(it) 1 marzo report dal Friuli Venezia Giulia

a-infos-it a ainfos.ca a-infos-it a ainfos.ca
Mer 3 Mar 2010 09:35:03 CET


 Il report che segue è tratto dal sito www.info-action.net dove trovate
anche un galleria di foto della giornata a Trieste.Questo resoconto verrà
pubblicato anche su Umanità Nova.
L'iniziativa più grande e significativa si è svolta a Trieste, dove il
comitato locale, composto da diverse realtà, ha svolto un intenso lavoro di
preparazione, con migliaia di manifesti, adesivi, volantinaggi nei bar e
nelle fabbriche. Unica provincia regionale (e una delle poche in Italia)
dove è stato proclamato sciopero generale da parte di USI-AIT e COBAS,
nonostante i vari tentativi di boicottaggio degli ambienti della triplice.
La giornata è iniziata sotto i migliori auspici grazie a uno splendido sole
che ha accolto quasi trecento persone (fra cui molti immigrati) in piazza
Cavana per un presidio, a cui poi è seguito un reading itinerante di poesie
di donne immigrate, che si è trasformato in un corteo spontaneo.
Alle 15 altre trecento persone (anche qui forte la presenza immigrata) sono
partite per un altro corteo spontaneo (con forte nervosismo della digos) per
ripulire il centro città dalle scritte razziste violando anche la zona del
Viale, storica zona fascista, dove da vari decenni nessuna iniziativa di
movimento riusciva a mettere piede.
Più tardi partiva da piazza Ponterosso (in cui già dalle 15 era stato
allestito un presidio informativo) un grande corteo che cresceva lungo tutto
il percorso fino a raggiungere oltre un migliaio di partecipanti: immigrati
nordafricani (i più numerosi), studenti albanesi, donne immigrate, italiani
solidali... Un corteo come non si era mai visto a Trieste è sfilato per due
ore nel centro cittadino bloccando il traffico. Lo striscione di apertura
recitava: “1 marzo 2010: siamo tutti stranieri-antirazzisti”. Tantissimi gli
slogan e gli interventi contro le leggi razziste, il pacchetto sicurezza, i
CIE, le espulsioni. Nelle migliaia di volantini distribuiti si poneva
l'accento sul perverso legame fra permesso di soggiorno e contratto di
lavoro.
Arrivati in Piazza Unità una delegazione incontrava il prefetto per chiedere
conto dell'intollerabile atteggiamento della questura (con il silenzio
complice della prefettura) che, interpretando a modo suo le normative
ministeriali sulla recente sanatoria, sta minacciando di espellere decine di
immigrati. Già un primo caso si è verificato pochi giorni fa.
In piazza continuavano gli interventi a più voci (fra cui uno che denunciava
la repressione verso gli antirazzisti torinesi). Alla fine la delegazione è
scesa portando un primo risultato concreto: il prefetto si è impegnato a
intervenire sull'argomento. E' chiaro che alle parole devono seguire i fatti
e il movimento vigilerà con attenzione su questo. La giornata è finita con
una cena e dei concerti presso un'associazione.
Una giornata da incorniciare, che ha visto la qualificata presenza dei
compagni e delle compagne del Gruppo Anarchico Germinal sia dentro il
comitato, contrastando le tendenze moderate che puntavano a sgonfiare lo
sciopero, sia in piazza con centinaia di volantini distribuiti sul caso di
Joy, Hellen e le altre donne che si sono ribellate alle violenze nei CIE, le
bandiere anarchiche e la diffusione della stampa, nonché in numerosi
interventi al megafono alla testa del corteo.
A Pordenone un presidio di 500 persone (fra cui molti immigrati) ha
caratterizzato la giornata. Qui i compagni/e di Iniziativa Libertaria, che
aderivano al comitato locale, sono scesi in piazza con uno striscione e
l'intervento di un compagno ha di fatto qualificato l'iniziativa insistendo
sulla libertà di circolazione, l'abbattimento delle frontiere, la chiusura
dei CIE (lager per immigrati) ed il diritto di tutti a ricercare la propria
felicità ovunque contro le politiche securitarie e razziste dei vari
governi.
Molto peggio invece a Udine dove il comitato locale (di fatto egemonizzato
dai partiti di centro sinistra) non è riuscito altro che a fare un presenza
in piazza con 300 persone, in cui gli immigrati erano un'esigua minoranza. I
compagni/e del Centro Sociale Autogestito hanno scelto di essere presenti,
volantinando un proprio testo in polemica con il taglio istituzionale del
comitato locale.
 Da gruppoanarchicogerminal-a-hotmail.com
-------------- parte successiva --------------
Un allegato HTML è stato rimosso...
URL: <http://lists.ainfos.ca/pipermail/a-infos-it/attachments/20100303/6fe303f8/attachment.html>


More information about the A-infos-it mailing list