A - I n f o s

a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **
News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts Our archives of old posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Catalan_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ _The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_
First few lines of all posts of last 24 hours | of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019 | of 2020

Syndication Of A-Infos - including RDF - How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups

(it) Canada, Collectif Emma Goldman - [Storia del FLQ] La cella di fronte a Saguenay-Lac-Saint-Jean (de, en, fr, pt)[traduzione automatica]

Date Sat, 17 Oct 2020 11:18:06 +0300


La storia dei rivoluzionari del Front de liberation du Québec (FLQ) è lungi dall'essere limitata agli eventi di ottobre (vedi: 50 anni fa ... "la crisi" di ottobre). Infatti, è stato solo dopo aver compiuto una serie di azioni violente dal 1963 che l'FLQ ha compiuto i suoi due rapimenti politici. Si noti che alla fine di questo decennio, l'FLQ ei vari sottogruppi che lo hanno costituito (Army of Liberation of Quebec (ALQ), Revolutionary Army of Quebec, (ARQ) e Union for the Armed Liberation of Quebec Quebec[1]) piazzò o fece esplodere più di 200 bombe, commise dozzine di rapine e riuscì nella spettacolare impresa di svuotare gli arsenali militari[2]dei Fusiliers du Mont-Royal (reggimento di riservisti) e del reggimento artiglieria da campo a Shawinigan (reggimento di riserva) durante un'operazione chiamata Casernes nel 1964. Inoltre, le attività del FLQ portarono alla morte del vice primo ministro Pierre Laporte,
Troppo spesso si dimentica che i rapimenti politici che porteranno alla crisi di ottobre sono stati motivati dal desiderio di liberare 23 prigionieri politici. Tra questi 23 prigionieri arrestati nelle diverse ondate e reti del FLQ che si sono susseguite, tre erano nativi di Saguenay-Lac-Saint-Jean: Pierre Demers, Réjean Tremblay e André Lessard.

Nel maggio 1970, Réjean Tremblay e André Lessard furono arrestati ad Alma. Sono poi accusati di aver commesso una dozzina di rapine in banche e Caisses Populaires Desjardins come parte delle attività di una rete di finanziamento FLQ. A luglio, anche Jacques Boulianne è stato arrestato ad Alma. È accusato di aver appiccato cinque incendi in edifici pubblici e commerciali della regione e di aver cercato di accenderne un altro. In una lettera del 13 ottobre 1970, lanciata in tribunale quando si presentò per la sentenza, rivendicò la sua appartenenza al FLQ. Il fatto che il nome di quest'ultimo non compaia nella lista dei 23 prigionieri politici del FLQ può indurre a presumere che Boulianne fosse forse alla fine un "lupo solitario".

Le Soleil , 15 ottobre 1970

Dopo il rapimento di James Richard Cross, Réjean Tremblay rilascia un'intervista a un giornalista del quotidiano Le Soleil: "André Lessard e io ci rifiuteremo di lasciare il Quebec perché siamo innocenti del crimine di cui siamo accusati. ". Un po 'più avanti nell'articolo, Tremblay afferma che sarebbe preferibile che il governo cedesse alle richieste dei rapitori e che prima o poi i Felquisti dovranno decidere di liquidare qualcuno: "Se rilasceranno Cross, dubiteremo che Sulla loro serietà, se mai ci fosse stato un altro rapimento, il governo non avrebbe risposto. Un giorno o l'altro, dovrà arrivare a questa situazione. "

Le Soleil , 10 ottobre 1970
Réjean Tremblay e André Lessard si erano conosciuti alcuni anni prima per aver preso parte all'affare La Macaza. Sono stati anche condannati rispettivamente a due anni e mezzo di carcere.

L'incredibile vicenda di La Macaza.

La Macaza è una base militare situata nei Laurenziani. È quindi uno dei punti del sistema di difesa del Nord America e ospita missili Bomrac armati di testate nucleari fornite dall'esercito americano. Come Louis Fournier menziona nel suo libro FLQ Histoire d'un mouvement clandestin , l'introduzione di tali armi aveva già provocato molte manifestazioni pacifiche nel 1964 su iniziativa del movimento per il disarmo nucleare e la pace guidato dal giornalista Jacques Larue. -Langlois.

Nell'estate del 1965, un commando composto da sette persone di due celle del FLQ, una di Montreal e l'altra di Saguenay-Lac-Saint-Jean (Réjean Tremblay, André Lessard e Bertrand Simard), tutti ex I militanti di ARQ[3]si sono accampati vicino alla base di La Macaza. Scoppia una sparatoria tra polizia e commando dopo la denuncia della presenza dei militanti da parte di un cittadino. Un criminale rimane gravemente ferito e un poliziotto viene rapito. Pochi giorni dopo, gli ultimi felquisti in fuga si arresero. Secondo la polizia, i guerriglieri intendevano far saltare in aria la base militare, ma la prova del complotto non è mai stata stabilita (Fournier, p.109). Alla fine, saranno accusati e condannati per aggressione, possesso illegale di armi e complicità nel rapimento.

Le Soleil, 19 luglio 1965
La grande notte

"13 persone sono state arrestate, perquisizioni multiple, un clima di tensione, questo è ciò che riassume la grande notte del 16 ottobre, che ha ricordato molti dei giorni bui della guerra 1939-45 ..." ( Le Soleil, 17 ottobre 1970 )

Le Soleil , 17 ottobre 1970

Dopo ottobre ...
Il 3 agosto 1971, una bomba è esplosa in un'azienda Steinberg ad Arvida dove i dipendenti erano in sciopero. Louis Fournier afferma che: "Tutto indica che questo attacco è di natura puramente locale. Ma stranamente, verrà rivendicato una settimana dopo in un comunicato stampa rilasciato da Carole Devault per conto di una falsa cellula FLQ.»(Fournier, p.409).

Le Soleil , 18 agosto 1971

Oggi...

Sembra molto tempo fa, quando una percentuale significativa di separatisti non erano solo rivoluzionari, ma anche solidali con le lotte di liberazione nazionale, volevano la liberazione dei lavoratori del capitale e la liberazione delle donne del Quebec dalle loro oppressioni specifiche (Fournier, p. 425). Oggi, la bandiera dei patrioti e l'immagine del vecchio 1837-1838 sono diventati oggetti antiquati macchiati dall'identità di estrema destra e dai cospiratori. (vedi:Manif conspi in Chicoutimi. Quello che TVA e Le Quotidien non hanno menzionato )

[1]"Due terroristi avrebbero commesso 10 rapine", Le Soleil, edizione del 2 giugno 1970, p. 24.

[2]Il bottino include 92 mitragliatrici FN 7.62, 34 mitragliatrici Sten, quattro mortai da campo, 3 lanciarazzi anticarro, granate, pistole, munizioni e altro.

[3]ARQ o la rete di François Scrim. François Scrim e Edmond Guénette vengono inizialmente condannati a morte per il raid internazionale che ha provocato la morte di due persone.

Postato 20 ore fa da Collectif Emma Goldman

http://ucl-saguenay.blogspot.com/2020/10/histoire-du-flq-la-cellule-du-front-au.html
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center