(it) Palestina-Israele, la lotta unitaria contro l'occupazione e contro il muro si espande [en]

a-infos-it a ainfos.ca a-infos-it a ainfos.ca
Sab 28 Nov 2009 23:08:20 CET


Palestina-Israele, la lotta unitaria contro l'occupazione e contro il
muro si espande [en]
22.11.09 - Bil'in, Gerusalemme, Ma'asara, Ni'ilin, Refusniks:
Questa settimana, la lotta degli Anarchici Contro Il Muro si è
concentrata sulla "trinità" di Bil'in, Ni'ilin, e Ma'asara. Circa 60
persone si sono mobilitate con noi, soprattutto dalla regione di Tel
Aviv. La dirigenza ufficiale palestinese non può che prendere atto con
un po' di frustrazione dell'espansione delle lotte a Bil'in e Ni'ilin
in forme non violente come una sorta di terza Intifada in tutta la
West Bank. Al tempo stesso, pare proprio che i servizi segreti
israeliani, ben consapevoli dell'allargarsi di questa opzione di
lotta, abbiano cercato disperatamente negli ultimi mesi - ma senza
successo - di stroncare l'esempio di Bil'in procedendo ad arresti
notturni dei principali esponenti del Comitato Popolare del villaggio.
Le altre lotte - come quelle sul fronte degli obiettori di coscienza e
degli sgomberi a Sheikh Jarrah - sono stati meno prominenti.


BIL'IN

Anche questo venerdì si è aggiunto un altro anello alla catena di
quasi 5 anni di lotte a Bil'in contro il muro della separazione e
contro l'occupazione. A mezzogiorno, circa 100 persone, tra cui 35
attivisti israeliani ed una dozzina di attivisti internazionali, hanno
marciato dal centro del villaggio verso il cancello sul perimetro del
recinto della separazione.

Tra i soliti slogan, c'erano quelli dedicati agli attivisti locali
arrestati negli ultimi mesi ed a quelli più recenti di giovedì 19
novembre.

Al cancello, come al solito, le forze di Stato non hanno fatto
attendere molto la loro dose di lacrimogeni. E, come al solito, non
poche granate sono state riinviate al mittente affinché potessero
"gradire" la loro stessa "medicina".

Dato che il vento non si portava via i gas, ce ne siamo andati via
prima del previsto. Parte di noi ha cercato per un po' di sfidare le
forze di Stato lungo una sezione del recinto della separazione, per
poi ritornarsene al villaggio.


GERUSALEMME

"Corteo settimanale di protesta da piazza Zion al quartiere di Sheikh Jarrah

Aderite al corteo da Gerusalemme ovest a Gerusalemme est per
protestare contro l'ingiustizia commessa contro i residenti
palestinesi di Gerusalemme Est. Il corteo terminerà a Sheikh Jarrah
con una protesta contro l'impresa dei coloni nel quartiere.

Il corteo partirà da piazza Zion alle 13:30, di venerdì 20 novembre.

Ogni venerdì i coloni si riuniscono nel quartiere per pregare e farsi
vedere in pubblico. Durante tali raduni ci sono stati spesso attacchi
contro le famiglie palestinesi sfrattate.

Questo venerdì ai coloni si uniranno i membri del movimento estremista
di destra "Im Tirtzu".

Partecipate per prendere coscienza e per protestare contro i tentativi
dei coloni di prendersi Gerusalemme Est!

Per altre informazioni sui trasporti da Tel Aviv: Maya."


MA'ASARA

Circa 50 palestinesi, israeliani ed internazionali hanno manifestato
venerdì dal centro del villaggio di Ma'asara in direzione della strada
del recinto dell'apartheid che passa sulle terre del villaggio. Come
ogni altro venerdì, i manifestanti sono stati fermati dai soldati
israeliani e dalla polizia di confine che hanno dispiegato il filo
spinato sulla strada principale che conduce al recinto, per prevenire
con la forza l'avanzata del corteo. Alla domanda se il loro
comportamento avesse un fondamento legale, non è stata data nessuna
risposta da parte dei soldati.

Ci sono stati comizi in arabo, inglese ed ebraico, per invitare i
soldati a deporre le armi e ad unirsi alla lotta non-violenta per 2
stati indipendenti e contro i crimini commessi da Israele. Slogan,
tamburi suonati dai percussionisti israeliani del gruppo Qasamba e dai
bambini del villaggio hanno allietato i manifestanti.

Durante la manifestazione, parecchi bambini sono riusciti a superare
il filo spinato, ma sono stati respinti dai soldati. Alcuni hanno
cercato di tirar via il filo spinato con corde improvvisate che però
sono state tagliate dai soldati. Ma i bambini non la smettevano e
quando sono riusciti a rimuovere il filo spinato, hanno obbligato i
soldati al confronto fisico con i manifestanti fino a minacciare
arresti.

La manifestazione si è conclusa nel giro di 15 minuti.


NI'ILIN

200 manifestanti - palestinesi, israeliani e internazionali - si sono
riuniti oggi nel villaggio di Ni'ilin per la protesta settimanale
contro il muro. I manifestanti hanno marciato dal villaggio al muro,
che si è allungato di 500 metri nell'ultima settimana. I militari
hanno avuto abbastanza vita dura contro la determinazione dei giovani
del villaggio. Negli ultimi 15 giorni, con l'avanzare del muro, è
ricomparso - dopo alcuni mesi di calma - l'uso di proiettili veri
contro i manifestanti. Quando i manifestanti sono giunti al cancello
del muro, hanno apostrofato i soldati che stavano tutti dall'altra
parte del muro, ed hanno protestato per l'occupazione e per il muro.
Non c'è voluto molto prima che i soldati usassero i lacrimogeni, a cui
hanno risposti le pietre lanciate dai giovani. Poco dopo, il primo
ferito da un proiettile 0.22. La manifestazione è andata avanti per
ore, con 3 feriti di cui 1 leggermente e 2 di media gravità. Il lungo
muro non
 è bastato ai soldati, dato che hanno proceduto all'invasione del
villaggio. L'abilità dei giovani ha evitato che ci fossero feriti su
quel lato della manifestazione, e dopo aver inseguito i soldati che si
ritiravano al di là del muro, la manifestazione si è sciolta.

Ni'ilin, venerdì 13.11.09 - video su http://www.youtube.com/watch?v=sqwE63tJzQo
Ni'ilin, venerdì 20.11.09 - video su http://www.youtube.com/watch?v=hppUAOyOYnA


REFUSNIKS

Secondo periodo di detenzione per l'obiettrice di coscienza Or Ben-David
http://www.newprofile.org/english/?p=247

"Cari amici,

dopo aver completato il suo primo periodo di detenzione Or Ben-David
(http://www.newprofile.org/english/?p=231),  firmataria della lettera
di obiezione al militare degli studenti dell'ultimo anno delle scuole
superiori del 2009-2010 (http://www.shministim.com/) è stata
condannata stamattina presto (16 Nov.) ad altri 20 giorni di
detenzione nel carcere militare femminile (n° 400) a Tzrifin. Questo è
il suo secondo periodo di detenzione ed è la terza volta che lei viene
arrestata e processata per il suo rifiuto a fare il militare. Dovrebbe
uscire il 3 dicembre ma è probabile che venga rimessa in carcere poco
dopo. Il suo indirizzo in carcere è:

Or Ben-David
Military ID 6054025
Military Prison No. 400
Military Postal Code 02447, IDF
Israel
Fax: ++972-3-9579389

Dal momento che le autorità del carcere spesso bloccano la posta dei
detenuti per obiezione, vi raccomandiamo di mandare lettere di
sostegno e di incoraggiamento anche tramite l'indirizzo
shministim10 a gmail.com, per essere stampate e poi consegnate a lei
personalmente durante le visite.

Un breve aggiornamento anche per il caso di Walaa Kassem Naffaa
(http://www.newprofile.org/english/?p=240). Wallaa è uscito di
prigione il 4 novembre e non è stato ancora richiamato in carcere, ma
si sa che dovrà fare un terzo periodo di detenzione nelle prossime
settimane. Inoltre, abbiamo ottenuto maggiori dettagli sui suoi primi
2 periodi di detenzione, per poter procedere ad aggiornamenti sul suo
caso; si rammenta che è stato condannato a 14 giorni di carcere l'1
ottobre e ad altri 10 giorni il 27 ottobre."


Ilan Shalif
http://ilanisagainstwalls.blogspot.com/

Anarchici Contro Il Muro
http://www.awalls.org

Traduzione a cura di FdCA - Ufficio Relazioni Internazionali
Sito in italiano su Anarchici Contro il Muro:
http://www.fdca.it/wall


[Da: Federazione dei Comunisti Anarchici <fdca -A- fdca.it>]


More information about the A-infos-it mailing list