(it) Rosta/Condove. Blocchi e resistenza No Tav

a-infos-it a ainfos.ca a-infos-it a ainfos.ca
Ven 12 Mar 2010 10:37:58 CET


Lunedì 8 marzo, tra l'una e le due di notte. Al buio, accompagnata da poliziotti e
carabinieri, è arrivata a Rosta una trivella per il sondaggio 55. L'hanno piazzata
in mezzo ad un prato, hanno chiuso tutte le strade di accesso, piazzando check point
persino davanti a S. Antonio di Ranverso. Sin dalla notte i No Tav si sono dati il
cambio a presidiare, informando la popolazione, sostando nei pressi della rotonda
di fronte agli impianti sportivi. Intorno alle sei del pomeriggio l'assemblea di
piazza si trasforma in blocco: il cambio della guardia viene ostacolato per oltre
un'ora. Le decine di blindati di polizia e carabinieri posti a guardia della
trivella
vengono fermati dalla determinazione a di un movimento che, giorno dopo giorno,
notte dopo notte, resiste alla militarizzazione di strade e paesi, incurante delle
infamie diffuse da media servi del partito trasversale degli affari.

Alle 21 parte un'assemblea al presidio di S. Antonino, dove, in mattinata,
era piovuta l'ennesima minaccia di sgombero. Respinta ovviamente al
mittente. I signori del Tav occupano militarmente il territorio, i presidi
No Tav ne difendono dall'invasione qualche scampolo.

Finita l'assemblea, intorno alle 23, numerosi No Tav "vanno a prendere il
treno" alla stazione di Condove. Passato l'ultimo treno passeggeri,
salutato dalle bandiere, un locomotore si blocca di fronte al treno
crociato. Il blocco dura circa un'ora.

Qui un paio di foto:
http://piemonte.indymedia.org/article/7902

Domani si ricomincia.

Alla faccia dell'inverno che non vuole finire, alla faccia di certa stampa
che non perde occasione per gettare fango sul movimento. Ultima trovata la
notizia dei due rumeni "pagati" per fare scritte minacciose sul direttore
della "Busiarda". Un altro tassello della strategia della tensione, ordita
nella speranza di criminalizzare qualcuno, di spaventarne altri, di
spaccare il movimento. Un'illusione. Quando i No Tav hanno voluto dire la
propria lo hanno fatto a viso aperto, con presidi di piazza che
denunciavano le menzogne interessate del giornale diretto da Mario
Calabresi. Una domanda sorge spontanea: a chi conviene indossare i panni
della vittima per nascondere l'indecente campagna ai danni dei No Tav?

Vogliamo scommettere che domani o domani l'altro i gazzettieri dei
quotidiani torinesi se ne inventeranno un'altra?

Prossimi appuntamenti:

- Domani alla trivella di Rosta
- Mercoledì 10 in piazza Madama Cristina a Torino (se non piazzano nuove
trivelle a Torino e cintura)
Ore 17,30 punto info / ore 18,30 assemblea / ore 19,30 cena autogestita
- Mercoledì ore 21 fiaccolata a Rosta

Per info e contatti:
notav_autogestione a yahoo.it
338 6594361


[Da: "Federazione Anarchica Torinese - FAI" <fat -A- inrete.it>]




More information about the A-infos-it mailing list