A - I n f o s

a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **
News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts Our archives of old posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Catalan_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ _The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_
First few lines of all posts of last 24 hours | of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019 | of 2020

Syndication Of A-Infos - including RDF - How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups

(it) grupo via libre: Le proteste del 9 settembre contro la brutalità della polizia in Colombia (ca, en) [traduzione automatica]

Date Tue, 15 Sep 2020 09:04:52 +0300


Nel pomeriggio di mercoledì 9 settembre 2020, ci sono state più proteste contro la brutalità della polizia in città come Bogotá, Medellín, Cali, Barranquilla, Ibagué e Tunja. Con il suo asse nella capitale, l'attività è iniziata con una concentrazione di alcune centinaia di persone davanti al Comando di Azione Immediata (CAI) nel quartiere Villa Luz del comune di Engativá, dove si è verificato un forte scontro con le forze di sicurezza. Da lì, gli scenari di denuncia e shock, con migliaia di partecipanti, si sono estesi ad altri settori della città, principalmente nei quartieri popolari, a città come Suba e Kennedy, e, in misura minore, Bosa, Usme, Teusaquillo, Antonio Nariño, Usaquén e Ciudad Bolívar, nonché città nella periferia di Bogotá come Soacha e Madrid.

Chiamata spontaneamente dai social network dopo il crudele assassinio di Javier Ordoñez da parte degli agenti di polizia all'alba di mercoledì, la protesta contro l'azione repressiva sorprende per la sua ampiezza e rapidità. L'attività è stata catalizzata dalla diffusione del video che mostra il trattamento crudele al quale diversi agenti di polizia sottopongono un Javier Ordoñez già ridotto e sul campo. La risposta della popolazione sembra essere influenzata dalla mobilitazione della popolazione nera degli Stati Uniti contro la polizia razzista dopo l'omicidio di George Floyd, e dall'esperienza antirepressiva delle giornate di mobilitazione di novembre-dicembre 2019 nel Paese, motorizzata da turno per l'omicidio della giovane Dilan Cruz.

La giornata di protesta contro la brutalità della polizia, il 9 settembre, ha elementi di rivolta locale, ed è portata avanti da giovani popolari, vittime abituali della brutalità della polizia e obiettivo principale della disoccupazione, del lavoro precario e della violenza urbana. Riprende, anche se ancora senza una chiara continuità politica, le proteste del movimento delle donne contro la violenza sessuale commesse dalle Forze di Sicurezza nel giugno di quest'anno, le mobilitazioni della fame di lavoratori disoccupati e abitanti dei quartieri popolari nei primi mesi la quarantena e le giornate di mobilitazione più deboli il 21 agosto contro i massacri e l'aumento delle violenze nel Paese.

In un contesto segnato dalla stanchezza sociale e dalla crisi economica generata dalle misure di isolamento obbligatorie e dalla crisi socio-sanitaria derivante dalla pandemia COVID-19, queste proteste si articolano con una nuova ondata di denunce da parte delle vittime, organizzazioni che difendono i diritti umani e i media, delle molteplici pratiche di brutalità della polizia commesse dalle forze di sicurezza prima e durante la quarantena. La sua natura esplosiva mostra l'esistenza di un malessere significativo tra più settori sociali e lo sviluppo di una certa identità comune tra i partecipanti, seppur disorganizzata e frammentata.

La lotta contro la brutalità della polizia, chiedendo giustizia per Javier Ordoñez, Anderson Arboleda, Dilan Cruz e tutte le vittime della repressione governativa, è oggi vitale. È una lotta che deve partire dal riconoscimento della centralità e della sensibilità delle vittime e delle loro famiglie, e va fatta analizzando la particolare enfasi che la repressione istituzionale pone sulle giovani donne popolari, sulla popolazione nera e sui dissidenti sessuali. L'esempio del caso di Nicolás Neira, assassinato 15 anni fa dalla Mobile Anti-Riot Squad (ESMAD), dovrebbe portarci a mettere in discussione la natura stessa delle forze di sicurezza nel quadro di uno Stato repressivo e di una società capitalista ingiusta, violenta e ineguale, delineando le possibili alternative di auto-organizzazione e cura di sé, in vista del socialismo e della libertà.

Giustizia per le vittime della brutalità della polizia!

Gruppo libertario Via Libre

https://grupovialibre.org/2020/09/10/las-protestas-del-9-de-septiembre-contra-la-brutalidad-policial-en-colombia/
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center