A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) France, Alternative Libertaire AL #282 - Nucleare: EPR: ancora più pericolo (en, fr, pt) [traduzione automatica]

Date Mon, 30 Apr 2018 08:45:07 +0300


La comunicazione governativa è in sintonia con la transizione energetica. In effetti, la politica a favore dell'energia nucleare continua in particolare con la costruzione e la moltiplicazione dei progetti EPR. ---- L'espansione dell'industria nucleare è oggetto di una forte concorrenza tra i suoi vari attori. La Cina ha 19 cantieri in costruzione e EDF intende iniziare il suo primo EPR questa estate a Taïshan. E cosa fa lo stato francese ? Sostiene il suo campione! ---- Nonostante tutte le battute d'arresto del sito EPR a Flamanville, tra gli altri, il gigante francese continua a sorridere: anche il suo rivale americano è in panchina. Date le previsioni di crescita per la produzione di elettricità, non si tratta di mettere in discussione il settore. Auto elettriche, server per Internet, "Data Center", ... la produzione deve aumentare considerevolmente per assumere questa "transizione" capitalista.

La transizione verso tutto il digitale è quindi molto più importante della transizione energetica. Perché Internet, man mano che il capitalismo si sviluppa, consumerà su scala mondiale l'equivalente della produzione di cento reattori entro il 2030. Le scelte fatte richiedono una disponibilità di 24 ore, per la quale il nucleare ha beni.

Dalla transizione alla manutenzione del settore
L'affermata riduzione dell'energia nucleare al 50 % dell'elettricità generata entro il 2025 viene costantemente respinta. Hulot è ora posizionato nel 2035. Diversi elementi del linguaggio sono messi in contributo per far inghiottire il serpente ai cittadini. Ad esempio, la " riduzione della quota di energia nucleare nel mix energetico " è in realtà un aumento della produzione di energie rinnovabili (come le 1.000 turbine eoliche Aveyron), ma certamente non una chiusura delle centrali elettriche. Fessenheim, la cui chiusura è stata decisa, rimarrà aperta almeno fino alla messa in servizio dell'EPR. Il messaggio è chiaro: nessuna diminuzione della produzione nucleare.

"Il nucleare è energia pulita". Per cercare di giustificare questa non verità, lo Stato utilizza una base di calcolo equivalente al carbonio e continua la chiusura delle centrali termiche. Ma i calcoli non tengono conto dell'estrazione dell'uranio o del suo arricchimento, non più della questione dei rifiuti.

"L'energia nucleare è competitiva ". Ci stiamo dimenticando di dire che i sacchi del FES sono costantemente salvati dal contribuente. È da dimenticare che la ricerca e lo sviluppo sono in gran parte effettuati dall'esercito. Di conseguenza, grandi volumi di finanziamento escono dai conti di EDF e ingannano il costo reale. La propaganda sta funzionando a tutta velocità per giustificare che l'uscita del nucleare o anche una semplice riduzione del parco non è all'ordine del giorno.

Progetto EPR a Olkiluoto, in Finlandia
Nel 2007 la commissione per l'ecologia di AL ha scritto che l'industria nucleare era in cattive condizioni. Ed era vero ! Questa industria ora sta cercando di rinascere dalle sue ceneri diventando un attore nella " transizione energetica ". Dopo l'inaugurazione del reattore di Taïshan, EDF sarà in grado di proclamare l'apertura del primo EPR nel mondo. Un grande vincitore, cercherà di ripristinare la sua legittimità finendo Flamanville e Olkiluoto (Finlandia) e cancellando così la lista di battute d'arresto. Arriverà dopo Hinkley Point (Regno Unito) ...

Questo balzo in avanti ci spinge ancora oltre verso un probabile grave incidente ! Perché l'EPR può usare il carburante MOX, che, ricorda, è la causa principale del disastro ecologico di Fukushima. Nulla viene detto né sulle difficoltà di smantellamento dei futuri EPR. Già esiste l'esistenza di sessanta reattori stazionari di cui non sappiamo cosa fare. Nulla sull'accumulo di rifiuti. La pattumiera di Bure servirebbe a far dimenticare che esistono, ma la loro produzione continuerà.

Reinette Noyé (AL Aveyron)

Una flotta nucleare che invecchia
La mappa stabilita dalla rete al di fuori dell'era nucleare dell'era dei reattori nucleari in Francia: il parco di cinquantotto reattori che conosciamo oggi è stato costruito tra gli anni '70 e '90. La mappa menziona solo il parco in funzione. Non include l'EPR di Flamanville in costruzione o il vecchio impianto sperimentale Brennilis. Ricordiamo che è stato smantellato dal 1985, lo smantellamento regolarmente sospeso e ancora incompleto perché è un compito impossibile.

Clicca per ingrandire
Tutte le piante in rosso sulla mappa (più di 30 anni) sono in via di completamento, che è stata stimata a 40 anni. EDF è in trattative per portarli a 50 anni prima della fine del 2018 e ha nel mirino una durata di 60 anni. Non è Macron che dirà il contrario.

Secondo le regole ufficiali, due reattori sono già illegali. Tra cinque anni sarà ventuno. Tra dieci anni questo numero sarà quarantasei ! Rispetto delle norme di sicurezza o calcolo sommario della redditività ?

Il governo non sembra esitare. Inoltre, lo smantellamento delle centrali elettriche è rinviato a " in 50 anni " per la flotta francese. In ogni caso, EDF non ha stanziato gli importi necessari per questi giganteschi progetti.

http://www.alternativelibertaire.org/?Nucleaire-EPR-toujours-plus-de-danger
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it