Puterman:
http://www.youtube.com/watch?v=buGYv35X1yE

Foto:
http://www.facebook.com/media/set/?set=a.1836108137464.2097340.1083295028
http://www.facebook.com/media/set/?set=a.211417448880504.52767.185129341509315


Al-Ma'sara

La manifestazione di Al-Ma'sara è stata più numerosa del solito, a
segnare la giornata della Nakba, con la partecipazione di attivisti di
Combatants for Peace. I manifestanti hanno dovuto affrontare la solita
violenza dell'esercito proprio all'ingresso del villaggio:
lacrimogeni, granate assordanti e 2 arresti.

La manifestazione settimanale contro l'occupazione a Al Ma'sara ha
ricordato il 63° anniversario della Nakba. Parecchie persone sono
state ferite in seguito agli attacchi dei militari israeliani contro
la manifestazione disarmata a colpi di lacrimogeni e granate
assordanti. La manifestazione era più numerosa del solito dato che si
sono uniti molti dei residenti intorno a Betlemme, per commemorare la
Nakba. Nel corso della manifestazione, i soldati hanno arrestato Ahmed
Briggih, coordinatore del comitato nazionale contro il muro, ed
insieme a lui anche un pacifista israeliano. Sono stati portati in un
luogo sconosciuto.

Foto: http://www.facebook.com/media/set/?set=p.1998191403296
Video: http://www.youtube.com/watch?v=-OcQ60RmF6s


An-Nabi Salih

Durante la manifestazione di venerdì 13 maggio, la polizia di confine
israeliana ha usato i manganelli per picchiare i manifestanti
disarmati, compresi donne e bambini. Ogni settimana che passa, la
repressione militare cresce ad ogni manifestazione. Infatti, la
manifestazione ha dimostrato un nuovo livello dello scarso rispetto
che l'esercito israeliano ha per le sue stesse regole di ingaggio.

I soldati hanno sparato lacrimogeni direttamente addosso ai
manifestanti da breve distanza. Un manifestante israeliano ha avuto un
braccio fratturato da un colpo sparato da una distanza di 5 metri. Il
comandante in carica a Nabi Salih non ha dato il permesso per spostare
il ferito, costringendolo a farsi 2 km per poter andare in ospedale.
Un altro manifestante americano è stato colpito alla testa da un
lacrimogeno da una distanza di 15 metri. I soldati hanno sparato anche
granate assordanti addosso ai manifestanti da distanza molto
ravvicinata.
25 persone sono state ferite durante la manifestazione e 3 sono state
ricoverate. L'esercito israeliano proibisce l'uso dei lacrimogeni a
mo' di proiettili da sparare addosso ai manifestanti. La violazione di
queste regole militari di ingaggio ha già portato nel 2009 alla morte
di un manifestante a Bil'in ed a rendere paralitico l'americano
Tristan Anderson a Ni'lin nel 2008.

La violenta ed isterica reazione dell'esercito e della polizia contro
la manifestazione nel giorno della Nakba dimostra come Israele non
riesca a concepire il confronto con la resistenza civile palestinese
all'occupazione se non con l'uso di mezzi militari. Più settembre si
avvicina, più Israele sembra non aver scelto il sentiero della
democrazia, bensì quello dei paesi confinanti come l'Egitto e la
Siria, sparando contro manifestanti disarmati.

13.05.11: http://www.facebook.com/media/set/?set=a.10150238709726803.363099.770301802
Tamimi: http://www.youtube.com/watch?v=W9IcxK-jwjA
Yisrael Puterman: http://www.youtube.com/watch?v=QFGsbXuxufk


Ni'lin

David Reeb, protesta a Ni'lin venerdì 13.05.11:
http://www.youtube.com/watch?v=bCTSG3OhAHI


Tel Aviv/Giaffa

Un veglia di emergenza di circa 150 attivisti che avevano risposto ad
un appello lanciato via facebook, si è tenuta in piazza Cinemathèque.
Avevano cartelli, grandi striscioni e scandivano slogan.

I MEDIA:

La sinistra radicale: i soldati sono degli assassini

Per dimostrare il loro appoggio alla Giornata della Nakba, attivisti
dell'estrema sinistra hanno tenuto una protesta a Tel Aviv per
chiedere la fine "dell'uccisione di civili innocenti". Attivisti
dell'estrema destra hanno fatto una contromanifestazione accusando:
Voi siete la quinta colonna.

Protesta di circa 100 estremisti di sinistra vicino la Cinemathèque di
Tel Aviv per dimostrare il loro appoggio alla "Giornata della Nakba",
alla "giusta rivolta popolare" e contro "l'uccisione di civili
innocenti".

I manifestanti portavano bandiere palestinesi e manifesti con scritto
"basta uccidere civili", "Palestina libera", "l'esercito israeliano è
la più grande organizzazione terroristica del mondo", e "non c'è
santità in una città occupata".

Proteste di radicali a Tel Aviv

La sinistra radicale dice che erano lì per protestare contro
"l'uccisione dei civili innocenti" che protestavano contro
l'occupazione lungo il confine nord e sulle Alture del Golan. Alcune
donne portavano sciarpe nere sulla testa per identificarsi con la
"catastrofe" palestinese. Cantavano "Barak assassino, l'Intifada
vincerà".

Un gruppo di attivisti di destra ha fatto una contromanifestazione con
bandiere israeliane cantando "Am Yisrael Chai" (la nazione israeliana
vive).

Hanno anche apostrofato la sinistra radicale dicendo "voi siete la
quinta colonna, siete dei traditori, siete dei disertori".

La polizia è giunta sul posto per mantenere la pace dopo uno scontro
verbale tra i due settori opposti di manifestanti.


Azione a Giaffa per la giornata della Nakba
http://www.facebook.com/media/set/?set=a.10150180578739790.313820.591964789


Al-Walaje

Giornata della Nakba, 15 Maggio 2011

Centinaia di residenti di Al-Walaje insieme agli internazionali ed
agli israeliani hanno marciato pacificamente verso Al-Walajea vecchia
(area ora ripulita dalla presenza palestinese da parte di Israele)...
Il Dr. Qumsiyeh stava ancora filmando quando è stato arrestato. Ha
passato il video ad un amico ed è visibile al link:
http://www.youtube.com/watch?v=VfizCh0TaZE
http://www.youtube.com/watch?v=RD06coIJWQs


Ilan Shalif
http://ilanisagainstwalls.blogspot.com/

Anarchici Contro Il Muro
http://www.awalls.org

Traduzione a cura di FdCA - Ufficio Relazioni Internazionali
Sito in italiano su Anarchici Contro il Muro:
http://www.fdca.it/wall


More information about the A-infos-it mailing list