A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) France, Alternative Libertaire AL #279 - Thau Basin: popolari Sete contro i miliardari Yachts (en, fr, pt) [traduzione automatica]

Date Sun, 4 Feb 2018 10:18:08 +0200


Quando la difesa dell'occupazione incontra la lotta contro la gentrificazione: nell'Hérault, i sindacati CGT vogliono mobilitare le persone sia come lavoratori che come abitanti di un territorio minacciato di essere trasformato in una zona di attrazione turistica. ---- Ostriche di Bouzigues, Muscat de Frontignan, i canali di Sète il suo porto e la festa di St. Louis, i suoi chilometri di spiagge ... il territorio di Thau risuona in tutto immaginario e ci riporta alla più belle canzoni Brassens, famoso anarchico della vendemmia. ---- Ma un territorio non è solo una bella foto. Un territorio è prima di tutto uno spazio che gli abitanti organizzano per soddisfare i loro bisogni, in primo luogo l'occupazione e i servizi pubblici. Ma per diverse settimane sono questi due pilastri indispensabili alla dignità e l'empowerment, che sono colpito da onde neoliberisti in tutto il Bassin de Thau (Hérault).

Alla fine di settembre, pochi giorni dopo l'annuncio dell'eliminazione di trenta posizioni nell'ospedale di Bassin-de-Thau - cento in tutto dal 2013 ! -, il sindaco di Sète (e anche amministratore delegato della clinica privata della città) ha annunciato il suo desiderio di " esternalizzare " (non diciamo privatizzare, è una parolaccia) servizi di pulizia e ritiro immondizia dal centro della città. Sono quindi 80 agenti e le loro famiglie, senza contare i contratti occasionali, che vedono l'orizzonte oscurarsi a breve termine.

Oltre a ciò, l'accordo TER, in negoziato tra la Regione e la SNCF, prevede di chiudere le biglietterie nelle stazioni di Sète e Frontignan. Tuttavia, allo stesso tempo, i progetti di poli di scambio multimodale (PEM) che costano diverse decine di milioni di euro sono pianificati su questi due comuni, promettendo di fare gusci vuoti !

Potremmo fermarci qui, ma no, sfortunatamente, il settore industriale non è escluso. Sul porto di Sète, uno dei più importanti della costa mediterranea, è lo stabilimento di Saipol, un produttore di biodiesel, che deve lasciare cadere il sipario per sei mesi nel 2018, mettendo 89 dipendenti a parziale disoccupazione. Con una paura molto forte che questo arresto diventerà permanente. Gold Saipol rappresenta quasi il 20 % dell'attività del porto. La sua scomparsa metterebbe in pericolo l'intero settore economico legato a questa infrastruttura centrale: logistica, trasporti, portuali, ecc.

E quando il lavoro rimane nel porto, i diritti non sono più rispettati: l'uso del casual sotto contratto precario è diventato la norma, minando i portuali permanenti che cercano in qualche modo di resistere.

Fumo nella neve

Notando la convergenza degli attacchi contro l'industria e i servizi pubblici, con conseguenze drammatiche sull'occupazione locale, i sindacati CGT delle varie branche si incontrarono e decisero di organizzare un momento saliente su Sète. Sabato 2 dicembre, una mattina d'inverno, un evento interprofessionale ha riunito più di 500 persone sulle banchine della città. Un grande successo per una città di 40.000 abitanti !

Ufficiali e impiegati territoriali e ospedalieri, impiegati del porto, ferrovieri, portuali, insegnanti, tutti insieme e uniti dalla popolazione, hanno marciato in una processione compatta e dinamica fino alla stazione, sotto il fiammante rossore del fumo. disagio fornito dai pescatori locali.

Una delegazione di portuali del porto di Fos-Marsiglia ha anche fatto il viaggio in solidarietà con i colleghi di Sète e ha contribuito all'atmosfera. Per non parlare di un finale sotto la neve, memorabile a queste latitudini non abituato ai fiocchi. Con questo successo, la mobilitazione deve continuare nel tempo e nella durata perché è solo il primo passo dell'equilibrio del potere da costruire.

Il "diritto alla città"

Per resistere all'offensiva, l'esperienza delle lotte tende a mostrarci che la chiave del successo risiede in un'alleanza e in una solidarietà ininterrotta tra i lavoratori interessati, la popolazione, gli utenti e gli utenti dei servizi pubblici.

Nel presente caso, un motto unificante ed efficace potrebbe essere quello del " diritto alla città e al territorio per tutti " [1]. In effetti, dietro gli attacchi contro l'occupazione si nasconde un vero progetto politico. Questa impresa di regressione sociale, di rotture di utilità e di posti di lavoro industriali, appare sempre più per quello che è: il volto dell'iceberg, vasto e ghiacciato, della ristrutturazione urbana capitalista.

Un esempio significativo: lo stesso giorno è stata annunciata la privatizzazione di alcuni servizi pubblici, quotidiano locale titolava quello sulla creazione di un porto turistico di lusso a Sète, per ospitare yacht di 100 metri (non meno ) ! Non sono sicuro che una barca che parcheggia megalomane ricchezze riguardi l'intera popolazione ...

Gli abitanti e gli abitanti non sono ingannati, dal momento che molto rapidamente è salito un collettivo contro questo progetto di marina per megayacht. Il collegamento rimane da fare con gli impiegati in lotta, ma la causa è la stessa. Questa ristrutturazione del territorio risponde agli imperativi capitalisti e non ai bisogni della popolazione e dei lavoratori. Porterà solo ad accelerare la gentrificazione della città, lo sviluppo del turismo di lusso. Esclusi dal centro della città e dalla costa, le classi popolari saranno respinte verso la periferia.

I lavoratori vedono il loro lavoro degradato e minacciato ; i residenti e gli abitanti sono derubati del loro ambiente di vita. Queste due popolazioni sono in parte uguali. Unità e solidarietà sono un prerequisito per sostenere il diritto al lavoro e il diritto alla città e al territorio per tutti.

Julien (AL Hérault)

[1] A questo proposito, leggi il file speciale " La città è nostra ! ", Alternativa libertaria, gennaio 2015.

http://www.alternativelibertaire.org/?Bassin-de-Thau-Sete-populaire-contre-yachts-de-milliardaires
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it