A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) anarres info: Il 4 novembre dei senzapatria

Date Fri, 17 Nov 2017 07:42:59 +0200


In piazza Castello tutto era pronto per la cerimonia militarista con la quale lo Stato celebra la festa delle forze armate e dell'unità nazionale. Un tempo era la festa della vittoria nella guerra per spostare un confine, per il potere e la gloria di casa Savoia. Oggi è la cornice per le missioni di guerra delle truppe tricolori in Iraq, in Afganistan, in Libano, in Kosovo, in Bosnia, nel Mediterraneo e per le strade delle nostre città. ---- Gli antimilitaristi si sono dati appuntamento in piazza Statuto per dirigersi in piazza Castello. Una manifestazione molto comunicativa con cartelli, volantini, musica, interventi e un carretto con esposizione degli ultimi modelli di armi prodotte in Italia hanno attraversato via Garibaldi diretti in piazza Castello. La celere in antisommossa si è schierata per impedire l'ingresso in piazza.

É scattata un'azione teatrale di contestazione alla cerimonia militarista che ha tenuto incollati molti passanti che assistevano e leggevano il volantino. Un bombardamento, lo strazio della morte, la beffa della retorica tricolore con i morti coperti dai colori della bandiera. Poi una scena di ribellione e diserzione. Mentre tre drappi verdi, bianchi e rossi si stagliavano di fronte ad una scena di desolazione ed un militare si strappava la divisa, la polizia si è avventata sulla stoffa strappandola. Si sono alzati cori di protesta, finché, dopo qualche tempo il blocco di polizia si è sciolto e gli antimilitaristi sono entrati in piazza. I burattini in divisa avevano già terminato la cerimonia. Anche quest'anno con un discreto anticipo sulla tabella di marcia.

I senzapatria si sono dati appuntamento al 29 novembre in via Po per un presidio di contestazione della mostra-mercato internazionale dell'industria aerospaziale di guerra in programma all'Oval Lingotto. Ogni due anni questo mercato, riservato agli adetti ai lavori - governi, imprenditori armieri, capi militari e ditte mercenarie, mette in mostra i giocattoli che seminano morte in ogni dove.

Di seguito il volantino distribuito in piazza:
4 novembre. Festa degli assassini
Niente pace per chi fa guerra

Il 4 novembre è la festa delle forze armate. Viene celebrata nel giorno della "vittoria" nella prima guerra mondiale, un immane massacro per spostare un confine.
Il 4 novembre è la festa degli assassini. La divisa e la ragion di stato trasformano chi uccide, occupa, bombarda, in eroe.

In questi anni lungo i confini d'Italia si sta combattendo una guerra feroce contro la gente in viaggio, contro chi fugge conflitti dove le truppe italiane sono in prima fila.
I battaglioni d'élite dell'esercito tricolore sono impegnati in 36 missioni di guerra: 34 all'estero in 23 paesi, due in Italia.
Le principali sono in Afganistan, Iraq, Libano, Libia, Kosovo, Somalia, nel Mediterraneo. L'impegno più importante è l'operazione "Strade sicure", che impiega 7.000 soldati.

Nelle guerre moderne muoiono più civili che militari. I soldati sono professionisti super addestrati, strumenti costosi e preziosi da preservare, mentre le persone senza divisa diventano obiettivi bellici di primaria importanza in conflitti che giocano la carta del terrore, per piegare la resistenza delle popolazioni che serve sottomettere, per realizzare i propri obiettivi di dominio.

Al riparo delle loro basi, i piloti dei droni, sparano come in un videogioco.
Questi giocattoli letali costano molto meno di un bombardiere. Un Predator armato costa 4 milioni di dollari contro i 137 di un F35.

L'Italia è in guerra da decenni ma la chiama pace. È una guerra su più fronti, descritta come intervento umanitario, ma nei fatti è occupazione miliare, bombe, tortura e repressione.
Per trarci in inganno trasformano la guerra in filantropia planetaria, le bombe mezzi di soccorso.

Gli stessi militari delle guerre in Bosnia, Iraq, Afganistan, gli stessi delle torture e degli stupri in Somalia, sono nei CIE, nelle strade delle nostre città, sono in Val Susa, sono nel Mediterraneo e sulle frontiere fatte di nulla, che imprigionano uomini, donne e bambini.
Guerra esterna e guerra interna sono due facce delle stessa medaglia.

Torino è uno dei principali centri dell'industria aerospaziale bellica.
L'industria di guerra non va mai in crisi. L'industria bellica italiana fa affari con chiunque.
L'Europa ha pagato miliardi al governo turco, l'Italia foraggia i trafficanti libici perché blocchino le partenze, chiudendo uomini, donne e bambini in lager dove stupri, torture e morte sono il pane quotidiano. Li allontanano dalla vista e se ne lavano le mani. In Siria, in Iraq, in Afganistan, in Libia si combatte con armi che spesso sono costruite a due passi dalle nostre case.

A Torino e Caselle c'è l'Alenia, la sua "missione" è fare aerei militari: gli Eurofighter Thypoon, i cacciabombardieri made in Europe, e gli AMX. Le ali degli F35 sono costruite ed assemblate dall'Alenia.
Giocattoli costosi che hanno un unico impiego: uccidere.

Lo Stato italiano investe ogni ora due milioni e mezzo di euro in spese militari.

Le prove generali dei conflitti di questi anni vengono fatte nelle basi militari sparse per l'Italia.
La rivolta morale non basta a fermare la guerra, se non sa farsi resistenza concreta.
Negli ultimi anni sono maturate esperienze che provano a saldare il rifiuto della guerra con l'opposizione al militarismo: il movimento No F35 a Novara, i no Muos che si battono contro le antenne assassine a Niscemi, gli antimilitaristi sardi che lottano contro poligoni ed esercitazioni.

Anche nelle strade delle nostre città, dove controllo militare e repressione delle insorgenze sociali sono ricette universali, c'è chi si oppone alla militarizzazione delle periferie, ai rastrellamenti, alle deportazioni.

Per fermare la guerra non basta un no. Occorre incepparne i meccanismi, partendo dalle nostre città, dal territorio in cui viviamo, dove ci sono caserme, basi militari, aeroporti, fabbriche d'armi, uomini armati che pattugliano le strade.
Contro tutti gli eserciti, contro tutte le guerre!

https://anarresinfo.noblogs.org/2017/11/12/il-4-novembre-dei-senzapatria/
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it