(it) Roma: Rassegna film gennaio 2007

a-infos-it a ainfos.ca a-infos-it a ainfos.ca
Mar 9 Gen 2007 11:23:46 CET


CACA ad ARTE CHE COnCIneMA
Biblioteca l'Idea
Via Braccio da Montone 71- 71/a
Rassegna settimanale GENNAIO 2007
Alle 21.30 ogni martedi dopo la cena vegan
* * * * * * * * * *
FAMIGLIA CULLA DELLA'AUTORITA'
9 GENNAIO
PARENTI SERPENTI
Regia di Mario Monicelli, 1992, 105 minuti. Con Paolo Panelli, Cinzia Leone, Pia
Velsi, Monica Scattini, Marina Confalone, Alessandro Haber.
Riunione di famiglia nella bella Sulmona a Natale. In casa di nonno Panelli, ex
carabiniere un pò rincitrullito, e dell'infaticabile nonna Trieste arrivano i
quattro figli con famiglie. I vecchi propongono di andare a stare in casa di uno
dei figli, ma questi ultimi sono ben lungi dal desiderarlo. Commedia corrosiva
sull'ipocrisia e il conformismo imperanti in una famiglia "normale" italiana.

16 GENNAIO

PSYCHO
Regia di Alfred Hichcock, 1960, 108 minuti.
Con Janet Leigh, Anthony Perkins, Vera Miles, Martin Balsam, John Gavin, John
McIntire, Patricia Hitchcock

Marion, impiegata in una società immobiliare, scappa con 40.000$ rubati dalle
casse della ditta. Durante la fuga verso casa del fidanzato però decide di
fermarsi nel Motel gestito dal giovane Norman Bates e dalla madre, che però vive
rintanata (e senza mai farsi vedere) nella casa attigua al Motel stesso. Durante
la notte Marion viene pugnalata a morte mentre si sta facendo una doccia. La
sorella della donna, preoccupata per la sua scomparsa comincia ad indagare.


23 GENNAIO

PERCHE' IL SIGNOR R. E' STATO COLTO DA FOLLIA
Regia di Rainer Werner Fassbinder, 1969, 88 minuti.
Con Kurt Raab, Lilith Ugerer, Amadeus  Fengler, Franz  Maron.
La routine del signor Raab è apparentemente normale: disegnatore industriale,
sposato con una bella moglie e padre. Improvvisamente il tranquillo ripetersi dei
rituali quotidiani del vivere borghese sembra non conciliarsi più con la stato
d'animo del protagonista.


30 GENNAIO

UCCISE LA FAMIGLIA E ANDO' AL CINEMA
Regia di Julio Bressane, 1969, 80 minuti.
Con Antero de Oliveria, Màrcia Rodirgues, ....
Dieci schegge che deflagrano all'interno dei codici e i ruoli della famiglia
tradizionale. Morbosità, alienazione, devianze tritate dalla fantasia di Bressane
nel suo cinema fatto di sensibilità e sperimentazione. Quando nel 1970 fu
distribuito nelle sale brasiliane la polizia fece irruzione e sequestrò le copie,
il dogmatismo comunista del Cinema Novo prese le distanze da un'estetica alla
ricerca dell'incosciente, l'aborigeno e l'antropofagico. Un anno dopo il regista
fu costretto a rifugiarsi in Europa.



L'opinione corrente sull'amore e il matrimoni è che i due termini siano sinonimi,
che entrambi nascano per gli stessi motivi e rispondano agli stessi bisogni umani.
Come la maggior parte della opinioni correnti anche questa non si basa su fatti
reali ma su credenze. Amore e matrimonio non hanno niente in comune; sono l'uno
all'opposto dell'altro; sono, nei fatti, uno antagonista dell'altro. Senza dubbio,
alcuni matrimoni sono nati dall'amore. Non comunque perché l'amore possa
affermarsi solo col matrimonio; piuttosto perché poche persone possono liberarsi
completamente di una convinzione. C'è oggi un gran numero di uomini e donne per i
quali il matrimonio non è altro che una farsa, ma che vi si sottopongono con buona
pace dell'opinione pubblica. Ad ogni modo, mentre è pure vero che in alcuni
l'amore continua nella vita matrimoniale, io affermo che ciò è vero nonostante il
matrimonio e non grazie ad esso.

"Amore e matrimonio" Emma Goldman


Da: biblidea -A- bastardi.net



More information about the A-infos-it mailing list