(it) Israele-Palestina: le lotte untarie contro il muro e l'occupazione non si fermano [en]

a-infos-it a ainfos.ca a-infos-it a ainfos.ca
Mar 23 Set 2008 13:32:11 CEST


14.09.08: Bil'in, Umm Salamuna, Ni'ilin, Assira Al-Qabiliya
Per tutta la settimana passata sono proseguite le lotte intensive a
Ni'ilin. La settimana è finita con la grande assemblea del villaggio
il pomeriggio di venerdì 12 settembre per commemorare la morte di
Ahmed Mousa. Gli Anarchici Contro il Muro vi hanno preso parte insieme
ad attivisti provenienti da Bil'in e dalla regione a 40 giorni
dall'omicidio di Mousa. E' seguito il pasto tradizione per rompere il
digiuno, vicino al sentiero del muro della separazione. A Bil'in,
abbiamo partecipato alla manifestazione del venerdì numero 186,
segnata dai soliti maltrattamenti contro i manifestanti non violenti
da parte delle forze di Stato israeliane. Ci sono voluti ben 4 lanci
di gas da parte dei soldati, seguiti da nostre ritirate ed avanzate
contro il muro, prima che il comitato popolare dichiarasse finita la
manifestazione.
Ni'ilin 8-9-08 - link al video http://www.youtube.com/watch?v=c4Sh-IEGmeA


Un compagno degli Anarchici Contro il Muro scrive:

"Sabato 13 settembre, siamo andati in 4 al villaggio di Assira
Al-Qabiliya nella regione di Nablus, per portare il nostro sostegno ai
residenti palestinesi, attaccati nel corso della mattinata da due
dozzine di coloni ebrei del vicino insediamento di Itzhar; questi sono
giunti nel villaggio nella mattinata di sabato per compiere un atto di
vendetta contro un accoltellamento verificatosi nella stessa mattinata
all'interno del loro insediamento. Sono entrati indisturbati nel
villaggio, alcuni armati di fucili ed altri di pietre ed hanno
iniziato a terrorizzare gli abitanti, mentre una unità militare che li
seguiva non ha fatto nulla per prevenire questo atto di violenza e li
ha persino aiutati sparando proiettili di plastica che hanno ferito 7
palestinesi.

Durante la notte, siamo stati testimoni di un attacco militare che ha
invaso il villaggio e distrutto alcune proprietà. Dopo che ce ne siamo
andati, i coloni sono tornati ed hanno cercato di erigere un loro
avamposto sulla terra del villaggio. Continueremo a stare in contatto
con la gente del villaggio ed a sostenere la loro lotta contro
l'esercito e contro l'ormai quotidiano terrorismo dei coloni."


Durante la settimana abbiamo iniziato ad organizzare la grande
manifestazione del 19 settembre che si terrà a Ni'ilin:

"Manifestazione di massa contro il muro ed in memoria di Sabra e Shatila

Ni'ilin, mercoledì 17 settembre

Nei 4 mesi passati, il popolo di Ni'ilin ha lottato contro la
costruzione del muro della separazione che viene eretto sulle terre
del villaggio. Fin dall'inizio del cantiere del muro, l'esercito ha
fatto ricorso alla violenza mortale per cercare di opprimere la
rivolta popolare. I risultati di questa violenza sono stati tanti
feriti, dozzine di arrestati e 2 persone del villaggio assassinate:
Ahmad Musa, di 11 anni e Yusef Amireh, di 17 anni.

Nonostante l'oppressione dell'esercito, il popolo di Ni'ilin continua
la sua lotta ed invita gli Anarchici Contro il Muro ad unirsi nella
resistenza contro il muro e l'oppressione violenta.

Mercoledì 17 settembre, ci uniremo al villaggio nella manifestazione
di massa, in cui si marcherà la resistenza contro il muro e si
ricorderà il massacro di Sabra e Shatila di 26 anni fa."


************************************


22.09.08: Bil'in, Ni'ilin, Refuseniks


Gli attivisti di Anarchici Contro il Muro hanno partecipato
nell'ultima settimana alle lotte contro il muro della separazione nei
villaggi di Ni'ilin e Bil'in, ed alla nuova leva di refusniks tra i
diplomati delle scuole superiori. A Bil'in c'è stata la manifestazione
del venerdì numero 187 segnata dalla solita violenza delle forze di
Stato che ci hanno lanciato addosso gas per la sola "violazione" della
strada del muro. A Ni'ilin, sono stati vani gli sforzi dell'esercito
di impedirci di arrivare al concentramento della manifestazione, anche
se a noi è costato molta fatica evitare i soldati. Comunque siamo
arrivati in 60 ed in tempo, compreso un contingente di ebrei ortodossi
anti-sionisti di Gerusalemme.

Video della grande manifestazione di mercoledì 17 settembre 2008 a
Ni'ilin per commemorare i martiri di Sabra e Shatila su:
http://www.youtube.com/watch?v=QtkO6OiM-0Q

Testo sulla manifestazione del venerdì e sulla lotta contro il muro:

"I gas feriscono dozzine di manifestanti nel corso della
manifestazione settimanale di protesta a Bil'in
L'esercito di occupazione lancia getti di acqua mista a gas lacrimogeni

Venerdì 20 settembre 2008, ai residenti di Bil'in si sono uniti
pacifisti ed attivisti internazionali ed israeliani che si sono
ritrovati per manifestare contro il Muro e contro l'insediamento
coloniale in costruzione. Oggi è il 26° anniversario del massacro di
Sabra e Shatela. I manifestanti hanno innalzato la bandiera
palestinese e condannato i massacri contro il popolo palestinese.

La manifestazione si è mossa dopo la preghiera del venerdì ed ha
chiesto a viva voce la fine della politica razzista da parte di
Israele, la fine della costruzione degli insediamenti coloniali, dei
blocchi, dei rapimenti di bambini, e dell'assedio alle città ed ai
villaggi. I manifestanti hanno marciato in direzione del muro per
raggiungere le terre confiscate che si trovano al di là di esso. Come
al solito, il cancello del muro era chiuso ed era presidiato dai
soldati israeliani riparati dietro blocchi di concrezioni. Quando i
manifestanti hanno cercato di avvicinarsi al muro, l'esercito ha
sparato granate assordanti e gas lacrimogeni la cui inalazione  ha
recato sofferenza a dozzine di persone. L'esercito di occupazione ha
anche lanciato getti di acqua blu mista a gas lacrimogeno con la
conseguenza di effetti dolorosi sulla pelle.

Ieri, l'esercito di occupazione israeliano ha presentato il primo
nuovo piano per il mutamento del percorso su cui passa il muro nei
pressi di Bil'in, in ottemperanza all'ordinanza della Alta Corte di
"giustizia" israeliana che un anno fa aveva stabilito di rimuovere il
muro e di mutarne il percorso. Due mesi fa, l'esercito israeliano
aveva proposto un piano per cambiare il percorso del muro e tale da
restituire al villaggio solo 12 ettari di terra ai coltivatori del
villaggio. Il piano venne respinto dal villaggio e dalla Corte
Israeliana. Due giorni fa, l'esercito israeliano ha prodotto un altro
piano che però non è ancora in linea con la decisione della Corte ed è
stato quindi respinto dai residenti di Bil'in. Il Comitato Popolare
Contro il Muro ha richiesto ai suoi avvocati di respingere il nuovo
piano di fronte alla Corte.

Link a http://www.bilin-ffj.org/index.php?option=com_content&t...mid=1
Grazie per il vostro costante sostegno

Iyad Burnat - Capo del Comitato Popolare di Bil'in"


Ilan Shalif
http://ilanisagainstwalls.blogspot.com/
http://matzpen.org
http://ilan.shalif.com

Anarchici Contro Il Muro
http://www.awalls.org

Traduzione a cura di FdCA - Ufficio Relazioni Internazionali
Sito in italiano su Anarchici Contro il Muro:
http://www.fdca.it/wall


Da: Federazione dei Comunisti Anarchici <fdca a fdca.it>


More information about the A-infos-it mailing list