(it) Palestina-Israele, continua la lotta unitaria condivisa dagli Anarchici Contro il Muro ed altri israeliani insieme ai palestinesi [en]

a-infos-it a ainfos.ca a-infos-it a ainfos.ca
Dom 1 Maggio 2011 13:12:35 CEST


20.04.11 - Beit Ummar, Bil'in, Ramallah, Gerusalemme-Al Quds (Sheikh
Jarrah, Silwan) Lod-Ramla-Dahamsh, Ma'sara, Nabi Salih, Ni'lin, Tel
Aviv/Giaffa, Wad Rahal:
Sembra che le cose vadano come sempre... ma non è quasi mai così. Le
rivolte delle masse arabe in tutta la regione e l'intervento dell'ONU
sulla Palestina in settembre, creano un po' di ottimismo. Gradualmente
aumenta il numero di attivisti israeliani che aderiscono alla lotta
unitaria a Beit Ummar, Bil'in, Ramallah, Gerusalemme-Al Quds (Sheikh
Jarrah, Silwan) Lod-Ramla-Dahamash, Ma'sara, Nabi Salih, Ni'lin, Tel
Aviv/Jaffa, Wad Rahal ed altre località. Sembra che la primavera non
sia solo un fenomeno astronomico.
Beit Ummar
Manifestazione contro il muro e gli insediamenti coloniali sabato 16 aprile.
Bil'in
Quasi 60 Israeliani e parecchie dozzine di internazionali si sono
uniti alle centinaia di palestinesi di Bil'in e dintorni nella
giornata del prigioniero a Bil'in e per piangere l'assassinio
dell'attivista dell'ISM Vittorio Arrigoni. Dopo i comizi di Fadwa
Barghouti, di Fatah e di esponenti dell'associazione dei prigionieri,
i manifestanti si sono diretti verso il muro. Dato che la
manifestazione era più numerosa del solito, il lancio di lacrimogeni è
iniziato ben prima che il corteo potesse raggiungere il recinto. Un
buon numero di manifestanti è rimasto impassibile davanti al lancio di
gas e di acqua fetida, mentre molti giovani hanno cercato di
allontanare i soldati lanciando pietre.

Poco dopo, Samir Burnat, un 35enne residente del villaggio e costante
frequentatore delle manifestazioni del venerdì, ha notato un cecchino
che stava puntando il suo fucile verso un gruppo di manifestanti
vicini al cancello di ferro del muro. Egli si è avvicinato per
avvertirli ma è stato colpito 2 volte dal cecchino con munizioni vere
(da 0.22 pollici). Un proiettile lo ha colpito alla spalla destra,
mentre il secondo è entrato nel suo piede sinistro. Quando è arrivata
l'ambulanza per ricoverarlo nell'ospedale di Ramallah, i soldati hanno
sparato lacrimogeni anche sull'ambulanza.
http://popularstruggle.org/content/bilin-protester-shot-live-ammunition-sniper

L'esercito ha poi dichiarato che Samir era un "istigatore". Contro gli
"istigatori", le forze del terrorismo di stato israeliane applicano
potenzialmente la violenza mortale (ricordate Abel Srour!) quale
monito per punire gli attivisti per il crimine di "istigazione" a
manifestare.

Poco dopo che Samir era stato portato via, un gruppetto di soldati è
uscito dal recinto, ma si sono immediatamente ritirati senza sparare
(una posa per la stampa?). I giovani ne hanno approfittato per
accompagnare le Forze Terroristiche Israeliane con lancio di pietre.
Un soldato si è messo a lanciare pietre contro i giovani mentre stava
ripiegando, ma senza dimostrare particolare abilità nel lancio.

Altri 2 manifestanti leggermente feriti sono stati sottoposti a cure
sul terreno senza essere ricoverati in ospedale.

http://www.facebook.com/photo.php?fbid=1905725116583&set=a.1905724756574.105912.1045414361&type=1&ref=nf

Video di Yisrael Puterman: http://www.youtube.com/watch?v=EMsDOzcQSUA
Video di Haitham Al Khatib: http://www.youtube.com/watch?v=c5I76t63cCQ

Dopo la manifestazione, alcuni israeliani, internazionali ed attivisti
palestinesi si sono spostati a Ramallah per unirsi alla manifestazione
per piangere la morte di Vittorio Arrigoni.
Video di Haitham Khatib: http://www.youtube.com/watch?v=43tSSKYASYI

"amici,

Il 17 aprile è un anno dalla scomparsa di Bassem, che tutti
conoscevano col nome di Pheel. Sebbene egli manchi moltissimo a tutti
noi in ogni manifestazione, il suo spirito continua a vivere dentro
ciascuno di noi. Per questo secondo anniversario abbiamo deciso di far
vedere il film fatto in sua memoria. Il film è stato presentato alla
Conferenza Internazionale sulla Resistenza Popolare che si è tenuta a
Bil'in, il 22 e 24 aprile 2009. Grazie a Shai Carmeli-Pollak per la
sensibilità ed il meraviglioso lavoro che ha svolto.

Bassem Abu Rahma - un amico di tutti noi:
http://blip.tv/file/3480954 (عربي)
http://blip.tv/file/3481361 (עברית)
http://blip.tv/file/3471631 (English)
http://blip.tv/file/3481174 (Français)


Gerusalemme

Silwan:

Giro politico di solidarietà mercoledì 13 aprile, giovedì e venerdì alle 16.15.

Sheikh Jarrah:

Manifestazione venerdì 15 aprile alle 16.00. Continua la lotta contro
questi sgomberi sistematici. Manifestazione nei giardini di Sheikh
Jarrah vicino a Nablus Road.

Foto di Sheikh Jarrah 15.04.11:
http://www.facebook.com/media/set/fbx/?set=a.216837281664628.66592.100000150737581


Lod-Ramla-Dahamash

Manifestazione a Dahamash, martedì 12 aprile alle 18.00.


Nabi Salih - 15 Aprile 2011

Questa settimana a Nabi Salih la manifestazione settimanale ha
celebrato la giornata del prigioniero nel centro del villaggio per poi
dirigersi verso l'uscita sud-est del villaggio. Poco dopo aver
incontrato i soldati e dopo uno scambio verbale, i soldati hanno
iniziato a lanciare granate assordanti e lacrimogeni, e poi hanno
invaso il villaggio. Poco dopo i manifestanti si sono radunati
nuovamente per un secondo corteo e di nuovo sono arrivati i gas.
Fermato un attivista israeliano (poi rilasciato).

Dopo ore di pattugliamento dentro il villaggio lanciando ogni tanto
lacrimogeni e granate assordanti verso la gente e sulle case, è
arrivato anche il cannone dell'acqua puzzolente. I giovani lo hanno
preso a sassate, per poi essere inondati di acqua fetida. Poi di nuovo
lacrimogeni, questa volta accompagnati da proiettili di acciaio
ricoperti di gomma e da proiettili veri sparati direttamente sui
manifestanti.

Arrestati 2 palestinesi di Beit Rima.

Manifestazione a Nabi Salih nell'anniversario dell'arresto del
dirigente Marwan Barghouti e della morte del leader Khalil al-Wazir
(Abu Jihad), e contro gli insediamenti. C'erano dozzine di
internazionali e di giovani del 14 Marzo che scandivano slogan per la
fine dell'occupazione e della divisione, esprimendo anche la rabbia
per l'uccisione del pacifista italiano Vittorio nella Striscia di
Gaza, dando a questa morte il significato di voler colpire la
solidarietà internazionale nel tentativo di impedire ulteriore
sostegno al popolo palestinese accusato di essere responsabile della
morte dell'attivista italiano. Dopo l'arrivo del corteo pacifico
all'ingresso del villaggio ecco la sorpresa di un grande numero di
soldati israeliani e polizia che hanno attaccato i manifestanti con
pesante lancio di lacrimogeni con l'ordine di scoraggiare la loro
marcia, provocando dozzine di feriti, arresti ed aggressioni a
giornalisti. Come se non bastasse, i soldati se la
 sono presa con le case e con qualsiasi cosa di muovesse per le vie
del villaggio, occupando il centro del villaggio, le case e le aziende
di olio per trasformarle in postazioni da cui attaccare i
manifestanti. Nonostante il Movimento di Resistenza Popolare
Palestinese del villaggio fosse in grado di riprendere forza e di
riorganizzare le fila in 2 cortei differenti per disorientare i
soldati, questi hanno reagito rapidamente ed hanno colpito una
stazione di benzina. Il Movimento di Resistenza Popolare è consapevole
da parte sua che questi attacchi non intimidiscono i giovani del
villaggio e non dissuaderanno gli abitanti dal continuare la lotta
fino al ripristino del legittimi diritti del popolo palestinese.

Video di David Reeb su http://www.youtube.com/watch?v=dHnBKVj_194
Altro video su: http://www.youtube.com/watch?v=dakl7uEtDfk


Ni'ilin

La manifestazione settimanale contro il muro è iniziata dopo la
preghiera di mezzogiorno tra gli ulivi del villaggio. Un gruppo di
circa 40 manifestanti ha marciato verso la strada del muro. Alcuni
hanno intimato ai soldati di guardia al muro di andarsene a casa e di
piantarla con i furti di terreni del villaggio, mentre un gruppetto di
giovani iniziava a lanciare pietre al di là del muro. I soldati hanno
reagito con i lacrimogeni, ma nessuno è rimasto ferito.


Tel Aviv/Giaffa - 16.04.11

Proposta di comunicato di solidarietà degli Anarchici Contro il Muro
per ricordare Vittorio Arrigoni nella manifestazione di lutto a
Giaffa:

Piangiamo la morte del nostro caro compagno Vittorio Arrigoni. Di
fronte a questo omicidio, gli Anarchici Contro il Muro sono scioccati
e sconvolti per questa tragedia e per la terribile perdita. Insieme
alla famiglia Arrigoni piangiamo addolorati con i nostri amici
dell'International Solidarity Movement, col popolo palestinese e con
tutti coloro che hanno lavorato e lottato insieme a Vittorio
spalla a spalla per mettere fine al criminale e disumano assedio
israeliano su Gaza.

Vittorio era un vero combattente per la libertà, che faceva sentire la
voce degli oppressi ed aveva scelto di restare col popolo di Gaza
assediato durante il massacro perpetrato dagli israeliani nel dicembre
2008. Il ricordo di Vittorio resta impresso in queste azioni di
profonda solidarietà e noi, attivisti nella lotta palestinese per la
libertà e per la fine dell'occupazione e dell'apartheid, siamo sicuri
che proseguiremo sullo stesso sentiero intrapreso da Vittorio.

Contro un atto così brutale, dovremmo tutti far sentire la nostra
opposizione e rafforzare la nostra lotta per la libertà e la giustizia
contro qualsiasi nemico. L'opera di Vittorio non sarà invano.

RESTIAMO UMANI
In memoria del caro Vittorio Arrigoni, 1975-2011


Wad Rahal

Fadi, fratello di Shadi, è uscito dal carcere ed i suoi amici hanno
invitato gli Anarchici Contro il Muro a festeggiare insieme domenica
25 aprile.


Ilan Shalif
http://ilanisagainstwalls.blogspot.com/

Anarchici Contro Il Muro
http://www.awalls.org

Traduzione a cura di FdCA - Ufficio Relazioni Internazionali
Sito in italiano su Anarchici Contro il Muro:
http://www.fdca.it/wall


More information about the A-infos-it mailing list